rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

SISTEMI DI SICUREZZA E ALLARME

NORME E TECNOLOGIE 4.0: CONVEGNI CEI

NUOVO CORSO DI FORMAZIONE “LOCALI MEDICI”

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

IL LIVELLO DI PRESTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ALLARME INTRUSIONE

14/09/2018
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Fornire un metodo oggettivo per definire il livello di prestazione di un impianto di allarme è uno degli obiettivi principali della Norma CEI 79-3.

Enea Piva (Membro CEI CT 79)

Franco Bua (Segretario Tecnico Referente CEI CT 79)

 

Introduzione

Un sistema di sicurezza contro l’intrusione è sempre costituito da:

  • un sottosistema passivo composto da mezzi fisici interposti tra il possibile pericolo e ciò che è da proteggere;
  • un sottosistema attivo composto dal complesso di apparecchiature che rileva e segnala il tentativo di superamento del sottosistema passivo e un modulo di intervento umano con il compito di contrastare/annullare l’azione criminosa.

Un sistema di allarme intrusione e rapina è quindi un componente funzionale ad un sistema più ampio e articolato, che ha come obiettivo quello di ridurre il rischio mediante l’adozione di mezzi di contrasto e di protezione.

Assunto che un sistema di sicurezza è efficace se il tempo di rivelazione dell’azione criminosa (TRIV) som- mato al tempo necessario per trasmettere l’informazione (TTX) e a quello necessario per intervenire (TINT) è inferiore al tempo necessario per superare il sottosistema passivo (TABB):

si deduce, estremizzando, che per ottenere un successo contro un ladro – sventare il furto nella sua fase iniziale – sono indispensabili entrambi i sottosistemi.

 

La Norma CEI 79-3

La Norma CEI 79-3 “Sistemi di allarme – Prescrizioni particolari per gli impianti di allarme intrusione” descrive il processo di progettazione e installazione di un impianto di allarme, ne specifica i requisiti ed elenca i documenti che devono essere redatti in ogni fase del processo di progettazione, realizzazione, verifica e manutenzione.

La progettazione di un impianto di allarme e, in particolare, la definizione della sua prestazione si deve sempre basare sui risultati di un’analisi del rischio. Il metodo adottato dalla Norma CEI 79-3 per l’analisi del rischio è qualitativo e si basa sui livelli di rischio che sono funzione della qualità della minaccia da cui ci si vuole proteggere che, in ultima analisi, dipende dalle conoscenze dei sistemi di allarme e dalla disponibilità di mezzi e strumenti e dei rapinatori.

Nella Tabella 1 sono riportati i 4 livelli di rischio codificati dalla Norma CEI EN 50131-1 ripresi nella CEI 79-3.

Tabella 1 – Livelli di rischio (elaborazione da Norma CEI 79-3)

Le tipologie impiantistiche identificate convenzionalmente dalla Norma CEI 79-3 sono 5, come riportato nella Tabella 2. A ciascuna tipologia fondamentale di area da proteggere possono essere ricondotti i vari casi particolari che hanno caratteristiche assimilabili.

Tabella 2 – Classificazione delle tipologie impiantistiche (elaborazione da Norma CEI 79-3)

Una volta individuate le tipologie impiantistiche e il livello di rischio stimato, si tratta di verificare che le prestazioni offerte dall’impianto previsto siano adeguate. Si tratta di un’operazione che potrebbe essere condotta anche solo sulla base dell’esperienza di un progettista esperto; tuttavia la disponibilità di un metodo normato, oltre a semplificare il compito, riduce il margine di soggettività e garantisce il rispetto della regola dell’arte.

La Norma CEI 79-3 descrive un metodo oggettivo per definire il livello di prestazione di un impianto in funzione di:

  • numero di barriere funzionalmente concentriche che è possibile realizzare;
  • consistenza delle caratteristiche dei componenti installati;
  • modalità realizzative dell’impianto.

 

Livello di prestazione: metodo analitico

Allo scopo della valutazione del livello di prestazione, la Norma CEI 79-3 scompone gli impianti di allarme intrusione in tre sottoinsiemi:

  • rivelatori;
  • apparati essenziali e opzionali;
  • dispositivi di allarme.

