rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

16/01/2018
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

SPD – Surge Protection Device.

Nell’ambito della promozione della classificazione degli Impianti a Livelli sostenuta da ANIE-CSI, questo articolo tratta di dispositivi di protezione contro le sovratensioni (SPD: Surge Protection Device).

 

Scelta e dimensionamento corretti di un SPD

La scelta di un SPD deve essere fatta primariamente in base alla classe di impiego e, successivamente, in base almeno ai seguenti criteri:

  • Iimp (Classe I) o In (Classe II) o Uoc (Classe III);
  • Uc tensione massima continuativa;
  • Up livello di protezione;
  • UT caratteristiche di resistenza alle TOV;
  • IL corrente di carico;
  • Isccr resistenza alle correnti di cortocircuito;
  • Ifi estinzione corrente susseguente

 

Gli SPD sono dimensionati per assorbire un livello massimo di energia (I2t),  superato  il quale si danneggiano,  comportando  il  rischio  di pericolo di incendio o di esplosione dell’SPD stesso; per evitare questo problema è opportuno prevedere, laddove necessario, un’adeguata protezione di back-up mediante dispositivi di protezione contro le sovracorrenti (fusibili o interruttori magnetotermici) il cui coordinamento è indicato dal costruttore dell’SPD stesso, e possono essere collegati in serie, privilegiando la protezione contro le sovratensioni, o in parallelo, la continuità di servizio.

OCPD1 = protezione generale di linea (fusibili o interruttore magnetotermico) OCPD2 = protezione di back-up dell’SPD (fusibili o interruttore magnetotermico) I1=Correntenominaledellaprotezionegeneraledilinea I2 = corrente nominale della protezione di back-up ISPD = massimo valore di corrente protezione di back- up ammessa per l’SPD

 

Qualora dall’analisi del rischio (CEI EN 62305-2) il valore di rischio R risulti superiore al rischio tollerabile RT, si rende necessaria l’adozione di un sistema di protezione contro i fulmini, atto a ridurre:

  • danni agli esseri viventi;
  • danni materiali alle strutture;
  • guasti negli impianti elettrici ed elettronici.

Il “Sistema completo di protezione” va poi a definire due concetti base:

  • Livelli di protezione contro i fulmini LPL;
  • Zone di protezione contro i fulmini LPZ.

 

Il livello di protezione contro i fulmini LPL definisce l’entità in kA del fulmine che può impattare sulla struttura ed è suddiviso in 4 aree (da 100 a 200 kA massimi).

La scelta di un determinato livello di LPL serve a dimensionare il sistema di protezione sia esterno (parafulmine) sia interno (SPD).

I requisiti minimi richiesti agli SPD da installare all’origine dell’impianto sono:

  • In > 5 kA (8/20 µs) se non vi è rischio di fulminazione diretta;
  • Iimp > 12,5 kA (10/350 µs) se vi è rischio di fulminazione diretta sulla linea entrante.

 

La zona di protezione LPZ definisce il punto di installazione (e la tipologia di SPD) da installare e precisamente:

  • All’ingresso della linea entrante nella struttura (confine con LPZ 1, ad es. quadro di distribuzione BT)
    • SPD provati con Iimp (Tipo 1)
    • SPD provati con In (Tipo 2)
  • In prossimità degli apparati da proteggere (confine con LPZ 2, ad es. quadri di distribuzione secondari o nelle prese)
    • SPD provati con In (Tipo 2)
    • SPD provati con onda combinata Uoc (Tipo 3).

Il concetto di protezione da scariche atmosferiche a zone LPZ

 


Gli SPD negli impianti fotovoltaici

Negli impianti fotovoltaici è indispensabile proteggere:

  • lato corrente continua (danni da sovratensioni a pannelli, quadri stringa, inverter);
  • lato corrente alternata (danni a inverter da sovratensioni o correnti da fulmine entranti attraverso la linea elettrica);
  • linee di telecomunicazione e segnale (danni da sovratensioni ai sistemi di monitoraggio).

Anche sugli impianti fotovoltaici la selezione di un SPD è conseguenza della presenza o meno di un impianto di protezione contro i fulmini:

  • se è presente l’SPD deve essere di Tipo 1 (o Classe I);
  • se è assente potrebbe essere sufficiente un SPD di Tipo 2 (o Classe II).

Gli scaricatori devono essere conformi alla Norme:

  • CEI EN 50539-11 “Protezione lato corrente continua”;
  • CEI EN 61643-11 “Protezione lato corrente alternata”;
  • CEI EN 61643-21 “Protezione linee di telecomunicazione e segnale”.

 

Esempi applicativi e regole di installazione

Le Norme definiscono  delle  connessioni  per  gli SPD in relazione  alla  tipologia  del  sistema di alimentazione. La Norma CEI 64-8 – Parte 5 Sezione 534 tratta questo contesto definendo dei tipici casi di installazione:

  • Installazione di SPD in sistemi TN (Connessione tipo A);
  • Installazione di SPD in sistemi TT (Connessione tipo B);
  • Installazione di SPD in sistemi TT (Connessione tipo C).

I principali parametri per una corretta scelta sono:

  • Livello di protezione Up che deve essere inferiore al valore di tenuta ad impulso Uw delle apparecchiature da proteggere;
  • Livello di protezione effettivo Up/f, che considera, oltre al livello di protezione Up, anche le eventuali cadute induttive nei collegamenti e negli eventuali dispositivi di protezione da sovracorrenti.

 

Uw è un dato che dovrebbe essere fornito dal costruttore dell’apparecchiatura da proteggere, e deve comunque rispettare le indicazioni generali fornite dalla Norma CEI EN 60664-1.

 


Il livello di protezione effettivo Up/f tiene conto anche delle distanze di collegamento tra SPD, protezioni di back-up a monte e morsettiera di terra a valle.

Nel caso di un SPD di Tipo 2 questo valore è considerato come:

D ov e 1 kV/m per Iimp e trascurabile negli altri casi.

Per un SPD di Tipo 1, Up/f è il valore maggiore tra Up e

 

Per ottenere una protezione efficace è quindi necessario ridurre il valore di Up/f a un valore inferiore alla Uw delle apparecchiature da proteggere.

Per raggiungere questo risultato i conduttori di collegamento dell’SPD devono essere più corti possibile. La Norma CEI 64-8/5 Sez. 534 impone una lunghezza totale di questi collegamenti NON superiore ad 1 metro (preferibilmente 0,5 m) comprensiva degli eventuali collegamenti alla protezione di back-up.


Per ridurre al minimo queste distanze la soluzione consigliata è rappresentata dall’utilizzo del cosiddetto collegamento “entra-esci” o a “V”:


Le sezioni dei cavi di collegamento sono importanti e la Norma CEI 64-8/5 Sez. 534 riporta le sezioni minime da rispettare:

 

  • 16 mm2 per SPD di Tipo 1;
  • 6 mm2 per SPD di Tipo 2;
  • 1,5 mm2 per SPD di Tipo 3.

 

Importante è anche la distanza di effettiva protezione degli SPD; un dispositivo elettronico si può considerare protetto se il livello di protezione effettivo soddisfa almeno uno dei seguenti requisiti:

 

  • Up/f < Uw se la distanza è trascurabile (SPD installato ai capi del dispositivo da proteggere)
  • Up/f < 0,5 Uw quando la distanza “d” è < 10 m (SPD installato in quadri di distribuzione secondari)
  • Up/f < (Uw – Ui)/2 quando la distanza è > 10 m (SPD installato nel quadro di distribuzione Bassa Tensione)

 

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”