rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Il contributo del CEI alla radioterapia

e alla medicina nucleare

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

NORME E PUBBLICAZIONI IN EVIDENZA

26/01/2023
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Selezione di nuove pubblicazioni disponibili.

Periodicamente il CEI pubblica nuove Norme e nuove edizioni di Norme e altri documenti normativi che aggiornano lo stato dell’arte del settore elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni.

Tutte le nuove pubblicazioni sono rese disponibili agli utenti di MYNORMA (https://my.ceinorme.it/index.html) e agli abbonati appena disponibili in aggiunta al catalogo. In questa rubrica si riporta una selezione di documenti di particolare interesse suddivisi per Comitato Tecnico.

Selezione di nuove pubblicazioni disponibili dal mese di OTTOBRE 2022

CT 2 Macchine rotanti

CEI EN IEC 60034-33 (CEI 2-65) Macchine elettriche rotanti- Parte 33: Generatori idroelettrici sincroni comprensivi di motogeneratori – Prescrizioni specifiche

Si applica ai generatori sincroni trifase a polo saliente e ai motogeneratori per applicazioni nelle turbine idrauliche e nelle pompe-turbine che abbiamo una frequenza nominale di 50 Hz o 60 Hz, con una potenza nominale in uscita di 10 MVA o superiore, tre o più coppie polari e una tensione nominale di 6 kV o superiore.

CEI EN IEC 60072-1 (CEI 2-66) Dimensioni e potenze normalizzate per macchine elettriche rotanti – Parte 1: Grandezze da 56 a 400 e numeri di flangia da 55 a 1080

È applicabile alla maggior parte delle macchine elettriche rotanti per uso industriale le cui dimensioni e potenze di uscita siano comprese tra: per le macchine montate su piede, altezza d’asse da 56 a 400 mm; per le macchine a flangia, diametro della circonferenza primitiva da 55 a 1080 mm. Specifica: le dimensioni di fissaggio; le dimensioni di estensione degli assi; l’assegnazione delle potenze di uscita; le misure della carcassa.

CT 9 Sistemi e componenti elettrici ed elettronici per trazione

CEI EN IEC 61375-2-8 (CEI 9-199) Applicazioni ferroviarie, tranviarie, filoviarie e metropolitane – Materiale elettronico ferroviario – Rete di comunicazione di treno (TCN) – Parte 2-8: Prove di conformità al protocollo TCN

TCN è un protocollo internazionale che ha lo scopo di definire le interfacce così da ottenere la compatibilità nella connessione tra: applicazioni collocate in veicoli o convogli differenti; applicazioni e dispositivi collocati nello stesso veicolo o convoglio. Uno dei fattori chiave per il successo nella diffusione di qualsiasi tecnologia è la standardizzazione e la garanzia dell’interoperabilità tra le varie forme della sua attuazione; a questo scopo risulta quindi utile porre in essere una verifica di conformità. Questa Parte della Norma EN IEC 61375 specifica le verifiche di conformità di ECN e ETB già definite nelle CEI EN 61375-2-3:2016-03, CEI EN 61375-2-5:2015-06 e – CEI EN 61375-3-4:2014-09 (e relative Varianti).

CT 23 Apparecchiatura a bassa tensione

CEI HD 62640/A12 (CEI 23-133;V1) Interruttori differenziali con o senza sganciatori di sovracorrente per prese fisse per uso domestico e similare

Si tratta di una revisione di carattere tecnico della Norma CEI 23-133:2016-05 relativa alle prescrizioni di sicurezza elettrica degli interruttori differenziali (RCD) incorporati o specificamente destinati ad essere utilizzati con le prese fisse a due poli, con o senza contatto di terra, per installazioni domestiche e similari.

CT 26/27 Apparecchiature per saldatura elettrica, elettrotermia industriale e processi elettromagnetici

CEI EN IEC 60519-4 (CEI 27-4) Sicurezza degli impianti elettrotermici e nei processi elettromagnetici- Parte 4: Prescrizioni particolari per gli impianti di forni ad arco

Fornisce particolari requisiti di sicurezza per gli impianti di forni ad arco e tratta i pericoli significativi, le situazioni pericolose o gli eventi pericolosi, rilevanti per gli impianti di forni industriali ad arco (elencati nell’Allegato A) per il funzionamento normale e per le condizioni di guasto singolo, nonché in condizioni di uso improprio ragionevolmente prevedibile.

