rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

La normazione nel campo della superconduttività applicata

Nuovi software CEI: Flash e DiCo

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

IEC 63074 – SAFETY E SECURITY – NOVITÀ PER I COSTRUTTORI DI MACCHINE

15/05/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Industria 4.0, Internet of Things e sfide per la sicurezza: i nuovi requisiti a livello di safety e di security.

Massimiliano Copponi (Membro CEI/CT 44, Membro IEC/MT 62061, IEC/JWG 14 Merging ISO 13849 and IEC 62061 linked to ISO/TC 199 e IEC/WG 15 Security aspects related to functional safety of safety-related control systems)

Roberto Minicucci (Membro CEI/CT 65, Membro IEC/WG 10 Security for industrial process measurement and control – Network and system security e IEC/WG 20 Industrial-process measurement, control and automation – Framework to bridge the requirements for safety and security)

 

“Safety” e “Security” nell’era dell’Industria 4.0

Il primo problema da affrontare è la differenza linguistica che esiste tra la terminologia utilizzata in inglese e quella esistente nella lingua italiana. Mentre in inglese esistono due vocaboli distinti per “safety” e “security” in italiano ci troviamo nella situazione di dover tradurre i due termini con la stessa parola, “sicurezza”, anche se associata a due aspetti diversi. Cerchiamo quindi innanzitutto di chiarire la differenza tra questi termini utilizzati negli standard internazionali e nella pratica.

Il concetto di safety (sicurezza per le persone) prevede che i rischi per le persone e l’ambiente correlati a una macchina o a un impianto siano eliminati o mitigati in modo che i rischi residui siano accettabili per l’operatore e utilizzatore. Questo include sia i pericoli in prossimità dell’impianto sia i pericoli all’interno dell’impianto stesso incluse le macchine.

Il concetto di security (sicurezza di una macchina o di un impianto) include la previsione, prevenzione, e protezione da eventi illegali, indesiderati, intenzionali, non intenzionali che possono influenzare i sistemi di automazione e controllo e i loro componenti:

  • previsione: si riferisce a misure che hanno lo scopo di anticipare minacce verso i suddetti sistemi. Ad es. attività progettuali di analisi delle minacce, così come raccolta e analisi di eventi/informazioni in base alle quali ricavare informazioni utili a processi decisionali inerenti attività di “security”;
  • prevenzione: si riferisce a misure che hanno lo scopo di ridurre la probabilità che una minaccia diventi effettiva sfruttando le vulnerabilità esistenti. Ad es. utilizzo di dispositivi di sicurezza perimetrale, firewall, proxy, etc.;
  • protezione: si riferisce a misure che permettono di ridurre l’impatto realizzato dal verificarsi di minacce. Ad es. procedure e strumenti per una efficace gestione degli incidenti (“Incident management”).

Esempi di minacce possono essere accessi o modifiche non autorizzate dall’esterno, furto di dati sensibili, accessi non autorizzati a livello interno, malfunzionamenti dovuti a comportamenti negligenti relativamente alla sicurezza, modifiche non controllate lungo la catena di fornitura.

In questo contesto comprendiamo  sicurezza informatica e sicurezza fisica.

Ci troviamo già nella quarta rivoluzione industriale, che annuncia una importante digitalizzazione dei processi di progettazione e produzione. In particolare, l’“Industria 4.0″ vuole modernizzare ulteriormente il settore manifatturiero, affrontando anche alcune questioni legate alla sicurezza dei processi di automazione e alla resilienza delle tecnologie coinvolte.

Tutti i settori industriali saranno impattati da questa nuova rivoluzione e dovranno capire come far dialogare e convivere questi due mondi (safety e security) fino a poco tempo fa slegati per mantenere la sicurezza delle macchine, degli impianti e di tutti gli elementi parti di essi.

L’internet delle cose (IoT) associa il tema di internet con gli oggetti reali della vita di tutti i giorni, oggetti (e dispositivi) che saranno sempre più connessi e che stanno dando vita a una rete in tutti gli ambienti che necessitano di controllo, automazione e rilevamento. Nel mondo industriale si può considerare costituita da 3 elementi:

  1. sensori: possono includere capacità di una prima elaborazione dei dati (“smart”);
  2. connettività;
  3. attuatori: forniscono le capacità di controllare la grandezza monitorata.

L’avvento di una miriade di dispositivi di questo tipo, spesso con dimensioni e costi ridottissimi, con capacità di agire fisicamente sui parametri dei processi in questione, in ogni ambito e applicazione, incrementa esponenzialmente i rischi legati ad aspetti congiunti di safety e security.

 

Evoluzione nell’ambito della standardizzazione

Data l’evoluzione tecnologica e l’aumentata interazione tra gli aspetti di safety e security delle macchine, il Comitato Tecnico IEC responsabile della sicurezza delle macchine (IEC/TC 44) ha proposto un nuovo standard (IEC 63074) con lo scopo di chiarire per i costruttori di macchine come trattare i due aspetti.

