rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

INTERVISTA A FLAVIO MAURI (SEGRETARIO) E GIUSEPPE CANNAVALE (PRESIDENTE) CEI/CT 14

15/03/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Trasformatori

Flavio MAURI

Ha lavorato dal 1987 al 1990 nel campo degli impianti elettrici civili ed industriali e dal 1990 al 2000, presso il Centro di Ricerca Elettrica dell’Enel (Milano), nel campo della ricerca sui componenti elettrici. Attualmente lavora in e-distribuzione, nella Divisione Infrastrutture e Reti del Gruppo ENEL, presso la sede a Roma. Dal 2015, nell’ambito della Funzione Tecnologie di Rete, è il riferimento per le attività relative ai trasformatori di potenza, di misura ed altri componenti della rete elettrica. In particolare segue direttamente le principali innovazioni relative ai componenti di competenza, la definizione delle specifiche tecniche e le principali problematiche riguardanti tali componenti in esercizio nelle reti elettriche.

In campo normativo nazionale, da diversi anni partecipa direttamente ai lavori del Comitato Elettrotecnico Italiano per la preparazione della normativa tecnica di settore. Dal 2007 al 2016 ha ricoperto la carica di Presidente del Comitato Tecnico CEI 14 “Trasformatori” e attualmente ricopre la carica di Segretario nello stesso Comitato. Inoltre, a livello normativo internazionale partecipa attivamente ad alcuni Working Group. In particolare è Convenor dei WG 29 e WG 32, del CENELEC TC 14, che su mandato della Commissione Europea si occupano della preparazione e dell’aggiornamento delle norme europee sulle performance energetiche dei trasformatori.

Per i componenti di competenza partecipa a diversi seminari e conferenze in campo nazionale e internazionale (CEI, IEC, CIGRE, CIRED) e ha scritto diversi articoli per le riviste di settore.

Forse non tutti conoscono il CT 14: ce lo può presentare?

Il Comitato Tecnico 14 si occupa di trasformatori di potenza. I trasformatori di potenza sono tra i componenti più importanti che vengono impiegati nelle reti elettriche, rappresentano la più diffusa e valida soluzione per la trasformazione dell’energia elettrica permettendone la generazione, il trasporto e la distribuzione fin dentro le nostre case.
Nonostante il principio di funzionamento dei trasformatori sia sostanzialmente rimasto lo stesso fin dalla nascita del primo brevetto verso la fine dell’800, l’evoluzione tecnologica ha invece fatto passi da gigante e il mondo dei trasformatori è pertanto sempre spinto verso la ricerca di soluzioni progettuali innovative, sia per quanto attiene i materiali impiegati sia per le tecnologie di costruzione.

Tra le innovazioni più importanti si ricordano:

• il Regolamento di Ecodesign, che prevede trasformatori sempre più efficienti;
• la disponibilità di liquidi isolanti diversi dagli oli minerali tradizionalmente usati, come gli esteri naturali e sintetici, che presentano caratteristiche di non infiammabilità e biodegradabilità di notevole interesse;
• la disponibilità di isolatori in composito in sostituzione dei precedenti in porcellana, anch’essi con interessanti caratteristiche resistenza e sicurezza, ecc.

In questo contesto, il lavoro normativo tecnico del CEI gioca un ruolo fondamentale insieme a tutti gli altri soggetti interessati, come legislatori, costruttori e utilizzatori. Il compito principale del nostro Comitato 14 è quindi quello di contribuire a far marciare le norme tecniche di pari passo con l’evoluzione tecnologica e le leggi in vigore, in modo da rispondere al meglio alle più moderne esigenze del settore.

Quali attività svolte nel CEI per rilanciare il Comitato Tecnico 14 ricorda con maggiore soddisfazione?

Mi piace ricordare le due seguenti attività svolte dal Comitato 14. La prima riguarda la normativa legata al Regolamento di Ecodesign: per questa normativa abbiamo lavorato direttamente su Mandato della Commissione Europea e abbiamo prodotto norme che specificano le prestazioni energetiche e quindi l’efficienza dei trasformatori di potenza.

Con i limiti di efficienza previsti, alcuni dei quali molto ambiziosi e da confermare, per il 2025 in Europa è stato ipotizzato un risparmio di energia annuale corrispondente a metà del consumo annuale della Danimarca, circa 16,2 TWh all’anno, pari a 3,7 Mt di emissioni di CO2; la Danimarca ha circa sei milioni di persone, quindi è qualcosa di veramente rilevante.