CT 34 Illuminazione

CEI EN IEC 60598-1 (CEI 34-21) Apparecchi di illuminazione – Parte 1: Prescrizioni generali e prove

Specifica le prescrizioni generali per gli apparecchi di illuminazione che incorporano sorgenti luminose elettriche per il funzionamento con tensioni di alimentazione fino a 1 000 V. Le prescrizioni e le relative prove di questa Norma riguardano: classificazione, marcatura, costruzione meccanica, costruzione elettrica e sicurezza fotobiologica.

CT 45 Strumentazione nucleare

CEI EN IEC 62484 (CEI 45-87) Strumentazione di radioprotezione – Monitori di radiazione spettrometrici a portale (SRPM) impiegati per la rilevazione ed identificazione di traffico illecito di materiale radioattivo

Definisce i requisiti di prestazione dei monitori installati utilizzati per il rilevamento e l’identificazione di emettitori di radiazioni gamma e il rilevamento di emettitori di radiazioni neutroniche. Questi monitori sono comunemente noti come monitori di radiazione spettrometrici a portale o SRPM. Sono utilizzati per monitorare veicoli, container, persone o pacchi generalmente utilizzati ai valichi di frontiera nazionali e internazionali e ai porti di ingresso.

CT 57 Scambio informativo associato alla gestione dei sistemi elettrici di potenza

CEI EN IEC 61970-456 (CEI 57-88) Sistema di gestione dell’energia, interfaccia di programmazione applicativa (EMS-API) – Parte 456: Profili di stato per sistemi elettrici identificati

Definisce il sottoinsieme di classi, gli attributi di classe e i ruoli necessari, al fine di descrivere all’interno del Modello di Informazione Comune (CIM) il risultato della stima di stato, del flusso di potenza e di altre grandezze similari che rappresentano uno stato stazionario, all’interno di un sistema elettrico, per una serie di casi d’uso che sono inclusi per informazione nel documento. È destinata sia ai produttori di dati sia agli utilizzatori dei dati stessi.

CT 59/61 Apparecchi utilizzatori elettrici per uso domestico e similare

CEI EN IEC 60335-2-29 (CEI 61-174) Apparecchi elettrici d’uso domestico e similare – Sicurezza – Parte 2: Norme particolari per caricabatterie

Si occupa della sicurezza dei caricabatterie elettrici per uso domestico e similare la cui tensione nominale non è superiore a 250 V e con tensione di uscita non superiore a 120 V in corrente continua senza ondulazioni. Rientrano nel campo di applicazione di questa Norma i caricabatterie non specificatamente destinati ad essere utilizzati in un ambiente domestico, ma che possono comunque essere fonte di pericolo per il pubblico o destinati ad essere utilizzati da persone inesperte per es. nelle autorimesse, negli esercizi commerciali, nell’industria leggera, nelle aziende agricole, ecc.

CT 62 Apparecchiature elettriche per uso medico

CEI EN IEC 61223-3-7 (CEI 62-274) Prove di valutazione e di routine nei reparti di produzione di immagini mediche – Parte 3-7: Prove di accettazione e di costanza – Prestazioni relative all’immagine delle apparecchiature radiografiche dentali extra-orali utilizzate con la tomografia computerizzata dentale a fascio conico

Si applica alle apparecchiature radiografiche per tomografia computerizzata dentale a fascio conico, denominati anche apparecchiature dentali CBCT, conformi alla Norma CEI EN 60601-2-63:2016-06 e successive varianti. Riguarda le prove di accettazione e di costanza su apparecchi a raggi X dentali CBCT. Scopo delle prove di accettazione è quello di verificare la conformità dell’installazione, o dell’azione di servizio principale, alle specifiche che riguardano: la qualità dell’immagine; l’uscita di radiazione; il posizionamento del paziente. I requisiti ivi specificati sono quindi requisiti minimi. Le prove di costanza vengono eseguite per garantire che le prestazioni funzionali dell’apparecchiatura ME soddisfino i criteri stabiliti e per consentire il riconoscimento precoce delle modifiche nelle proprietà dei componenti dell’apparecchiatura ME, oltre a verificare la conformità alle specifiche che riguardano: la qualità dell’immagine; la produzione di radiazioni; il posizionamento del paziente. Contiene anche i requisiti per i documenti di accompagnamento associati all’accettazione e al test di costanza dell’attrezzatura dentale CBCT.

