rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Sicurezza informatica nella transizione energetica e digitale

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE

22/09/2020
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Michele Mazzaro, Calogero Turturici, Gianfranco Tripi, Piergiacomo Cancelliere, Pierpaolo Gentile – Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Premessa

Con la revisione del Codice di Prevenzione Incendi del 2019, emanato con il DM 18 ottobre 2019 [1], è stato riscritto il punto G.1.4 dedicandolo interamente alla normativa tecnica volontaria in accordo alle previsioni contenute nel Regolamento (UE) n. 1025/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012 [2]. Il punto G.1.4 si apre rimarcando che le norme (o norme tecniche) rappresentano una “specifica tecnica” adottata da un organismo di normazione per applicazione continua e ripetuta alla quale non è obbligatorio conformarsi.

Nella sezione seguono poi le declinazioni delle diverse tipologie di norme tecniche volontarie (Internazionali, Nazionali, Armonizzate, etc.) cui la letteratura internazionale si riferisce, generalmente, con il termine “standard”.

Nei capitoli delle misure che costituiscono la strategia di sicurezza del Codice, le norme (o norme tecniche) vengono richiamate e indicate sempre e solo come presunzione di conformità alla regola dell’arte e mai come obbligo regolamentare da applicare in forza di legge, cosi come evidenziato anche al punto al punto G.1.26 “Linguaggio”.

Contesto normativo

Nel settore elettrotecnico la presunzione di conformità alla regola dell’arte degli impianti, delle installazioni elettriche e delle componenti elettrotecniche ed elettroniche è stata sancita in un dispositivo legislativo chiaro e snello allo stesso tempo: la Legge n. 186 del 01/03/1968 “Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici”.

Due    soli    articoli    che chiariscono l’obbligo di realizzare i sistemi elettrici nel miglior modo possibile e che conferiscono presunzione di conformità alla regola dell’arte alle norme tecniche volontarie del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI).

Il Codice, nella sua revisione, deve essere letto alla luce delle considerazioni riportate prima: le norme tecniche che vengono indicate rappresentano presunzioni di regola dell’arte per realizzare le previsioni richieste dalla progettazione della sicurezza antincendi (sistemi, impianti, prodotti, etc.) ma rimangono sempre strumenti di applicazione volontaria. Come noto, la sicurezza per atmosfere esplosive, da un punto di vista regolamentare, è caratterizzata da due disposizioni legislative Comunitarie, la prima è la Direttiva ATEX di prodotto (Direttiva 2014/34/UE) [3] e la seconda è la cosiddetta Direttiva ATEX Sociale (Direttiva 1999/92/CE) [4].

La Direttiva di prodotto ha come obiettivo la messa a disposizione (commercializzazione) nel mercato unico di “apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva” e, così come il Codice e la Legge 186/68, pone obbligo ai produttori del soddisfacimento dei requisiti essenziali di sicurezza riportati nell’Allegato II alla direttiva medesima.

L’Allegato II stabilisce che “Gli apparecchi e i sistemi di protezione destinati ad essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva devono essere progettati secondo il principio della sicurezza integrata contro le esplosioni”. Per poter soddisfare il principio della “sicurezza integrata”, il fabbricante prende le misure necessarie per:

  • evitare anzitutto, per quanto possibile, che gli apparecchi e i sistemi di protezione producano o liberino essi stessi atmosfere esplosive;
  • impedire l’innesco all’interno di un’atmosfera esplosiva tenendo conto della natura di ciascuna sorgente potenziale di innesco, elettrica e non elettrica;
  • qualora, malgrado tutto, si produca un’esplosione che può mettere in pericolo persone e, eventualmente, animali domestici o beni con un effetto diretto o indiretto, soffocarla immediatamente e/o circoscrivere la zona colpita dalle fiamme e dalla pressione derivante dall’esplosione, secondo un livello di sicurezza sufficiente.

Le norme armonizzate secondo la Direttiva ATEX di prodotto sono aggiornate regolarmente e ufficialmente comunicate dalla Commissione Europea sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione (GUUE). L’ultimo elenco è stato comunicato  il 12 ottobre 2018 con la Comunicazione 201/C 371/01.

Tutte le specifiche tecniche indicate non sono mai obbligatorie ma rappresentano la presunzione di conformità per il soddisfacimento dei requisiti essenziali di sicurezza dei prodotti ATEX da immettere nel mercato comunitario.

La Direttiva sociale (1999/92/CE) si occupa della sicurezza dei lavoratori esposti al rischio di esplosione dovuto alla formazione di una atmosfera esplosiva, fissando le prescrizioni minime.

