rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

IL CONTRIBUTO DELLA NORMATIVA CEI ALLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

06/10/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Il SottoComitato CEI 31J e la normativa per gli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione.

Fausto DI TOSTO, Presidente CEI SC 31J – Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione

Nato a Roma nel 1967, laureato 110/110 nel ’92 in Ingegneria Elettrotecnica presso l’Università “La Sapienza”.

Le sue prime esperienze (1995-97) lo hanno visto impegnato in attività di progettazione e direzione lavori di  impianti  elettrici  e tecnologici per importanti strutture sul territorio nazionale. Attualmente è primo Tecnologo, in servizio dal 1997 presso il Dipartimento Innovazioni Tecnologiche dell’INAIL, referente nelle seguenti aree: apparecchiature ed impianti elettrici, dispositivi di sicurezza, servizi per attività di certificazione nell’ambito della Direttiva 94/9/CE – ATEX. Collabora in differenti Gruppi di Lavoro ISPESL/INAIL, è membro del Consiglio Direttivo dell’Istituto per la Garanzia di Qualità – IGQ in rappresentata dell’INAIL e svolge importanti attività di ricerca per ISPESL nel campo della sicurezza elettrica e ATEX.

In merito all’attività CEI, oltre a essere l’attuale Presidente del SottoComitato 31J Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione, è membro della Commissione Superiore Tecnica e dei seguenti Comitati: CT 31 Materiali Antideflagranti, CT 78 Lavori elettrici sotto tensione, CT 99 Impianti elettrici di potenza con tensioni nominali superiori a 1 kV in c.a e SC 65A Aspetti di sistema.

Nel campo dell’attività normativa a livello internazionale è membro dei seguenti Working Group:

  • ATEX Standing Committee Working Group di Bruxelles per la direttiva 94/9/CE;
  • ISO/TC/185 WG1 Safety devices for protection against excessive pressure;
  • ISO/TC/185 WG17 Application and installation of safety devices excluding stand alone bursting disc safety devices;
  • CEN/TC/69 WG10 Safety devices against excessive pressure.

Ha partecipato, sia come relatore sia come coordinatore scientifico, a diversi convegni, seminari e giornate di studio sin dal 2001. Dal 2003 è autore prolifico di numerose pubblicazioni scientifiche tra le quali emergono di grande interesse quelle relative al campo d’applicazione delle Direttive ATEX. Dal 2001 al 2013 si è occupato di attività di docenza in corsi di formazione.

 

Come pensa che la normativa del SC 31J possa contribuire allo sviluppo della sicurezza sul lavoro?

In generale il mondo normativo ha assunto un ruolo prioritario nel nostro Paese e in futuro sarà demandato sempre più ai Comitati normatori, come il CEI, in accordo permanete con gli omologhi Comitati europei e mondiali, di sviluppare le opportune normative per garantire la regola dell’arte per la realizzazione degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di  esplosione. Per questo motivo il legislatore, già nel passato ma in special modo oggigiorno e in futuro, farà riferimento nei testi legislativi alla regola dell’arte emanata dai rispettivi Comitati normatori. Per quanto riguarda questo argomento il CEI già da tempo è attivo ed impegnato nell’obiettivo di sviluppare le norme tecniche finalizzate al raggiungimento della cosiddetta regola dell’arte.

Come espressione dell’istituto da cui provengo, cioè l’INAIL, che rappresenta un ente statale deputato a varie competenze, tra le quali seguire i comitati normatori e svolgere l’attività di consulenza per i ministeri quando sono chiamati ad emanare testi di legislazione in materia di sicurezza del lavoro, posso affermare che il ruolo assunto da una figura proveniente da un ente statale è centrale e rilevante nel contesto attuale. Questa figura potrebbe infatti rappresentare un elemento di  raccordo tra il mondo legislativo e il mondo normatore, che spesso in passato hanno seguito strade differenti. Sarà proprio tale elemento di raccordo il punto di forza della mia nuova attività come Presidente del SottoComitato 31J.

 

Quali sono, secondo Lei, gli obiettivi prioritari sui quali focalizzare l’attività normativa futura del SC 31J?

Gli obiettivi sono diversi e devo ammettere di essere capitato in un campo, per così dire, ben arato e seminato già nel passato e questo è di sicuro un vantaggio nell’attività futura del SottoComitato.

A mio parere i punti principali su cui focalizzare l’attività futura sono due.

Sicuramente il principale obiettivo per quanto riguarda il mondo dell’industria che è presente sul territorio con le proprie attività, e di conseguenza il mondo degli utilizzatori che rappresentano l’elemento finale a cui è rivolto sia il processo legislativo sia il processo normativo, è quello di occuparsi di quella parte relativa agli esempi contenuti nei testi normativi che fino ad oggi è rimasta un po’ in disparte, in quanto probabilmente nel passato si è privilegiato dare priorità ad altri settori dell’industria.

Un secondo obiettivo è quello di definire un ulteriore elemento di raccordo tra gli obiettivi dei comitati internazionali, che legiferano in materia di direttive sia sociali sia di prodotto, e che non sempre vengono accolti in maniera coerente nei contenuti dei testi normativi degli Stati membri. Questo è valido per l’Italia come anche per altre realtà europee.

 

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”