CEI EN IEC 81001-5-1 (CEI 62-275) Sicurezza, efficacia e protezione del software sanitario e dei sistemi IT sanitari – Parte 5-1: Protezione – Attività nel ciclo di vita del prodotto

Definisce i requisiti del ciclo di vita per lo sviluppo e la manutenzione necessari per supportare la conformità alla Norma IEC 62443-4-1, tenendo conto delle esigenze specifiche del software sanitario. L’insieme di processi, attività e incarichi descritti nella Norma stabilisce un quadro comune per i processi del ciclo di vita di software sanitari sicuri. Lo scopo è aumentare la cyber-sicurezza del software sanitario stabilendo determinate attività e compiti nel processo del ciclo di vita e anche aumentare la sicurezza degli stessi processi del ciclo di vita del software preso in esame.

CT 65 Misura, controllo e automazione nei processi industriali

CEI EN IEC 62264-6 (CEI 65-371) Integrazione del sistema di controllo aziendale – Parte 6: Modello del servizio di messaggistica

Definisce un modello, indipendente dalla tecnologia, per un insieme di servizi astratti che si trova al di sopra del livello applicativo del modello OSI e che viene utilizzato per lo scambio di messaggi di transazione in base ai modelli definiti nella IEC 62264-5. Il modello (denominato MSM, “Messaging Service Model”) è concepito per l’interoperabilità tra le applicazioni del dominio delle operazioni di produzione e le applicazioni in altri domini.

CT 68/51 Leghe e acciai magnetici, ferriti, polveri magnetiche, e componenti

CEI EN IEC 60404-17 (CEI 68-8) Materiali magnetici – Parte 17: Metodi di misurazione delle caratteristiche di magnetostrizione di nastri e lamiere di acciaio elettrico a grani orientati mediante un tester per fogli singoli e un sensore ottico

Si applica alle strisce e ai fogli di lamierino magnetico a grani orientati, specificati nella Norma IEC 60404-8-7, per la misura delle caratteristiche di magnetostrizione sotto l’applicazione di un campo magnetico in corrente alternata a 50 Hz o a 60 Hz. Definisce i principi generali e i dettagli tecnici della misura delle caratteristiche di magnetostrizione di strisce e fogli di lamierino magnetico a grani orientati mediante un tester per fogli singoli e un sensore ottico.

CT 82 Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare

CEI EN IEC 62093 (CEI 82-24) Apparecchiature di conversione di potenza per sistemi fotovoltaici – Qualificazione del progetto e approvazione di tipo

Stabilisce i requisiti per la qualificazione della progettazione di apparecchiature di conversione di potenza (PCE) adatte al funzionamento a lungo termine in sistemi fotovoltaici terrestri. La Norma è adatto per PCE da utilizzare in ambienti interni ed esterni, come definito nelle Norme CEI EN IEC 60721-3-3 e CEI EN IEC 60721-3-4. Tali apparecchiature possono includere: PCE c.c./c.a. collegati alla rete e non collegati alla rete, convertitori c.c./c.c, convertitori di carica delle batterie, regolatori di carica delle batterie, ecc. I PCE considerati sono collegati a campi fotovoltaici che non superano nominalmente una tensione massima di circuito di 1 500 V c.c.

CT 89 Prove relative ai pericoli di incendio

CEI EN IEC 60695-4 (CEI 89-6) Prove relative ai pericoli di incendio – Parte 4: Terminologia relativa alle prove al fuoco per prodotti elettrotecnici

Contiene i termini e le definizioni applicabili alle prove al fuoco per i prodotti elettrotecnici. È destinata principalmente ai Comitati Tecnici per la preparazione di pubblicazioni relative alla sicurezza in accordo ai principi definiti nelle Guide IEC 104 e ISO/IEC 51.

CT 108 Sicurezza delle apparecchiature elettroniche per tecnologia audio/video, dell’informazione e delle telecomunicazioni

CEI EN IEC 62368-1 (CEI 108-17) Apparecchiature audio/video, per la tecnologia dell’informazione e delle comunicazioni – Parte 1: Requisiti di sicurezza

Si applica alla sicurezza delle apparecchiature elettriche ed elettroniche audio/video, per la tecnologia dell’informazione e delle comunicazioni.

