rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

SISTEMI DI SICUREZZA E ALLARME

NORME E TECNOLOGIE 4.0: CONVEGNI CEI

NUOVO CORSO DI FORMAZIONE “LOCALI MEDICI”

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

FORMAZIONE A REGOLA D’ARTE PER I LOCALI AD USO MEDICO

14/09/2018
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Nuovo Corso CEI 64-8/710: criteri per la progettazione, installazione, gestione, manutenzione e verifica dei locali medici.

Fabio Fiamingo – Docente CEI

 

Negli edifici adibiti essenzialmente ad uso medico, quali ospedali e case di cura (cliniche private), o più semplicemente nei locali adibiti ad uso medico, quali ambulatori e poliambulatori (talvolta inseriti in edifici destinati  anche  ad  uso residenziale), diventa essenziale la corretta progettazione e installazione del sistema elettrico utilizzatore: da queste fasi dipenderà infatti in gran parte anche la “vita” dell’impianto (ad esempio la sua gestione, la sua manutenzione più o meno facilitata, la possibilità di effettuare le verifiche, etc.).

Alla luce di queste considerazioni assume carattere fondamentale, soprattutto nella fase progettuale, la corretta applicazione della normativa tecnica vigente e  in  particolare  della Sezione 710 della  Norma  CEI  64-8, che  è interamente dedicata a questa tipologia d’impianti.

Un approccio corretto, in tal senso, non può tuttavia limitarsi all’applicazione  pedissequa  del dettato normativo, ma deve essere necessariamente supportato da una conoscenza approfondita riguardo alle motivazioni tecniche che sono alla base di queste regole: con questo approccio nasce il nuovo Corso CEI 64-8/710.

Il corso, articolato in due giornate di lavori, partendo da richiami base riguardanti le norme tecniche e la legislazione di riferimento, introduce i partecipanti ad alcuni concetti necessari allo sviluppo dei temi trattati nel seguito dei lavori (definizioni di elettromedicali, parte applicata, organizzazione di una struttura sanitaria, definizioni commentate dei locali di gruppo 0, gruppo 1 e gruppo 2).

La prima giornata prosegue con l’analisi della zona paziente, delle influenze esterne  a  cui  può essere soggetto l’impianto elettrico in questo tipo di realtà; si conclude quindi  la  prima parte dei lavori analizzando con esempi il fabbisogno di potenza in una struttura sanitaria, i conseguenti schemi adottabili con riferimento ai criteri di esercizio che questi determinano. Il pomeriggio continua con l’analisi riguardante la scelta dei componenti, in riferimento al luogo   di installazione; è quindi richiamato, in termini generali, l’argomento relativo alla  protezione  dai contatti indiretti al fine di evidenziare le particolarità di queste protezioni nei locali medici; particolare attenzione è dedicata al sistema di distribuzione IT-M e al collegamento equipotenziale.

Il primo giorno di lavori si conclude  con  richiami sulla protezione dalle sovracorrenti evidenziando la necessità, nella fattispecie, di garantire adeguata selettività sui guasti di questo tipo, allo scopo di garantire la disponibilità del sistema in generale ed in particolare alle utenze mission critical.

La seconda giornata di lavori inizia con la descrizione delle differenze tra i quadri elettrici presenti in una struttura ospedaliera,  quindi si argomenta sulle criticità che conseguono all’alimentazione dei principali elettromedicali fissi (TAC, LINAC, RMN, etc.). Successivamente, si introduce il tema dell’illuminazione (normale e di emergenza) valutando soluzioni adottabili, vantaggi e/o criticità; prima del break è dedicato uno spazio a cenni riguardanti le interferenze elettromagnetiche, i  principali  impianti  speciali (chiamata ospedaliera, rivelazione incendio, sistemi LAN, etc.) e la protezione dalla fulminazione diretta e/o indiretta. Si prosegue poi con una breve descrizione dei servizi di alimentazione di sicurezza e di riserva, la documentazione di progetto e i contenuti essenziali di quest’ultima. In ultimo, dopo la presentazione di alcuni esempi realizzativi, i lavori si concludono con la presentazione delle verifiche iniziali e periodiche, secondo la Norma CEI 64-8. I contenuti del corso sono destinati a un pubblico tecnico ampio: oltre a progettisti e installatori del settore, anche a chi nel settore ospedaliero è chiamato a vario titolo a interagire con il sistema elettrico utilizzatore. Il corso è quindi strutturato per essere fruibile anche dal personale tecnico interno alle strutture sanitarie, afferente ai servizi tecnici, ai servizi prevenzione e protezione aziendale e, non ultimo, ai servizi di ingegneria clinica.

Lo sviluppo dei contenuti è graduale e teso al consolidamento dei principi fondamentali che sono alla base del dettato normativo; concetti quali equipotenzializzazione, correnti di guasto capacitive, utilizzo di differenziali di tipo A e/o tipo B, a titolo esemplificativo, verranno presentati con un approccio didattico mirato più che alla memorizzazione dell’obbligo normativo, alla comprensione del fatto tecnico che sottende all’obbligo. Il risultato desideratoè la formazione di tecnici che prima di ricordare mnemonicamente obblighi definiti dalla normartiva abbiano ben inteso quali sono i principi tecnici che hanno ispirato tali obblighi in modo da poter risolvere, nell’approccio quotidiano, i  tanti  problemi  che si presentano nell’esercizi di sistemi elettrici di questo tipo.

La prossima edizione del corso si terrà a Milano il 15 e 16 ottobre 2018, presso la sede del CEI in via Saccardo 9.


Per informazioni e iscrizioni: my.ceinorme.it>Corsi

email: formazione@ceinorme.it

tel. 0221006.280/281/286

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”