rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Nanotecnologie per prodotti e sistemi elettrotecnici

Pubblicata la nuova edizione della NORMA CEI 64-8
per impianti elettrici utilizzatori

 

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

IL CEI SUPERA BRILLANTEMENTE LA VERIFICA INTERNAZIONALE DI CONFORMITÀ AI REGOLAMENTI EUROPEI

16/03/2018
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Il Comitato Elettrotecnico Italiano soddisfa i criteri del Regolamento UE 1025/2012: trasparenza, apertura, imparzialità e consenso, efficacia e rilevanza, coerenza, solvibilità e stabilità.

Le Associazioni europee membre del  CEN e  del CENELEC dal 2012 hanno adottato una procedura periodica di valutazione “autorevole” delle caratteristiche fondamentali che devono possedere gli organismi nazionali in base alle regole del WTO (World Trade Organization) e al Regolamento (UE) n. 1025/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 sulla normazione europea per dimostrare la conformità alle disposizioni.

Tale riconoscimento è importante in quanto le norme emesse dagli organismi normatori, come previsto dal Regolamento 1025/2012, costituiscono lo strumento “tecnico” a supporto della legislazione europea, contribuiscono efficacemente alla formazione e consolidamento del Mercato Unico, supportando in questo modo la crescita economica nell’Europa.

Nel dicembre del 2017 il CEI è stato sottoposto, con esito positivo,  alla procedura formale di valutazione della sua attività da parte di funzionari di altri omologhi enti normatori, denominata “Peer Assessment”.

È da sottolineare che questa valutazione non ha riguardato solo le procedure di funzionamento legate all’attività normativa, ma ha anche verificato aspetti di carattere generale quali la sostenibilità finanziaria dell’ente, i rapporti  con le Autorità Regolatorie nazionali, le attività commerciali e i servizi offerti agli stakeholder nazionali, tra cui la formazione, l’attività di comunicazione e diffusione della cultura normativa.

Inoltre, è stato svolto un approfondimento in relazione ai servizi offerti alle PMI, alle quali il Regolamento 1025/2012 attribuisce un ruolo rilevante, sia come importanti attori dell’attività normativa, sia come fruitori finali delle norme nazionali.

Nel settembre del 2008, la Commissione Europea, alla conclusione dei lavori di uno specifico Gruppo di Studio  sull’importanza  della normazione come strumento  tecnico  delle Direttive e Regolamenti, ha invitato gli Enti normatori nazionali ad esaminare la possibilità di introdurre un processo di “valutazione autorevole” (quale è, ad esempio, il Peer Assessment) con lo scopo di promuovere un continuo miglioramento della loro attività, nonché uno scambio di “best practice” tra gli stessi enti.

A seguito di questa raccomandazione, CENELEC e CEN hanno sviluppato un sistema basato  su una “check list”  le cui domande,  suddivise in sei ambiti, possono consentire la verifica di conformità di un Ente normatore.

Un punto qualificante da segnalare è che il sistema messo in atto è basato sul cosiddetto “approccio volontario”.

Il  sistema adottato nel 2012 proponeva tre tipologie di valutazione, tra cui il Peer Assessment.

I sei criteri individuati tengono conto dei principi fondamentali che regolano la normazione in ambito internazionale, in base al WTO agreement e, in Europa, tramite il Regolamento 1025/2012.

Come indicato in precedenza, gli obiettivi che CENELEC e CEN si sono prefissati sono:

  • individuare una modalità di valutazione “oggettiva” degli enti normatori nazionali in base ai sei criteri in modo che possano operare in una rete di organismi-membri con caratteristiche simili e condivise;
  • informare tutti gli attori addetti alla normazione sulle buone prassi “best practice” adottate

 

Vediamo nel seguito quali sono i sei criteri e cosa si prefiggono di rappresentare.

 

Criterio  1. Trasparenza: le informazioni sull’attività di normazione di un Ente normatore nazionale sono accessibili sul sito e aggiornate periodicamente per consentire a chiunque di partecipare al processo di normazione con diversi modelli di partecipazione possibili.

Secondo questo criterio, tutti i soggetti interessati in ambito nazionale devono avere libero accesso a specifici documenti relativi a  un progetto di norma nazionale, in determinate fasi, per fornire un contributo. Inoltre permette  di rendere nota l’attività in corso agli altri Enti normatori omologhi del “sistema Europa”.

Per ottemperare a questo Criterio, i Comitati nazionali devono mettere a disposizione sul sito in una parte accessibile a tutti e periodicamente aggiornare il proprio programma annuale di lavoro nazionale, con indicato lo stadio raggiunto del progetto e diffondere le informazioni-base dei i nuovi progetti nazionali che vengono avviati. I progetti di nuovi lavori di derivazione internazionale sono comunicati invece una volta per tutti dagli organismi di normazione europea CENELEC e CEN.

Sempre sul sito, devono risultare accessibili e commentabili da tutti i progetti nazionali e internazionali che sono nella fase prevista di “Inchiesta Pubblica”.

In questo modo, tutti coloro che accedono al sito dell’organismo normatore nazionale possono conoscere le informazioni-base dell’attività nazionale avviata, chiedere di partecipare ai lavori secondo le condizioni previste dal Comitato nazionale e/o  commentare  tali  documenti nella fase di “Inchiesta Pubblica” entro i termini indicati.

L’Ente normatore inoltre deve predisporre strumenti tali da garantire che tutti gli esperti che partecipano a tutte le fasi dell’attività normativa (in CEI, gli esperti nominati dai Soci Effettivi) abbiano accesso a tutti i documenti di lavoro per lo specifico campo di attività.