CT 210 Compatibilità elettromagnetica

CEI EN IEC 55025 (CEI 210-72) Veicoli, imbarcazioni e motori a combustione interna – Caratteristiche di radiodisturbo – Limiti e metodi di misura per la protezione dei ricevitori a bordo

Contiene limiti e procedure per la misurazione dei disturbi radio nell’intervallo di frequenza da 150 kHz a 5 925 MHz, per i componenti elettrici ed elettronici installati a bordo di veicoli, imbarcazioni ed altri dispositivi similari. I limiti sono definiti per proteggere i ricevitori di bordo dai disturbi prodotti da componenti/moduli nello stesso veicolo. I tipi di ricevitori da proteggere sono, ad esempio: ricevitori broadcast (audio e televisione), radiomobile terrestre, radiotelefono, radioamatoriale, radio civica, navigazione satellitare (GPS ecc.), Wi-Fi, V2X, Bluetooth.

Selezione di nuove pubblicazioni disponibili dal mese di NOVEMBRE 2022

CT 21/35 Accumulatori e pile

CEI EN IEC 62660-3 (CEI 21-73) Accumulatori e batterie a ioni di litio per la propulsione di veicoli elettrici stradali – Parte 3: Requisiti di sicurezza

Specifica le procedure di prova per osservare l’affidabilità e il comportamento in caso di uso improprio degli accumulatori e batterie a ioni di litio utilizzati per la propulsione di veicoli elettrici, compresi i veicoli elettrici a batteria (BEV) e i veicoli elettrici ibridi (HEV).

CT 23 Apparecchiatura a bassa tensione

CEI EN IEC 60669-2-1 (CEI 23-60) Apparecchi di comando non automatici per installazione elettrica fissa per uso domestico e similare – Parte 2-1: Prescrizioni particolari – Dispositivi elettronici di controllo

Si applica ai dispositivi elettronici di controllo, termine generico per indicare: gli interruttori elettronici; i sistemi elettronici per la casa e l’edificio (HBES); i sistemi di automazione e controllo di edifici (BACS); le unità di estensione elettroniche. Si applica agli interruttori elettronici ed ai sistemi HBES/BACS alimentati solo in corrente alternata, con tensione nominale di commutazione non superiore a 250 V e corrente nominale non superiore a 16 A, destinati ad essere utilizzati nelle installazioni elettriche fisse, sia per interni che per esterni, per uso domestico e similare. Si applica anche alle unità di estensione elettroniche, quali i sensori e i pulsanti, con tensione di alimentazione nominale non superiore a 250 V in corrente alternata e non superiore a 120 V in corrente continua. Si applica inoltre: agli interruttori con comando a distanza elettronico (RCS) e agli interruttori a tempo ritardato (TDS); agli interruttori elettronici ed ai sistemi HBES/BACS utilizzati per il funzionamento e per il controllo degli apparecchi di illuminazione e per il controllo della loro luminosità (dimmer); al controllo della velocità dei motori quali, ad esempio, quelli utilizzati nei ventilatori; per altri scopi, come per il controllo del riscaldamento. Si applica infine ai dispositivi elettronici di controllo che includono ricevitori e trasmettitori radio. 

CT 29/87 Elettroacustica/Ultrasuoni

CEI EN IEC 60645-6 (CEI 29-53) Elettroacustica – Apparecchi audiometrici – Parte 6: Strumenti per la misura delle emissioni otoacustiche

Si applica agli strumenti progettati principalmente per la misura delle emissioni otoacustiche nel meato uditivo esterno umano, determinate dagli stimoli delle sonde acustiche. Definisce le caratteristiche che devono essere specificate dal fabbricante, specifica le funzioni minime obbligatorie per due tipi di strumenti e fornisce specifiche di prestazione applicabili a entrambi i tipi di strumenti. Descrive inoltre i metodi da utilizzare per dimostrare la conformità alle specifiche e le linee guida sui metodi per la calibrazione periodica. Lo scopo è quello di garantire che le misure effettuate in condizioni di prova comparabili con diversi strumenti, conformi alla presente Norma, siano coerenti. 

