rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

INTERVISTA AGLI OFFICERS DEL CEI/CT 312

13/04/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Luca Carmignani (Presidente) e Tiziano Valentinetti (Segretario)

CT 312 “Componenti e sistemi elettrici ed elettronici per veicoli elettrici e/o ibridi per la trazione elettrica stradale”

Presidente: Ing. Luca Carmignani (Piaggio & C. Spa)

Segretario: Ing. Tiziano Valentinetti (E-Distribuzione Spa)

Segretario Tecnico Referente CEI: Ing. Andrea Legnani

Scopo: Il CT 312 ha come scopo la normazione di:

– Motori ad alimentazione elettrica per trazione elettrica stradale a 2, 3 e 4 ruote

– Dispositivi elettrici di avviamento, commutazione, regolazione, controllo di tali tipi di motori

– Elettronica applicata ai suddetti dispositivi e alla trazione elettrica stradale in genere

– Accumulatori speciali.

Obiettivo del Comitato è inoltre quello di affrontare in maniera strutturata la tematica relativa al veicolo elettrico, costituendo l’interfaccia nazionale per l’analoga attività avviata a livello CENELEC (CEN CENELEC E-mobility Coordination Group) ed IEC.

Data la trasversalità delle tematiche trattate, sono stati creati una serie di “collegamenti” con gli altri CT CEI coinvolti nell’argomento, fra i quali:

CT 20 “Cavi elettrici”

CT 21/35 “Accumulatori e pile”

CT 23 “Apparecchiatura a bassa tensione”

CT 55 “Conduttori per avvolgimenti”

CT 69 “Macchine elettriche dei veicoli stradali elettrici”

CT 105 “ Celle a combustibile”

CT 313 “ Smart grids”.

 

Luca Carmignani

E’ nato nel 1969 a Pisa, dove si è laureato in Ingegneria Aeronautica.

Lavora per Piaggio Group – R&D Powertrain come Responsabile Innovazione, EMS (Engine Management Systems) e Calcoli.

In ambito powertrain, è responsabile delle attività di ricerca ed innovazione, dei sistemi di gestione e controllo motore, nonché delle attività di simulazione e calcolo.

In particolare, in tale ambito ha lavorato allo sviluppo dei seguenti progetti:

  • nel 2010, alla produzione di serie del primo veicolo ibrido plug-in al mondo con batteria al litio (MP3 Hybrid 125cc nel 2009 e 300cc);
  • nel 2011, alla commercializzazione di un ciclomotore puramente elettrico (Liberty e-Mail);
  • nel 2015, al lancio sul mercato di una bicicletta elettrica con proprio powertrain (Piaggio wi-bike) che si contraddistingue oltre che per le elevate prestazioni e modularità, anche per l’alto livello di connettività.

Docente dal 2003 nel corso universitario di “Progetto e Sperimentazione di Motoveicoli”, tenuto da Piaggio per la Facoltà di Ingegneria di Pisa all’interno del corso di Laurea Specialistica in “Ingegneria dei Veicoli Terrestri”.

Presidente dal 2010 del CEI/CT 312 “Componenti e sistemi elettrici ed elettronici per veicoli elettrici e/o ibridi per la trazione elettrica stradale”.

È autore di numerose pubblicazioni afferenti alle attività di ricerca del Gruppo gestite in collaborazione con le Università di Pisa, Firenze e Bologna e con l’Istituto Motori CNR.

 

 

Quali sono i principali obiettivi del Comitato Tecnico CEI 312?

 

Carmignani: In questi anni abbiamo cercato, in linea con le finalità per cui il Comitato è stato creato, di fare sinergia tra le attività tecniche, nazionali ed internazionali, che in un qualche modo afferivano alla mobilità ibrida ed elettrica.

Valentinetti: In particolare, come Comitato trasversale che ospita membri degli altri Comitati Tecnici nazionali coinvolti nel settore della mobilità elettrica, il CT 312 ha potuto condurre e partecipare nel corso degli anni anche a specifici tavoli tecnici internazionali mirati a conciliare le diverse posizioni sugli standard di connessione tra veicolo e infrastruttura, come anche a coniugare le diverse esigenze nei protocolli di comunicazione sia tra veicolo e infrastruttura che tra infrastruttura e centro di gestione

 

Quali attività svolte nel CEI per rilanciare il Comitato 312 ricorda con maggiore soddisfazione?