Con riferimento al livello di prestazione, la Norma CEI 79-3 propone un metodo di valutazione che assegna a ognuno dei 3 sottosistemi componenti un fattore di merito, il cui valore è convenzionalmente compreso tra 0 e 1.

In termini generali, il livello di prestazione di ogni sottoinsieme dipende da fattori di merito dei componenti ad esso appartenenti. Gli elementi considerati per l’attribuzione dei fattori di merito sono:

  • il grado di sicurezza dei singoli apparati che compongono l’impianto;
  • le modalità d’installazione e d’esecuzione delle interconnessioni descritte dalla stessa norma;
  • la correlazione fra i singoli apparati nei due casi possibili di:
    • apparati funzionalmente in parallelo, il cui contributo alle prestazioni globali corrisponde alla somma dei singoli contributi;
    • apparati funzionalmente in serie, il cui contributo alle prestazioni globali corrisponde al prodotto dei singoli contributi;
  • l’importanza relativa dei singoli apparati per mezzo di coefficienti moltiplicativi (per gli elementi fun- zionalmente in parallelo) o di coefficienti esponenziali (per gli elementi funzionalmente in serie), il cui valore convenzionale viene fissato per singoli casi tipici;
  • la presenza di zone non protette totalmente da determinati raggruppamenti omogenei di rivelatori attraverso un coefficiente d’insuperabilità della protezione all’interno del fattore di merito dei rivelatori.

Per il sottoinsieme rilevatori l’espressione generale del fattore di merito (fi) può essere espressa come segue:

dove:

  • Cr e αr sono coefficienti di ponderazione specificati nella norma nei singoli casi;
  • L è il grado di sicurezza;
  • k è un eventuale correttivo del grado di sicurezza specificato nella norma nei singoli casi;
  • I è il coefficiente di insuperabilità;
  • x tiene conto dell’eventuale incompletezza della protezione ed è specificato nella norma nei singoli casi.

La Norma CEI 79-3 permette quindi una gestione analitica della valutazione del livello di prestazione assicurato da un impianto di allarme intrusione. L’impianto è adeguato al contesto da proteggere se il livello di prestazione risulta numericamente pari o superiore al livello di rischio.

È importante sottolineare che il primo è il livello di prestazione minimo affinché l’impianto realizzato possa essere dichiarato conforme alla Norma CEI 79-3. Se il calcolo del livello di prestazione di un sottoinsieme fornisce come risultato un valore inferiore al primo, il sottoinsieme, e quindi l’intero impianto, sono considerati non classificabili e conseguentemente non conformi ai requisiti normativi.

 

Livello di prestazione: metodo tabellare

La Norma CEI 79-3 affianca al metodo analitico un metodo più semplice per la definizione del livello di prestazione di un impianto di allarme intrusione: il metodo tabellare.

Il metodo tabellare è concettualmente più semplice da utilizzare ma è meno flessibile e può risultare eccessivamente rigido in impianti complessi o di grandi dimensioni. Sostanzialmente la Norma CEI 79-3 fornisce per ciascuna delle cinque tipologie impiantistiche che rappresentano contesti operativi omogenei (unità abitativa isolata, unità abitativa non isolata, caveau, insediamento industriale, cassaforte) 3 tabelle per ciascun sottoinsieme che compone l’impianto.

Da queste tabelle è possibile dedurre direttamente il livello di prestazione di ciascun sottosistema in funzione del grado di sicurezza, del tipo e della disposizione dei componenti e quindi il livello di prestazione dell’impianto nel suo complesso.

Con riferimento alla Tabella 3 si vede, ad esempio, come impiegando rivelatori del tipo contatti magnetici su tutte le aperture ed un sistema di rivelatori volumetrici a trappola, tutti con grado di sicurezza 1 si ottiene un livello di prestazione del sottoinsieme rilevatori pari ad 1.

Tabella 3 – Unità abitativa non isolata con accessi praticabili posti ad un’altezza superiore a 4 m dal suolo – Determinazione del livello di prestazione del sottoinsieme rivelatori

 

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”