CEI EN IEC 61689 (CEI 87-7) Ultrasuoni – Sistemi per fisioterapia – Specifiche di campo e metodi di misura nell’intervallo di frequenze comprese tra 0,5 MHz e 5 MHz

Si applica alle apparecchiature a ultrasuoni, progettate per la fisioterapia, che utilizzano un trasduttore a ultrasuoni che genera onde continue o quasi continue (ad es. tone burst) nelle frequenze da 0,5 MHz a 5 MHz. Si riferisce solo alle apparecchiature per fisioterapia ad ultrasuoni che impiegano un singolo trasduttore circolare ad onda piana, non focalizzato, che irradia perpendicolarmente alla faccia della testa di trattamento. 

CT 34 Illuminazione

CEI EN IEC 62442-1 (CEI 34-143) Prestazione energetica per unità di alimentazione di lampada – Parte 1: Unità di alimentazione per lampade fluorescenti – Metodo di misura per determinare la potenza totale assorbita dai circuiti delle unità di alimentazione e l’efficienza delle unità di alimentazione

Definisce un metodo di misura e di calcolo della potenza totale in ingresso nei circuiti unità di alimentazione-lampada quando questi funzionano con le loro lampade fluorescenti associate. Viene inoltre definito il metodo di calcolo dell’efficienza dell’unità di alimentazione di lampada. Si applica ai circuiti unità di alimentazione-lampada costituiti esclusivamente dall’unità di alimentazione e dalla(e) lampada(e). È prevista per essere utilizzata con alimentazioni in corrente continua fino a 1 000 V e/o alimentazioni in corrente alternata fino a 1 000 V a 50 Hz o 60 Hz. 

CEI EN IEC 62442-2 (CEI 34-146) Prestazione energetica per unità di alimentazione di lampada – Parte 2: Unità di alimentazione per lampade a scarica ad alta intensità (escluse le lampade fluorescenti) – Metodo di misura per determinare l’efficienza delle unità di alimentazione

Definisce un metodo per la misura delle perdite di potenza delle unità di alimentazione elettromagnetiche, della potenza totale assorbita e della potenza in standby delle unità di alimentazione elettroniche utilizzate per le lampade a scarica (escluse le lampade fluorescenti al mercurio a bassa pressione). Viene inoltre definito un metodo di calcolo dell’efficienza per le unità di alimentazione per le lampade a scarica. Si presume che le unità di alimentazione siano progettate per essere utilizzate con alimentazioni in corrente continua fino a 1 000 V e/o alimentazioni in corrente alternata fino a 1 000 V a 50 Hz o 60 Hz. 

CT 46 Cavi, fili elettrici, guide d’onda, connettori per radiofrequenza, componenti passivi ed accessori per radiofrequenza e microonde

CEI EN IEC 61169-1-6 (CEI 46-259) Connettori per radiofrequenza – Parte 1-6: Metodi di prova elettrici – Potenza RF

Fornisce i metodi di prova per la determinazione della potenza RF nominale e la tenuta in potenza dei connettori RF ad una specifica frequenza, temperatura e altitudine. Si applica: ai connettori RF cablati; ai connettori RF per microstrip; agli adattatori per connettori RF. È inoltre adatta per provare i canali RF nei connettori RF multicanale e per i connettori ibridi.

CT 56 Fidatezza

CEI IEC 60605-4 (CEI 56-5) Prove di affidabilità delle apparecchiature – Parte 4: Procedure statistiche per distribuzioni esponenziali – Stime puntuali, intervalli di confidenza, intervalli di previsione e intervalli di tolleranza

Fornisce metodi statistici per la valutazione di: stime puntuali; intervalli di confidenza; intervalli di previsione; intervalli di tolleranza. Queste valutazioni sono utili per il tasso di guasto di apparecchiature il cui tempo al guasto segue una distribuzione esponenziale.

CEI EN IEC 60300-3-4 (CEI 56-14) Gestione della fidatezza – Parte 3-4: Guida applicativa – Specifica dei requisiti di fidatezza

Fornisce le linee guida su come specificare le caratteristiche di fidatezza e indica le procedure e i criteri di verifica. Le indicazioni fornite in questo documento includono, ad esempio: consigli su come specificare in modo quantitativo affidabilità, mantenibilità, disponibilità e requisiti di manutenzione; consigli agli acquirenti di un sistema su come garantire che i requisiti possano essere soddisfatti dai fornitori; consigli ai fornitori per rispettare i requisiti fissati dagli acquirenti.

