rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA E NUOVE TECNOLOGIE

NOVITÀ CEI BOOKMARK E NOTEPAD

CORSO E-LEARNING CEI 64-8

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

ISOLATORI PASSANTI NEI TRASFORMATORI DI POTENZA

14/02/2019
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Giornata di Studio dedicata agli isolatori passanti: progettazione, costruzione, utilizzo, manutenzione e diagnostica.

Il prossimo 12 marzo, a Milano, presso la sede del CNR, si terrà la Giornata di Studio “Gli isolatori passanti nei trasformatori di potenza: progettazione, costruzione, utilizzo, manutenzione e diagnostica”, promossa dai CT 10 (Fluidi isolanti) e SC36A (Isolatori passanti) del CEI.

 

Le Norme CEI EN 60137 “Isolatori passanti per tensioni alternate superiori a 1 kV” danno la seguente definizione di isolatore passante:

“Dispositivo che permette ad uno o più conduttori di attraversare una parete, quali un muro o una cassa, isolando i conduttori da quest’ultima. Gli attacchi (flangia o dispositivo di fissaggio) sulla parete fanno parte dell’isolatore passante”.

I trasformatori di grande potenza presentano la necessità di estrarre i terminali degli avvolgimenti in alta tensione all’esterno della cassa, posta al potenziale di terra, al fine di connettere i medesimi avvolgimenti alle linee della rete AAT, AT e MT.

Figura 1 – Esempio di passanti 230 kV installati su un trasformatore di potenza

 

Questo implica il passaggio fisico di conduttori, che presentano livelli di potenziale elevati, attraverso la cassa del trasformatore o attraverso il coperchio.

Tali conduttori si trovano nella parte interna immersi nel fluido (olio, estere, etc.) del trasformatore, mentre per quanto riguarda la parte esterna sono generalmente in un’atmosfera diversa (aria nella maggior parte dei casi) ma anche olio o altro fluido (per esempio gas SF6 in pressione).

Le strutture di collegamento che consentono di realizzare questo passaggio fisico sono note come “isolatori passanti” (o bushings) e richiedono la soluzione di diversi problemi di carattere chimico, fisico, elettrotecnico, di meccanica statica e dinamica, in funzione delle tensioni in gioco, delle correnti e delle situazioni ambientali che si possono presentare nel luogo d’installazione del trasformatore.

Nel progetto del passante devono essere correttamente valutati aspetti “propri” – ovvero legati agli stress elettrici cui il componente è sottoposto – e aspetti legati alla compatibilità riguardo l’ambiente in cui devono essere installati: quindi, per la parte all’interno della cassa, il fluido e la temperatura di esercizio; per l’esterno, l’aria, l’SF6 (collegamento con stazioni blindate) o l’olio (nel caso di collegamento con cavi ad olio fluido), come pure dell’inquinamento atmosferico e a volte la rarefazione dell’aria in quota.

Nella loro qualità di componenti, i passanti sono tenuti a rispettare requisiti d’interfaccia sia meccanici sia elettrici, e ad avere un livello di qualità superiore in modo da non ridurre l’affidabilità complessiva della macchina sulla quale sono montati.

Le soluzioni costruttive adottate sono le più disparate: in passato si usava la soluzione senza gradiente, e i passanti non erano nient’altro che un corpo cavo di porcellana attraverso cui passava il conduttore, eventualmente riempito di resina. Tale soluzione fu presto abbandonata anche perché non consentiva di superare certi livelli di tensione, a favore dei passanti a capacità graduata, nei quali il gradiente di tensione desiderata è ottenuto mediante strati alternati di conduttore e di semiconduttore incorporati nel materiale isolante (Figura 2). All’interno di questa classe esistono poi molte altre sottoclassi costruttive di passanti: carta spalmata di resina, carta impregnata d’olio (OIP), carta impregnata di resina (RIP), fibra di vetro impregnata di resina (RIF®), fibra sintetica impregnata di resina (RIS) e infine in gas.