La proposta del nuovo standard (44/764/NP) è stata formalizzata dal Comitato nazionale tedesco in data 15 aprile 2016 e la sua approvazione ha portato alla nascita del progetto di Norma IEC 63074 con la seguente pianificazione: CD (2017-07), CDV (2018-01), FDIS (2018-07) and IS (2019-12).

È stato quindi creato dal Comitato TC 44 dell’IEC il Gruppo diKLavoro 15 (WG15) per l’emissione dello standard. Il WG15 si è riunito la prima volta a Londra nel dicembre 2016 e successivamente a Francoforte nel gennaio 2017 per rivedere i commenti pervenuti con la nuova proposta. I prossimi incontri pianificati nel 2017 necessari alla finalizzazione del CD e successivo CDV sono previsti in Germania a luglio, in Giappone a settembre e a ottobre in Belgio.

Da notare che lo standard IEC 63074 nasce anche come guida per altri Comitati Tecnici (per esempio ISO/TC199) relativamente agli aspetti della security del sistema di controllo di sicurezza  e in aggiunta è utilizzabile anche per la security dei sistemi di controllo non legati alla safety. É inoltre intenzione del TC 44 di rimanere in contatto con gli altri Gruppi di Lavoro (IEC/TC65/WG20) che si occupano degli aspetti di safety e security e con gli utenti dello standard tra cui costruttori, integratori ed utilizzatori. In questo senso il TC65/WG20 sta lavorando alla definizione della Technical Specification 63069.

In generale, il concetto di security nel contesto che stiamo considerando, include sia aspetti di safety, sia aspetti legati a:

  • disponibilità (in generale delle risorse a cui si vuole accedere, siano essi dati o macchine);
  • integrità di dati;
  • confidenzialità dei dati.

Riassumendo, le minacce e le vulnerabilità alla sicurezza possono avere:

  • impatti legati alla safety: come ad esempio l’esclusione della funzione di arresto di emergenza, o la modifica dei parametri delle funzioni di sicurezza che renderebbero inefficace la protezione nel caso la minaccia diventi reale;
  • impatti non legati alla safety: come perdita di dati confidenziali o danni economici per l’azienda; un esempio è rappresentato dalla perdita di disponibilità della macchina attraverso un accesso non autorizzato al sistema di controllo, che forzi la fermata dell’unità con la funzione di arresto di emergenza.

La norma in oggetto (IEC 63074) invece si occuperà solo dei requisiti relativi alle minacce alla sicurezza (security) e vulnerabilità che possono influenzare il sistema di controllo di sicurezza SCS (Safety-Related Control System) della macchina e portare successivamente alla perdita dell’efficienza ed efficacia del sistema stesso.

Gli aspetti fondamentali presenti nello standard saranno quindi:

  • il rapporto tra safety e security;
  • la definizione delle minacce (potenziali violazioni di sicurezza) e vulnerabilità (debolezze progettuali, implementative, o operative) del sistema di controllo di sicurezza che possono essere sfruttate per attaccare la sicurezza della macchina;
  • la determinazione dell’impatto sulle caratteristiche che determinano la sicurezza e sulla disponibilità dell’SCS per rendere non efficaci e/o non funzionanti le sue funzioni di sicurezza (safety functions);
  • la definizione dei modelli per l’identificazione delle minacce che, sfruttando le vulnerabilità individuate nell’SCS, possono impattare la safety;
  • il legame tra questo standard e gli standard di security della serie IEC 62443, e l’applicazione dei relativi requisiti per la definire le minacce alla sicurezza e vulnerabilità.

Lo standard descriverà come attacchi esterni all’equipaggiamento possono mettere a rischio le persone, e identificherà i requisiti di sicurezza necessari per la protezione delle funzioni di sicurezza.

Questi requisiti sono distribuiti in tutte le fasi del ciclo di vita delle macchine, e comprendono misure organizzative, tecniche, o contromisure attive e passive di mitigazione.

I risultati di ogni fase dell’analisi devono essere documentati in modo che l’efficacia delle contromisure utilizzate in precedenza possa essere confrontata con nuovi scenari di attacco nelle analisi ricorrenti di sicurezza: la prima analisi viene effettuata prima della messa in funzione della macchina, ma ulteriori analisi sono comunque necessarie durante il suo utilizzo per evidenziare eventuali nuove minacce legate all’evoluzione tecnologica.