CT 57 Scambio informativo associato alla gestione dei sistemi elettrici di potenza

CEI EN IEC 62325-451-8 (CEI 57-128) Quadro di riferimento per le comunicazioni nel mercato energetico – Parte 451-8: Processi HVDC, modelli contestuali e di assieme per il mercato europeo

Specifica un pacchetto nel linguaggio UML per il processo aziendale di pianificazione del collegamento HVDC e i relativi modelli contestuali di documenti, modelli di assemblaggio e schemi XML da utilizzare nei mercati dell’elettricità di tipo europeo. Questa parte della serie di Norme CEI EN IEC 62325 riguarda il processo aziendale descritto nel Paragrafo 5.3. I componenti principali aggregati (ACC), definiti nella Norma CEI EN 62325-351:2017-03, sono stati contestualizzati in entità di informazioni aziendali aggregate (ABIE) per soddisfare i requisiti del processo aziendale di pianificazione del collegamento HVDC per il mercato di tipo europeo.

CT 59/61 Apparecchi utilizzatori elettrici per uso domestico e similare

CEI EN IEC 60335-2-32 (CEI 61-163) Sicurezza degli apparecchi elettrici d’uso domestico e similare – Parte 2: Norme particolari per apparecchi per massaggio

Si occupa della sicurezza degli apparecchi elettrici utilizzati per il massaggio per uso domestico e similare, la cui tensione nominale non è superiore a 250 V per gli apparecchi monofase e 480 V per gli altri apparecchi. Alcuni esempi di apparecchi che rientrano nell’ambito del campo di applicazione della presente Norma sono gli apparecchi per il massaggio portatili e quelli per il massaggio dei piedi, le poltrone, i lettini, i cuscini e le cinture massaggianti.

CEI EN IEC 60335-2-82 (CEI 61-226) Apparecchi elettrici d’uso domestico e similare – Sicurezza – Parte 2: Norme particolari per le macchine che forniscono un servizio alla persona e per le macchine per il divertimento

Si occupa della sicurezza delle macchine commerciali per il divertimento e delle macchine che forniscono un servizio alla persona la cui tensione nominale non è superiore a 250 V per gli apparecchi monofase e non superiore a 480 V per gli altri apparecchi. Per quanto possibile, tratta i pericoli che gli utenti e il personale addetto alla manutenzione possono comunemente incontrare nell’utilizzo e nella manutenzione degli apparecchi. Esempi di macchine per il divertimento che rientrano nel campo di applicazione della presente Norma sono: le tavole da gioco; gli apparecchi per il gioco del bowling; i bersagli elettrici; i simulatori di guida; le macchine da gioco (tipo slot machine); i dispositivi laser per il tiro al bersaglio; i flipper; i videogiochi per le sale da gioco; le giostrine per bambini (o kiddie ride). Esempi di macchine che forniscono un servizio sono: gli apparecchi per la ricarica delle schede magnetiche/elettroniche; le macchine per la distribuzione di valuta; le macchine lustrascarpe; le bilance pesapersone; gli armadietti per bagagli con serratura elettrica o elettronica.

CT 62 Apparecchiature elettriche per uso medico

CEI EN IEC 60601-2-83 (CEI 62-265) Apparecchi elettromedicali – Parte 2: Prescrizioni particolari relative alla sicurezza fondamentale e alle prestazioni essenziali degli apparecchi di fototerapia per uso domiciliare

Prescrive i requisiti che si applicano alla sicurezza fondamentale e alle prestazioni essenziali degli apparecchi di fototerapia per uso sanitario in ambito domiciliare, che vengono generalmente usati da utilizzatore non esperto. Lo scopo della Norma include tutte le sorgenti luminose per apparecchi di fototerapia ad eccezione dei laser.

CT 65 Misura, controllo e automazione nei processi industriali

CEI EN IEC 62714-5 (CEI 65-373) Formato per lo scambio di dati tecnici per l’utilizzo nei sistemi di automazione industriale – Linguaggio di markup per l’automazione – Parte 5: Comunicazione

I moderni processi ingegneristici utilizzano strumenti di ingegneria basati su software che scambiano informazioni lungo tutta la catena del processo; al suo interno i sistemi di comunicazione costituiscono una parte importante dei sistemi di automazione, sempre più decentralizzati e basati su tecnologie fieldbus ed Ethernet. È importante che il collegamento dei vari dispositivi di automazione e delle altre entità interagenti soddisfi speciali requisiti in materia di qualità, sicurezza e protezione della comunicazione. Nella Norma sono descritti: casi d’uso e strutture di rete; modello UML; rappresentazione in Automation ML.