Nella direttiva sociale, essendo rivolta ai luoghi di lavoro, il datore di lavoro deve adottare le misure tecniche e organizzative in accordo ai seguenti principi fondamentali (art. 3 della Direttiva 1999/92/CE):

  • prevenire la formazione di atmosfe- re esplosive, oppure, se la natura dell’attività non lo consente;
  • evitare l’ignizione di atmosfere esplosive, e
  • attenuare i danni di un’esplosione  in modo da garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Le due direttive risultano fortemente interconnesse e complementari l’una dell’altra: la prima consente l’immissione sul mercato di prodotti con un livello di sicurezza determinato per il soddisfacimento dei requisiti essenziali di sicurezza, mentre la Direttiva Sociale, nel perseguire i principi fondamentali, stabilisce in che modo devono essere combinati ed impiegati i prodotti nelle atmosfere esplosive per garantire la sicurezza dei lavoratori esposti ad atmosfere esplosive.

Le prescrizioni del Capitolo V2

La revisione della Regola Tecnica Verticale V.2 del Codice è stata rielaborata in linea con i principi e contenuti delle due direttive ATEX  estendendo la protezione degli eventuali occupanti esposti ad atmosfere esplosive anche ad attività soggette ai controlli e alle visite del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, non necessariamente luoghi di lavoro.

Nel caso dei luoghi di lavoro1, infatti, l’obbligo della protezione dei lavoratori contro le atmosfere esplosive è sancito nella Direttiva Sociale, recepita in Italia dal Testo Unico sulla salute e sicurezza dei luoghi di lavoro (T.U. 81/2008) agli artt. 287-297.

1 Nel caso di luoghi di lavoro che siano anche attività soggetta alle visite ed ai controlli di prevenzioni incendi, ove per la progettazione della sicurezza antincendi sia applicabile il DM 18/10/2019 (Codice di Prevenzione Incendi) è prevista l’applicazione della RTV V.2 per la valutazione del rischio di esplosione.

Il paragrafo V.2.1 stabilisce, quale scopo della Regola tecnica verticale (RTV) V.2, i criteri per valutare e ridurre i rischi per atmosfere esplosive nelle attività soggette. Nelle attività soggette ove fossero presenti sostanze infiammabili o combustibili in deposito, ciclo di trasformazione o lavorazione deve essere valutato il rischio per atmosfere esplosive, a partire dalla fase iniziale della progettazione dell’attività medesima.

La valutazione deve mirare ad evitare, in primis, la formazione di ATEX (prevenzione), successivamente è necessario agire sulle sorgenti di accensione e, se necessario, provvedere ad attenuare i danni per garantire la salute e la sicurezza degli occupanti (protezione).

I paragrafi della RTV V.2 si sviluppano per rappresentare una guida alla valutazione del rischio esplosione: dapprima si richiede l’individuazione delle condizioni generali di pericolo di esplosione, per passare subito dopo all’identificazione delle caratteristiche delle sostanze infiammabili o polveri combustibili.

Segue, pertanto, la fase fondamentale relativa alla classificazione delle zone con pericolo di esplosione.

Gli elementi di novità della classificazione delle aree a rischio di esplosione sono:

  • il  recepimento  delle  probabilità di formazione delle atmosfere esplosive, già proposte dalla Guida CEI 31-35, ai fini della loro classificazione;
  • la definizione del tempo di persistenza delle Zone quale secondo parametro ai fini della classificazione delle Zone, in conformità a quanto previsto dall’articolo 290 del D.Lgs. 81/08;
  • la definizione della zona NP “Negligible Presence”, ovvero dei luoghi per i quali è trascurabile la probabilità di presenza di atmosfera esplosiva (10-5 occ/anno).

Dopo la classificazione, la Sezione V.2 richiede che siano identificati i potenziali pericoli di innesco e che siano valutati anche gli effetti prevedibili di un’esplosione conseguenti a:

  • sviluppo di fiamme e gas caldi;
  • irraggiamento termico;
  • onde di pressione e proiezione di frammenti o oggetti;
  • rilasci di sostanze pericolose.

Laddove ritenuto necessario stimare l’entità delle sovrapressioni generate (ad esempio, per valutare l’effetto domi- no verso altre attività o per l’eventuale progettazione di opere resistenti all’esplosione), il Codice propone l’impiego di formulazioni empiriche semplificate (TNT equivalente, TNO Multienergy, etc.) o, nei casi più complessi, di codici di calcolo CFD (Computational Fluid Dynamics) riconosciuti.

Il processo di valutazione guidato dalla V.2 si conclude richiedendo la “quantificazione del livello di protezione”, considerando generalmente adeguato un livello delle soluzioni tecniche ed organizzative adottate per le quali si deve verificare il fallimento di non meno di tre mezzi di protezione indipendenti affinché un’atmosfera esplosiva possa essere innescata.