L’elemento chiave della norma è rappresentato dalla valutazione del rischio per la sicurezza (security), che deve essere effettuata per identificare le minacce e le vulnerabilità del sistema di controllo di sicurezza, e determinarne il potenziale impatto. Essa si tradurrà nelle seguenti attività:

  1. inventario e descrizione dei dispositivi coperti dalla valutazione dei rischi di sicurezza (security): ad esempio un dispositivo collegato al sistema di controllo di sicurezza;
  2. una descrizione delle minacce individuate e delle loro sorgenti (compresi attacchi intenzionali sull’hardware, programmi applicativi e relativi software, così come eventi non intenzionali derivanti da errori umani);
  3. una descrizione delle vulnerabilità identificate che, qualora le minacce divengano effettive, danno luogo a rischi per la sicurezza;
  4. una descrizione delle potenziali conseguenze derivanti e delle condizioni che le determinano;
  5. considerazione delle varie fasi sotto analisi quali la progettazione, realizzazione, messa in funzione e manutenzione;
  6. determinazione delle misure supplementari per mitigare le conseguenze di una minaccia tra cui ad esempio specifiche funzioni di controllo della sicurezza, come il monitoraggio dei valori limite;
  7. una descrizione delle misure adottate per ridurre o rimuovere le minacce (contromisure). Le possibili contromisure legate ai rischi della security vengono descritte nella norma basandosi sui concetti espressi dalla serie di standard IEC 62443.

Alla fine del processo, al costruttore della macchina verrà richiesto di fornire la documentazione necessaria per informare l’utilizzatore dei rischi rilevanti per la sicurezza e delle misure di mitigazione del rischio da prendere in considerazione. Le seguenti informazioni dovranno essere menzionate nella manualistica:

  • dispositivi coperti dalla valutazione del rischio sicurezza;
  • fasi considerate (progettazione, realizzazione, messa in funzione, utilizzo e manutenzione);
  • misure contro l’accesso non autorizzato e la modifica;
  • misure per garantire l’integrità del sistema, in particolare per le interfacce in considerazione, software e di comunicazione.

I costruttori di macchine quindi dovranno in futuro integrare il processo di analisi dei rischi di security nell’attuale processo di analisi dei rischi di safety per progettare le macchine di conseguenza e informare gli utilizzatori in merito ai rischi residui inclusi quelli di security.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
“DICO BY CEI”: IL NUOVO SOFTWARE PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ “FLASH BY CEI”: IL SOFTWARE PER LA PROTEZIONE DALLE SCARICHE ATMOSFERICHE LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-2) LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-1) LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI: PUBBLICATA LA NUOVA NORMA CEI 11-27 ANTEPRIMA: NORMA IEC 61800-5-1 SUI POWER DRIVE SYSTEMS “REGOLA D’ARTE”: IL NUOVO PERIODICO DEL CEI AZIONAMENTI ELETTRICI: ESORDI E SVILUPPI RECENTI DELLA NORMATIVA NOVITÀ E CORRETTA APPLICAZIONE DELLA CEI 64-8 EDIZIONE 2021 PUBBLICATA LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 64-8 PER IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI NANOTECNOLOGIE PER PRODOTTI E SISTEMI ELETTROTECNICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO”: AMBIENTI PARTICOLARI CONVENZIONE CEI – FONDAZIONE CNI 2021/2022 NUOVE CONVENZIONI CEI PER GLI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO E CNA IL CT 68/51 PER LEGHE, ACCIAI E COMPONENTI MAGNETICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO” CEI CT 111 GLI OBBLIGHI DI TRACCIABILITÀ DELLE SOSTANZE NELLE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE CONVENZIONE CEI – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO CEI “CYBERSECURITY” APPARECCHIATURE A BASSA TENSIONE ABROGATA LA NORMA CEI 20-22/2 EVOLUZIONE DEGLI IMPIANTI UTENTE PER LE COMUNICAZIONI SOCI CEI 2021: PROTAGONISTI DEL CAMBIAMENTO CEI CT 1/25 MYNORMA 2021: IL TUO PORTALE DI ACCESSO ALLE NORME PROROGATO IL “FONDO NUOVE COMPETENZE” CHE INCENTIVA LA FORMAZIONE AZIENDALE TERMINOLOGIA, GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA CEI CT 10 COSA CAMBIA NELLA NORMAZIONE DEGLI OLI ISOLANTI MINERALI NASCONO I “TAVOLI DI CONFRONTO” CEI: IL PRIMO È DEDICATO ALL’E-MOBILITY CAVI E REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) CEI CT 20 NUOVE VARIANTI ALLE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CEI 0-16 E 0-21 VISINTAINER ALLA VICE PRESIDENZA CENELEC DAL 2021 LE NORME DI QUALSIASI ENTE NORMATORE INTERNAZIONALE DISPONIBILI SUL SITO DEL CEI CEI CT 108 CEI EN 62368-1 CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2021 NUOVO LIBRO BIANCO “GLI ITALIANI E LA SICUREZZA ELETTRICA” CEI SC 59/61D CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE E DEUMIDIFICATORI È IN ARRIVO IL NUOVO MYNORMA! LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”