CT 85/66 Strumentazione di misura, di controllo e da laboratorio

CEI EN IEC 61557-11 (CEI 85-37) Sicurezza elettrica nei sistemi di distribuzione a bassa tensione fino a 1 000 V c.a. e 1 500 V c.c. – Apparecchi per prove, misure o controllo dei sistemi di protezione – Parte 11: Efficacia dei dispositivi di controllo della corrente differenziale nei sistemi TT, TN ed IT

Specifica le prescrizioni, per gli apparecchi di prova, applicate alla verifica dell’efficacia dei dispositivi di controllo della corrente residua (RCM) di tipo A e di tipo B, che sono già installati nei sistemi di distribuzione. Tali apparecchi di prova possono essere utilizzati in qualsiasi tipo di rete con sistemi TN, TT o IT. L’apparecchiatura di prova può essere utilizzata anche per prove RCM a discriminazione direzionale nei sistemi IT.

CT 86 Fibre ottiche

CEI EN IEC 60794-3 (CEI 86-435) Cavi in fibra ottica – Parte 3: Cavi da esterni – Specifica settoriale

Specifica i requisiti per i cavi in fibra ottica e gli elementi di cavi destinati all’uso esterno nelle reti di comunicazione. In questo documento sono inclusi i requisiti per: i cavi da utilizzare nelle condotte, per applicazioni interrate direttamente; i cavi aerei; i cavi per attraversamenti di laghi e fiumi. Sono inclusi anche i cavi per usi speciali nelle fognature e nelle tubazioni dell’acqua e del gas. Per l’applicazione aerea, questo documento non copre tutti gli aspetti funzionali dei cavi installati in prossimità di linee elettriche aeree. Per tali applicazioni possono essere necessari requisiti e metodi di prova aggiuntivi. Il documento esclude i cavi ottici di terra e i cavi collegati ai conduttori di fase o di terra delle linee elettriche aeree. Per i cavi per gli attraversamenti di laghi e fiumi, questo documento non copre: i metodi di riparazione dei cavi; la capacità di riparazione; i cavi per l’uso con amplificatori di linea subacquei.

CT 89 Prove relative ai pericoli di incendio

CEI EN IEC 60695-7-2 (CEI 89-32) Prove relative ai pericoli di incendio – Parte 7-2: Tossicità degli effluenti dell’incendio – Elenco e rilevanza dei metodi di prova

Fornisce un breve elenco dei metodi di prova di uso comune nella valutazione della tossicità degli effluenti dell’incendio. Include speciali indicazioni in relazione agli scenari di incendio reali e fornisce raccomandazioni sul loro utilizzo. Inoltre suggerisce quali prove forniscono dati sul potenziale tossico, rilevanti per gli scenari di incendio reali, e quali sono idonee per l’utilizzo nella valutazione del pericolo di incendio e nell’ingegneria della sicurezza in caso di incendio. L’elenco dei metodi di prova non deve essere considerato esaustivo. Questo elenco non può essere utilizzato in sostituzione delle Norme pubblicate, che sono gli unici documenti di riferimento validi.

CT 210 Compatibilità elettromagnetica

CEI EN IEC 61000-4-20 (CEI 210-78) Compatibilità elettromagnetica (EMC) – Parte 4-20: Tecniche di prova e di misura – Prove di emissione e di immunità in guide d’onda elettromagnetica trasversa TEM

Definisce i metodi per le prove di emissione e immunità per apparecchiature elettriche ed elettroniche che utilizzano vari tipi di guide d’onda elettromagnetica trasversa (TEM). Include sia strutture aperte (ad esempio stripline e simulatori EMP) sia strutture chiuse (ad esempio celle TEM). Queste strutture possono essere ulteriormente classificate in relazione al numero di porte come guide d’onda TEM a una porta, a due e più porte. La gamma di frequenza di utilizzo dipende dai requisiti di prova e dalla specifica tipologia di guida d’onda TEM utilizzata. Lo scopo è descrivere: le caratteristiche della guida d’onda TEM, comprese le gamme di frequenza tipiche e le limitazioni dimensionali delle apparecchiature in prova (EUT); i metodi di validazione della guida d’onda TEM per i test di compatibilità elettromagnetica (EMC); la definizione dell’oggetto in prova o EUT (cablaggi e involucro); l’allestimento di prova, le procedure e i requisiti per le prove di emissione irradiata in dispositivi TEM; l’allestimento di prova, le procedure e i requisiti per le prove di immunità irradiata nelle guide d’onda TEM.