Individuato il livello di protezione cui deve attenersi la progettazione dell’attività il Codice, il paragrafo V.2.3, propone le misure di prevenzione e protezione da adottare mirate allo scopo; in particolare:

  • per i prodotti, richiama i criteri di compatibilità tra tipologie costruttive ex Direttiva 2014/34/UE e qualifiche delle Zone già contenuti nella parte B dell’Allegato L del D.Lgs. 81/08;
  • in materia di attrezzature, sistemi e relativi dispositivi di collegamento che non sono prodotti ai sensi della direttiva ATEX, qualora rappresentino un pericolo di accensione o di emissione di sostanze infiammabili, specifica che il livello di protezione deve essere attribuito in conformità alle indicazioni contenute nelle norme scelte per la progettazione e realizzazione;
  • per impianti privi di norme di riferimento, suggerisce, ai fini dell’assicurazione di un determinato livello di protezione, l’applicazione delle tecniche di analisi di affidabilità quali Failure Mode and Effect Analysis (FMEA, EN 60812), Fault tree analysis (FTA, EN 61025), Markov (EN 61165) o della progettazione basata sulla sicurezza funzionale (IEC 61511 “Functional safety – Safety instrumented systems for the process industry sector”);
  • consente di ricorrere, qualora necessario, ad opere da costruzione (edifici) progettati per resistere all’esplosione, rimandando per gli aspetti specifici, alle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) [5] e, in parti- colare, alla Norma UNI EN 1991-1- 7 “Eurocodice 1 – Azioni sulle strut- ture – Parte 1-7: Azioni in generale – Azioni eccezionali”.

La sicurezza antincendio di un’attività e, in particolare, la sicurezza nei confronti delle ATEX deve accompagnare tutta la vita di un’attività; pertanto nella Tabella V.2-5 (riportata in Tabella 1 del presente articolo), viene riportato il cosiddetto “Controllo operativo” per la gestione della sicurezza nelle Aree a rischio di esplosione, a completamento delle indicazioni contenute nel capitolo S.5 del Codice.

Tabella 1 – Tabella V.2-5: Misure gestionali

Il confronto tra il capitolo V2 e il Titolo XI del D.Lgs. 81/08

La progettazione sviluppata secondo le previsioni del Capitolo V2 del Codice garantisce tutti gli adempimenti richiesti dal Documento sulla protezione contro le esplosioni ex art. titolo XI del D.Lgs. 81/08, come si evince dalla seguente tabella di comparazione (Tabella 2).

Tabella 2 – Tabella di comparazione

Pertanto, sarà possibile elaborare un unico documento in adempimento ad entrambe le previsioni normative.

I documenti normativi del CEI

Nel settore per la protezione dalle esplosioni, il CEI ha due Comitati Tecnici:

  • CT 31 “Materiali antideflagranti” che si occupa di sviluppare norme riguardanti le apparecchiature elettriche utilizzate in atmosfere esplosive per la presenza possibile di sostanze infiammabili come gas, vapori, liquidi e polveri;
  • SC 31J “Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione” che prepara norme riguardanti la classificazione delle aree con pericolo di esplosione e per l’installazione ed esecuzione dei relativi impianti elettrici.

Il CT 31 è a servizio, principalmente, della Direttiva ATEX di prodotto, mentre il SC 31J sviluppa norme tecniche a supporto della Direttiva Sociale ATEX, dei luoghi di lavoro e del Capitolo V.2 del Codice. Le norme tecniche più rilevanti del SC 31J sono quelle relative alla classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione, segnatamente la Norma CEI 31-87 (EN 60079-10-1) “Atmosfere esplosive – Parte 10-1: Classificazione dei luoghi – Atmosfere esplosive per la presenza di gas” e la Norma CEI 31-88 (EN 60079-10-2) “Atmosfere  esplosive – Parte 10-2: Classificazione dei luoghi – Atmosfere esplosive per la presenza di polveri combustibili”, considerate, anche nel Codice RTV V.2, presunzione di regola dell’arte per effettuare la classificazione dei luoghi.

Si segnala, infine, che delle Guide tecniche  CEI  31-35,  CEI  31-35/A e CEI 31-56, abrogate senza sostituzione dal 14/10/2018, possono essere utilizzati tutti i contenuti tecnici e scientifici ed i metodi indicati, se non in contrasto con l’edizione in corso di validità delle Norme CEI EN 60079-10-1 e 60079-10-2.


Riferimenti

[1] Ministero dell’interno, Decreto 18 ottobre 2019 Modifiche all’allegato 1 al decreto del Ministro dell’interno 3 agosto 2015, recante «Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139». (19A06608) (GU Serie Generale n.256 del 31-10-2019 – Suppl. Ordinario n. 41).

[2] Regolamento (UE) N. 1025/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 sulla normazione europea, che modifica le direttive 89/686/CEE e 93/15/ CEE del Consiglio nonché le di- rettive 94/9/CE, 94/25/CE, 95/16/ CE, 97/23/CE, 98/34/CE, 2004/22/ CE, 2007/23/CE, 2009/23/CE e 2009/105/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la decisione 87/95/CEE del Consiglio e la decisione n. 1673/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio.

[3] Direttiva 2014/34/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 febbraio 2014 concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva (rifusione).

[4] Direttiva 1999/92/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 1999 relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive (quindicesima direttiva particolare ai sensi dell’articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/ CEE.

[5] Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Decreto 17 gennaio 2018. Aggiornamento delle «Norme tecniche per le costruzioni».

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”