rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

La normazione nel campo della superconduttività applicata

Nuovi software CEI: Flash e DiCo

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

IEC 62061: NOVITÀ PER L’EDIZIONE 2 IN FASE DI SVILUPPO

15/05/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Si riprende il cammino nel difficile rapporto con ISO/TC 199 per l’unificazione delle Norme IEC 62061 e ISO 13849-1.

Paolo Viviani (Membro CEI/CT 44, Esperto in IEC/MT 60204-1, IEC/WG 10 6149642 e 6149643; IEC/WG 7 (EC 62061); IEC/MT 62046)

 

Dopo la pubblicazione, a giugno del 2015, della versione consolidata della Norma IEC 62061 ed 1.2, gli esperti del Gruppo di Lavoro a livello internazionale hanno ritenuto necessario sfruttare al meglio l’impegno profuso durante il progetto congiunto ISO/IEC 17305 di unificazione delle Norme IEC 62061 e ISO 13849-1, iniziando i lavori di revisione che porteranno alla stesura di una nuova edizione della IEC 62061 prevista per fine 2018.

È alla luce di tutti che il processo di unificazione delle Norme IEC 62061 e ISO 13849-1 è per ora stato sospeso; ma non per questo gli esperti dei rispettivi Gruppi di Lavoro hanno bloccato, di fatto, il processo di avvicinamento delle due norme, e questa nuova edizione porterà infatti alla luce gran parte delle tematiche analizzate in sede ISO 17305.

Il Gruppo di Lavoro della 62061, quindi, sta affrontando il difficile processo di revisione della normativa IEC 62061 e ad oggi si sta lavorando sull’analisi dei primi commenti relativi alla stesura del primo CD.

Questa norma, che insieme alla ISO 13849-1 fornisce gli strumenti per una corretta progettazione della sicurezza funzionale per il macchinario, si sta evolvendo con non pochi stravolgimenti e novità che la renderanno via via sempre più appetibile per chi vuole analizzare i sistemi di sicurezza con un approccio più completo rispetto a quanto finora permesso dall’edizione precedente e attualmente in vigore.

Gli esperti sono infatti chiamati ad uno sforzo per tentare di rendere ancor più facilmente fruibili ai lettori/utilizzatori della norma i concetti base già espressi e quelli che verranno introdotti in questa nuova edizione come il “low-demand mode of operation” (bassa modalità di richiesta della funzione di sicurezza, vedi IEC 61508) ed i nuovi strumenti per analizzare non solo i sistemi e sottosistemi prettamente elettrici ed elettronici,ma anche quelli pneumatici e/o oleodinamici.

Per enfatizzare ancora di più la possibilità di analizzare sistemi non prettamente elettronici l’acronimo SRECS (Safety-Related Electronic Control System) viene abbandonato per un più generico SCS (Safety Control System).

L’approccio alla progettazione dei Sistemi di controllo di sicurezza non viene però modificato rispetto a quanto indicato in passato, ma bensì viene data una nuova strutturazione più organica e più facilmente fruibile.

Il flusso logico parte dalla fase di identificazione e raccolta dei requisiti di sicurezza per poi proseguire:

  • nella stesura delle specifiche di sicurezza per identificare le varie funzioni e le caratteristiche che il SCS deve eseguire secondo il SIL assegnato;
  • nell’identificazione dei vari blocchi (sub-systems) e sotto funzioni (sub-functions) per poter identificare le architetture (e relative limitazioni) e per applicare al meglio, grazie alla scomposizione ottenuta, i metodi di calcolo suggeriti per la determinazione dei valori di SIL raggiunti dalla soluzione tecnica considerata.

In questa parte si è ancor più enfatizzato lo stretto rapporto fra la IEC 62061 e la IEC61508 cercando di rendere più chiaro il parallelo fra le due norme.

Come fase finale del processo di sviluppo della funzione di sicurezza si vuole dare anche una maggiore enfasi al processo di validazione che è stato dettagliato ed ampliato ulteriormente nelle sue spiegazioni e nell’analisi delle diverse tecniche di validazione possibili,  fino ad analizzare la documentazione richiesta in accompagnamento al Safety Control System (SCS) sviluppato.

Un capitolo a parte viene poi dedicato interamente alla gestione/implementazione del software relativo alle parti di sicurezza. In questo capitolo, si vuole fornire un approccio meglio strutturato e semplificato, ma non snaturato, allo sviluppo del software di sicurezza cercando di ottimizzare e chiarire al meglio quanto indicato dalla IEC 61508-3. Si vuole anche introdurre una suddivisione delle tipologie di software, chiamate “software level” che si possono incontrare durante lo sviluppo di un SCS, per poter meglio gestire il riutilizzo di codici già precedentemente sviluppati per applicazioni di sicurezza. Anche in questo capitolo, la filosofia di base del processo di sviluppo viene comunque mantenuta.

Inoltre, in questo capitolo si accenna anche alle problematiche relative alla Security (sicurezza informatica) in concomitanza con la parte di Safety (sicurezza del macchinario) che ormai, data la crescente integrazione dei sistemi, assume un ruolo sempre più importante alla luce anche della ben più nota “Industria 4.0”. Anche gli allegati non sono esenti da questo rimaneggiamento.

La presenza prevista di ben undici allegati rispetto agli attuali cinque è indice dello sforzo che il Gruppo di Lavoro, sia a livello nazionale sia internazionale sta compiendo per migliorare l’assetto completo dell’intera norma.

L’Allegato A mantiene la sua natura di guida e semplificazione ed aiuta il lettore, attraverso un metodo semplificato, ad assegnare il SIL alla funzione di sicurezza analizzata cercando di rendere più oggettiva possibile la scelta dei vari parametri che concorrono all’assegnazione.