 

Criterio 2. Apertura: la partecipazione ai lavori normativi deve essere aperta  a  tutte la parti interessate, direttamente o indirettamente. Occorre inoltre garantire che la normativa sia elaborata in modo tale che tenga conto delle più ampie aspettative di tutti i componenti della società.

Non ci devono essere barriere precostituite alla partecipazione di nuovi stakeholder all’attività normativa. Occorre dimostrare di promuovere e facilitare il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, compresi quelli che potenzialmente hanno difficoltà ad essere rappresentati, quali in particolare le Piccole Medie Imprese (PMI) e  i rappresentanti delle categorie dei consumatori, delle associazioni ambientali e dei lavoratori, ecc. (nel Regolamento 1025/2012 sono le “Annex III organizations”).

Si richiede infine di monitorare periodicamente la composizione degli organi tecnici preposti all’elaborazione delle norme, nonché degli organi di governance in modo che ci sia una partecipazione bilanciata e non discriminatoria.

 

Criterio 3. Imparzialità e consenso: la struttura organizzativa e le procedure messe in atto dagli organismi normatori, incluse quelle relative a eventuali appelli contro la pubblicazione di una norma, devono garantire una elaborazione imparziale del lavoro normativo.

Il punto qualificante di questo Criterio è l’imparzialità e indipendenza in tutto il processo normativo, sia negli ambiti tecnici, sia in quelli di amministrazione dell’Ente.

Nell’ambito dei lavori normativi deve essere assicurato il “consenso” nell’approvazione di un documento e dimostrare la capacità di ottenere questo consenso.

Secondo la definizione internazionale la normativa tecnica deve nascere su una base di “consenso”, intendendosi questo raggiunto quando una delle parti, settori o categorie interessati alla specifica norma non esprime un forte e motivato disaccordo.

 

Criterio  4.  Efficacia e Rilevanza: nell’elaborazione di un documento normativo si devono considerare tutte le appropriate e specifiche necessità del mercato, gli sviluppi scientifici e tecnologici come pure le necessità degli organi regolatori e i portatori di interesse sociale (consumatori, ambientalisti, sindacati, ecc.).

Occorre anche porre particolare attenzione all’eventuale presenza di brevetti su prodotti interessati dal documento normativo in elaborazione durante tutta la fase di normazione, per non imporre barriere economiche allo sviluppo di prodotti normati.

Devono essere poste in atto anche le procedure per la revisione delle norme considerate obsolete e/o inefficaci. Inoltre i documenti normativi devono essere pubblicati con la massima qualità editoriale possibile, sottoposti ad aggiornamento periodico e risultare facilmente utilizzabili dagli operatori.

 

Criterio 5. Coerenza: va assicurata per tutto il corpo normativo nazionale,  evitando lo sviluppo o la pubblicazione di norme nazionali contrastanti o in conflitto.

È necessario adempiere alle procedure per assegnare lo stato di norma nazionale alle Norme Europee EN e ritirare le norme nazionali in contrasto con esse.

 

Criterio 6. Solvibilità e Stabilità: occorre fornire evidenza del riconoscimento dell’ organismo normatore in ambito nazionale e della capacità di auto sostentamento finanziario.

I Comitati nazionali hanno un ruolo chiave sia nel sistema normativo europeo sia nel proprio sistema nazionale.

Sono chiamati ad assolvere i loro compiti e ad assicurare la continuità operativa. Ciò implica che gli Enti normatori devono garantire, da un lato il pagamento delle quote destinate agli organismi di normazione europei (CENELEC per il CEI), dall’altro la loro stabilità legale e solvibilità finanziaria in ambito nazionale.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
NOVITÀ E CORRETTA APPLICAZIONE DELLA CEI 64-8 EDIZIONE 2021 PUBBLICATA LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 64-8 PER IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI NANOTECNOLOGIE PER PRODOTTI E SISTEMI ELETTROTECNICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO”: AMBIENTI PARTICOLARI CONVENZIONE CEI – FONDAZIONE CNI 2021/2022 NUOVE CONVENZIONI CEI PER GLI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO E CNA IL CT 68/51 PER LEGHE, ACCIAI E COMPONENTI MAGNETICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO” CEI CT 111 GLI OBBLIGHI DI TRACCIABILITÀ DELLE SOSTANZE NELLE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE CONVENZIONE CEI – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO CEI “CYBERSECURITY” APPARECCHIATURE A BASSA TENSIONE ABROGATA LA NORMA CEI 20-22/2 EVOLUZIONE DEGLI IMPIANTI UTENTE PER LE COMUNICAZIONI SOCI CEI 2021: PROTAGONISTI DEL CAMBIAMENTO CEI CT 1/25 MYNORMA 2021: IL TUO PORTALE DI ACCESSO ALLE NORME PROROGATO IL “FONDO NUOVE COMPETENZE” CHE INCENTIVA LA FORMAZIONE AZIENDALE TERMINOLOGIA, GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA CEI CT 10 COSA CAMBIA NELLA NORMAZIONE DEGLI OLI ISOLANTI MINERALI NASCONO I “TAVOLI DI CONFRONTO” CEI: IL PRIMO È DEDICATO ALL’E-MOBILITY CAVI E REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) CEI CT 20 NUOVE VARIANTI ALLE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CEI 0-16 E 0-21 VISINTAINER ALLA VICE PRESIDENZA CENELEC DAL 2021 LE NORME DI QUALSIASI ENTE NORMATORE INTERNAZIONALE DISPONIBILI SUL SITO DEL CEI CEI CT 108 CEI EN 62368-1 CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2021 NUOVO LIBRO BIANCO “GLI ITALIANI E LA SICUREZZA ELETTRICA” CEI SC 59/61D CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE E DEUMIDIFICATORI È IN ARRIVO IL NUOVO MYNORMA! LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”