Figura 2 – Distribuzione del campo elettrico in passanti non a gradiente (sx) e a gradiente (dx) Fonte: Power Transformers – Vol.2 – Areva 

L’involucro esterno del passante è stato per molti decenni realizzato quasi esclusivamente in porcellana, un materiale che oltre ad essere un isolante quasi ideale vanta anche un’impermeabilità praticamente assoluta, impendendo i non voluti ingressi di umidità, a discapito però di notevole fragilità; per cui, in caso di scoppio del passante, i frammenti di porcellana vengono proiettati con violenza (shattering) anche a grandi distanze potendo procurare danni a cose e persone.

Soprattutto per quest’ultima ragione, i moderni passanti vengono realizzati con l’involucro esterno in materiale polimerico, usualmente silicone, che in caso di arco elettrico si lacera senza frantumarsi e quindi senza shattering.

Ovviamente il massimo punto di criticità durante la fabbricazione è la presenza non voluta di bolle d’aria specialmente tra gli strati di carta, con conseguente innesco di scariche parziali che possono erodere i materiali e accorciare la vita del passante evolvendo nei casi più gravi in scariche elettriche. E, come si evince dalla Figura 3, tale fenomeno è molto più critico nei passanti a isolamento solido.

Figura 3 – Invecchiamento dei passanti in funzione del tipo di isolamento

 

All’atto del processo fabbricativo i passanti devono superare svariati test tra i quali vanno ricordati quelli della misura delle scariche parziali, della capacità e del tan delta.

Gli stessi test elettrici sono poi usualmente ripetuti di tanto in tanto durante il servizio ordinario. A questi si aggiungono, per i soli OIP, ma che sono peraltro ancora il tipo preponderante per numero, le misure chimiche dei gas disciolti in olio (DGA) che consentono di diagnosticare con sufficiente precisone ed anticipo guasti incipienti di origine elettrica e/o termica.

Ben due norme CEI EN disciplinano tali misure. Una generalista, la CEI EN 60599 “Apparecchiature elettriche in servizio riempite d’olio – Linea guida per l’interpretazione dell’analisi dei gas liberi e disciolti in olio” con una specifica appendice per gli isolatori passanti. Ed una dedicata solo ad essi, la CEI EN 61468 “Guida per l’interpretazione delle misure dei gas disciolti in olio in isolatori passanti”.

Inoltre, all’interno della Norma CEI EN 60422 “Oli minerali isolanti in apparecchiature elettriche – Linee guida per il controllo e la manutenzione” sono riportate molte altre informazioni utili a comprendere lo stato di salute dei passanti OIP grazie a misure chimiche quali tan δ, rigidità dielettrica, acidità, particelle, etc.

Gli isolatori passanti sono per loro natura oggetti particolarmente complessi e continuamenti sottoposti a stress di varia natura, ne deriva quindi una loro intrinseca delicatezza.

La Brochure Tecnica 642 del CIGRE “Transformer Reliability Survey”, ad opera del WG A2.47, riporta che i passanti nel loro complesso (alta, media e bassa tensione) contribuiscono notevolmente alle cause di guasto dei trasformatori.

Figura 4 – Localizzazione dei guasti (Fonte Cigre TB642) nei trasformatori di potenza superiore ai 100 MVA.

 

È fra l’altro sorprendente notare come il tasso di guasto sia aumentato, anche se non di molto, in epoche più recenti passando dal 16 al 18%.

È infine un dovere storico e un vanto ricordare come l’Italia sia stata pioniere sin dai primi anni ’60 nell’uso del dodecil-benzene (DDB) quale fluido di riempimento dei passanti (OIP), a partire da simili esperienze condotte sui cavi a olio fluido da parte dell’ing. L. Emanueli della Pirelli.

Il DDB è stato impiegato con enorme successo in cavi e passanti per merito delle seguenti qualità:

  • eccellenti proprietà dielettriche, quale ad esempio l’elevata permettività;
  • assorbimento dei gas formati dal campo elettrico;
  • bassissima viscosità che semplifica e migliora il processo di impregnazione;
  • buon punto di infiammabilità e di fuoco che riduce i rischi d’incendio;
  • basso punto di congelamento che ne consente l’uso anche con climi estremamente rigidi senza che gelifichi;
  • eccellente resistenza all’invecchiamento.

 


 

Crediti Formativi

CFP per INGEGNERI in attesa di conferma

6 CFP per PERITI

 

Per informazioni e iscrizioni

ceinorme.it > Eventi > Seminari

relazioniesterne5@ceinorme.it

02.21006.202

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”