 

Valentinetti: Abbiamo diversi casi di successo che, vista la giovane età del Comitato 312, hanno consentito di proporre il nostro lavoro come fattore aggregante tra i diversi Comitati coinvolti ognuno per il proprio ruolo nel sistema degli standard della mobilità elettrica.

Son diversi gli esempi che potremmo portare in senso.

Possiamo citare il coordinamento e la rappresentanza del CEI nel Gruppo di lavoro italo-franco-tedesco per risolvere le posizioni contrastanti a livello europeo sulle caratteristiche del connettore unico per la ricarica modo 3 in AC, sia per i veicoli elettrici convenzionali che per i veicoli elettrici cosiddetti leggeri. Inoltre, abbiamo proposto per primi che venisse avviato un nuovo lavoro di standardizzazione relativamente ai cavi di ricarica affinché potessero essere disciplinati in modo maggiormente coerente con le esigenze del mercato e in linea con lo sviluppo industriale.

 

Di quali attività si occupa in generale il CT 312?

 

Carmignani: Il CT 312 segue tutte le attività tecniche inerenti i componenti elettrici ed elettronici per veicoli elettrici e/o ibridi per la trazione elettrica stradale. In sostanza il CT fa da sistemista di attività che singolarmente altri Comitati Tecnici seguono per aspetti di competenza specifica (ad esempio, il CT 20 per i cavi di ricarica). E’ quindi anche il luogo dove più si affiancano e confrontano esperienze e competenze diverse, tipiche di una mobilità innovativa ed in rapida evoluzione, quale quella elettrica ed ibrida. Il CT 312 vede quindi coinvolta anche la CIVES (Commissione italiana Veicoli Elettrici Stradali a Batteria, Ibridi e a Celle Combustibili), proprio nell’ottica di mettere a fattor comune non solo le esperienze tecniche e normative ma anche quelle in essere in ambito esterno ai vari CT.

 

Qual è stato e qual è il contributo italiano in sede internazionale dei relativi TC IEC e CENELEC?

 

Valentinetti: Possiamo ricordare nuovamente quanto già citato circa il lavoro congiunto con i Comitati Tecnici nazionali francese e tedesco per la soluzione dei contrasti sino a qualche anno fa esistenti in Europa sull’individuazione del connettore di ricarica modo 3 che meglio coniugasse le diverse esigenze del mercato e dei singoli Paesi.

In ambito CENELEC è stata pubblicata grazie anche al lavoro del Comitato 312 la modifica della EN 61851-1, introducendo dei livelli di sicurezza nell’utilizzo di prese e spine modo 3 più elevati rispetto allo scenario precedente; tale lavoro è poi migrato in ambito IEC.

 

Cosa raccoglie dal passato e cosa si propone di fare in più per i prossimi tre anni di mandato?

 

Carmignani: L’idea è di continuare in questo percorso che vede sempre più sinergia tecnica interna ai Comitati  nazionali in generale, su un tema così strategico ed innovativo per il futuro, promuovendo a livello internazionale una posizione forte e condivisa che possa aiutare a garantire i requisiti di sicurezza e uniformità massima a livello comunitario europeo (e possibilmente non solo). E’ evidente che si debba continuare in un ambito così variegato a portare avanti sinergie e contatti con altri Comitati internazionali (IEC, ISO, …).

 

Come pensa di rapportarsi al mondo dell’industria nel nostro Paese?

 

Carmignani: Si vorrebbe sempre di più coinvolgere attivamente e proattivamente nel CT le varie aziende, così che possa sempre più esserci un luogo tecnico dove porre a confronto realtà varie, da chi sviluppa un componente, a chi produce un veicolo o powertrain, a chi segue più da vicino il mondo delle normative. Più questo modello prende piede, più diventa efficace e se ne vede l’elevato valore aggiunto.

 

Quali sono secondo Lei gli obiettivi prioritari che bisognerebbe dare particolare alla normativa per la mobilità elettrica?

 

Carmignani: In primis cercare di portare avanti soluzioni che possano facilitare e semplificare il passaggio, o almeno l’incremento, della mobilità ibrida ed elettrica, senza per questo nulla togliere al tema sicurezza. A titolo di esempio, per i veicoli leggeri, da tempo come CT si propone il modo di ricarica più sicuro con connettore unificato (tipo 3A) in ambito pubblico (modo 3), dando comunque la possibilità in ambiente privato e con basse potenze di ricaricare di modo 1 tramite adattatore. Questa posizione, se pur in teoria facilmente condivisibile, trova non poche difficoltà a livello comunitario per andare avanti.

 

 

 

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”