CT 306 Interconnessione di apparecchiature per la comunicazione elettronica

CEI 306-43 Criteri di scelta dei cavi di comunicazione elettronica in applicazione del regolamento prodotti da costruzione (CPR)

Fornisce indicazioni in applicazione della legislazione vigente – e in particolare del Regolamento CPR – per la scelta della Classe di Reazione al Fuoco dei Cavi per la Comunicazione Elettronica e per il loro utilizzo negli impianti destinati alla connessione di apparati per servizi video, telefonici e dati, realizzati all’interno di “Opere di Costruzione”. Si applica ai Cavi di comunicazione elettronica permanentemente incorporati nelle Opere di Costruzione al fine del conseguimento del Requisito n. 2 Allegato 1 del Regolamento 305/2011/UE.

CT 316 Connessione alle reti elettriche di distribuzione Alta, Media e Bassa Tensione

CEI 0-16;V1 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Questa Variante 1 alla Norma CEI 0-16:2022-03 contiene le seguenti principali variazioni alla Norma in vigore: definizione delle caratteristiche principali e dei requisiti delle modalità di funzionamento di parallelo prolungato e isola intenzionale, utili alla definizione di nuovi servizi di rete e di sistema. Nello specifico: aggiunte al Paragrafo 3 “Definizioni”, modifiche al Paragrafo 5.2.2 “Funzionamento di porzioni di rete MT di distribuzione in isola intenzionale” e integrazioni al par. 8.5.4 “Punti di connessione con alimentazioni di emergenza”; modifiche alle figure del capitolo 12 Sistemi di misura dell’energia; richiamo, nell’Allegato T, al Technical Report “Esempio di file SCL per la comunicazione IEC 61850 del CCI” per la specifica realizzazione della modalità di comunicazione del CCI; modifiche all’Allegato U per l’aggiunta del CCI (Controllore Centrale di impianto); inserimento dell’Allegato Ubis (Disciplina di esercizio dei generatori eroganti servizio di rialimentazione in isola intenzionale).

CEI 0-21;V1 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Questa Variante 1 alla Norma CEI 0-21:2022-03 contiene le seguenti principali variazioni rispetto alla Norma in vigore: aggiunte di alcune definizioni nel Paragrafo 3 “Definizioni”; inserimento dei requisiti e delle condizioni per l’utilizzo dei generatori per il funzionamento in isola intenzionale (modifica dei Paragrafo 5.2.2, 7.4 e sottoparagrafi, 8.4 e sottoparagrafi) e del Paragrafo 12; inserimento dell’Allegato GTer – Regolamento di esercizio per il funzionamento di generatori di impianti di produzione o destinati alla funzione di alimentazione di riserva di proprietà dell’Utente che erogano il servizio di rialimentazione di porzioni di rete BT del DSO in isola intenzionale su richiesta del DSO; inserimento dell’Allegato X “Controllore di infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici (CIR)” e un richiamo al Paragrafo 7.4.

CT 318 Active Assisted Living (AAL)

CEI IEC/TS 63134 (CEI 318-3) Active Assisted Living (AAL) – Casi d’uso

Illustra situazioni e casi d’uso in ambito AAL (Active Assisted Living) basati su applicazioni e prescrizioni derivate da casi concreti. I casi d’uso forniscono un quadro di riferimento pratico per valutazioni sulla interoperabilità e per lo sviluppo di Norme basate su esperienze concrete; inoltre definiscono un contesto per il corretto utilizzo delle Norme già esistenti e per la pianificazione della normativa futura. Nella pubblicazione, inoltre, sono definite le prescrizioni di utilizzo ed evidenziate le possibili aree di sviluppo della normativa in ambito AAL al fine di garantire: sicurezza; tutela della privacy; semplicità di funzionamento; prestazioni; interoperabilità.

condividi su facebook   condividi su twitter