L’Allegato B verrà migliorato e gli esempi saranno estesi in modo da fornire al lettore gli strumenti per poter sfruttare al meglio le nuove opportunità offerte dalla norma, spiegando soluzioni anche basate sull’utilizzo delle informazioni e suggerimenti previsti in altri allegati.

L’Allegato C, che nella versione attuale della norma è incentrato sullo sviluppo e gestione del software embedded, passa ora a fornire esempi di calcolo del parametro MTTFD.

L’Allegato D raccoglie tutte le modifiche al testo della norma (sostituzioni, cancellazioni ed aggiunte) necessarie per poter sviluppare sistemi operanti in “low demand mode of operation” introducendo di fatto questa possibilità anche per il settore della sicurezza del macchinario.

L’Allegato E riporta in estrema sintesi la stima della copertura diagnostica raggiungibile (DC) per ogni tipologia di misura diagnostica messa in atto e applicabile ad ogni stadio del SCS (Ingresso, Logica, Uscita). Le tabelle sono derivate dalla IEC 61508

L’Allegato F resta sostanzialmente immutato e si propone di aiutare il lettore fornendo una metodologia a punteggio per la stima della resistenza ai guasti di modo comune (CCF).

L’Allegato G intende prendere in considerazione l’approccio per lo  sviluppo del software che riutilizza moduli software provenienti da altre applicazioni di sicurezza o moduli sviluppati per la sicurezza (E.G. PLC di sicurezza, Relè di sicurezza programmabili). Attraverso un esempio applicativo intende fornire linee guida per lo sviluppo dell’intero software di gestione della funzione di sicurezza.

L’Allegato I fornisce invece una tabella di correlazione fra le più comuni funzioni di sicurezza ed i loro riferimenti a livello normativo internazionale.

L’idea alla base dell’Allegato K è di rendere più semplice e chiaro il calcolo del PFHD attraverso l’uso di tabelle di riferimento come per l’Allegato K della ISO 13849-1, a sottolineare il continuo e costante avvicinamento delle due norme.

A sancire poi questo processo di convergenza, gli esperti dei gruppi di lavoro di entrambe le Norme, IEC 62061 e ISO 13849-1 coordinati dal Joint Advisory Group (JAG1), intendono implementare un Allegato (previsto Allegato L nella nuova IEC 62061) comune ad entrambe le norme, nel quale evidenziare le strette relazioni fra le due norme e le eventuali differenze fra le stesse.

Riassumendo, nonostante le molteplici novità che si vorrebbe introdurre, la IEC 62061 è e resterà un punto di riferimento per la progettazione dei sistemi di sicurezza per l’automazione industriale.

Il grande sforzo degli esperti nel mantenere aggiornata e facilmente consultabile la norma, senza dimenticare la possibilità di raccordo con le edizioni passate, non potrà altro che giovare alla nuova edizione che, come accennato, si presume possa essere pubblicata entro fine 2018 o inizio 2019.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
“DICO BY CEI”: IL NUOVO SOFTWARE PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ “FLASH BY CEI”: IL SOFTWARE PER LA PROTEZIONE DALLE SCARICHE ATMOSFERICHE LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-2) LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-1) LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI: PUBBLICATA LA NUOVA NORMA CEI 11-27 ANTEPRIMA: NORMA IEC 61800-5-1 SUI POWER DRIVE SYSTEMS “REGOLA D’ARTE”: IL NUOVO PERIODICO DEL CEI AZIONAMENTI ELETTRICI: ESORDI E SVILUPPI RECENTI DELLA NORMATIVA NOVITÀ E CORRETTA APPLICAZIONE DELLA CEI 64-8 EDIZIONE 2021 PUBBLICATA LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 64-8 PER IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI NANOTECNOLOGIE PER PRODOTTI E SISTEMI ELETTROTECNICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO”: AMBIENTI PARTICOLARI CONVENZIONE CEI – FONDAZIONE CNI 2021/2022 NUOVE CONVENZIONI CEI PER GLI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO E CNA IL CT 68/51 PER LEGHE, ACCIAI E COMPONENTI MAGNETICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO” CEI CT 111 GLI OBBLIGHI DI TRACCIABILITÀ DELLE SOSTANZE NELLE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE CONVENZIONE CEI – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO CEI “CYBERSECURITY” APPARECCHIATURE A BASSA TENSIONE ABROGATA LA NORMA CEI 20-22/2 EVOLUZIONE DEGLI IMPIANTI UTENTE PER LE COMUNICAZIONI SOCI CEI 2021: PROTAGONISTI DEL CAMBIAMENTO CEI CT 1/25 MYNORMA 2021: IL TUO PORTALE DI ACCESSO ALLE NORME PROROGATO IL “FONDO NUOVE COMPETENZE” CHE INCENTIVA LA FORMAZIONE AZIENDALE TERMINOLOGIA, GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA CEI CT 10 COSA CAMBIA NELLA NORMAZIONE DEGLI OLI ISOLANTI MINERALI NASCONO I “TAVOLI DI CONFRONTO” CEI: IL PRIMO È DEDICATO ALL’E-MOBILITY CAVI E REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) CEI CT 20 NUOVE VARIANTI ALLE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CEI 0-16 E 0-21 VISINTAINER ALLA VICE PRESIDENZA CENELEC DAL 2021 LE NORME DI QUALSIASI ENTE NORMATORE INTERNAZIONALE DISPONIBILI SUL SITO DEL CEI CEI CT 108 CEI EN 62368-1 CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2021 NUOVO LIBRO BIANCO “GLI ITALIANI E LA SICUREZZA ELETTRICA” CEI SC 59/61D CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE E DEUMIDIFICATORI È IN ARRIVO IL NUOVO MYNORMA! LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”