La seconda attività è tutt’ora in corso e riguarda la standardizzazione dei vari componenti ed accessori che vengono impiegati sui trasformatori come, per esempio, i relè buchholz, gli aerotermi, i radiatori, le valvole, ecc. Questo lavoro è partito da un’iniziativa che già esisteva a livello europeo CENELEC, e come Comitato CEI siamo stati tra i promotori dell’estensione di questa normativa relativa agli accessori per trasformatori a livello IEC. Questo è importantissimo perché consentirà a tutte le persone che si occupano di trasformatori di parlare la stessa lingua; quindi chi dovrà acquistare o vendere trasformatori in America Latina, per esempio, dirà semplicemente che il trasformatore deve avere questi accessori secondo le norme IEC e così si comprenderà subito di che cosa si sta parlando.

Tale lavoro è in corso in questi mesi, se n’è discusso durante l’ultima riunione del TC 14 IEC tenutasi a Francoforte nell’ottobre 2016, e l’obiettivo è quello di avere, entro un paio d’anni, una norma internazionale su tutti questi aspetti.

 

Giuseppe CANNAVALE

Ha iniziato la sua attività nel 1960 presso la CGE (filiale italiana della G.E.), occupandosi di prove e progettazione di trasformatori di potenza. Dal 1966 al 2000 ha lavorato presso il Centro di Ricerca Elettrica dell’Enel. Dal 2001 a tutt’oggi lavora nel campo dell’assistenza post-vendita presso la Società Tamini/Terna costruttrice di trasformatori di grande potenza e industriali. Dal 2001 a tutt’oggi lavora nel campo dell’assistenza post-vendita presso la Società Tamini/Terna costruttrice di trasformatori di grande potenza e industriali.

Nell’ambito dell’attività lavorativa, si è interessato di:

  • progettazione elettromagnetica dei trasformatori di potenza;
  • redazione di specifiche tecniche per l’ordinazione di trasformatori per la distribuzione AT/MT, trasformatori elevatori di centrale e autotrasformatori;
  • prove su trasformatori di misura e di potenza, con particolare riferimento alle misure di scariche parziali, prove di cortocircuito, analisi dei gas disciolti in olio, analisi di SFRA, attività predittive sulla vita dei trasformatori;
  • ricerche sui trasformatori a 1000 kV installati nella stazione sperimentale Enel di Suvereto;
  • attività di assistenza successiva alla vendita di trasformatori di potenza e industriali, con particolare riferimento alla messa in esercizio di trasformatori PST (Phase Shifter Transformers) per potenze fino a 1800 MVA e tensioni fino a 400 kV;

Nel campo dell’attività normativa, è:

  • l’attuale Presidente del CT 14 “Trasformatori” del CEI, del quale è stato per diversi anni Segretario;
  • il Segretario del SC 36 A “Isolatori” del CEI;
  • il “Past President” del Gruppo Trasformatori dell’ANIE;
  • membro del CIGRE WG 2 “Power Transformers”.

Ha pubblicato diversi articoli nel campo dei trasformatori editi su riviste tecniche, tra le quali CIGRE, CIRED, IEEE.

Cosa raccoglie dal passato e cosa si propone di fare in più per i prossimi tre anni di mandato?

Partecipo alle attività del Comitato Tecnico 14 da circa vent’anni, inizialmente come assistente dell’allora Segretario Prof. Bossi, poi sono diventato Segretario e attualmente sono Presidente del Comitato.

In tutti questi anni ho rilevato due aspetti fondamentali: il primo riguarda la preparazione della normativa che si è trasferita in maniera sempre più vincolante verso il mondo internazionale. La IEC, che si occupa della normativa a livello mondiale, e il CENELEC, che si occupa della normativa a livello europeo, sono diventati praticamente gli unici enti normatori e i Comitati Tecnici nazionali si sono trovati spesso a fare da semplici traduttori della normativa edita a livello internazionale. Risulta pertanto fondamentale, per soddisfare le esigenze tecniche nazionali, che gli esperti italiani siano sempre presenti in campo internazionale.

Il secondo riguarda la partecipazione alle iniziative a livello internazionale che non è semplice perché si tratta di una partecipazione onerosa dal punto di vista economico e le aziende mirano soprattutto ad avere risultati immediati rispetto al denaro investito per assicurare la presenza costante in tali attività; attività, queste ultime, che spesso richiedono tempi piuttosto lunghi per giungere all’edizione di un testo normativo condiviso fra i diversi Paesi che partecipano alla preparazione di documenti normativi.

Tuttavia mi sembra che in questi ultimi tempi ci sia una maggiore consapevolezza riguardo alla possibilità di incidere sulle predisposizioni della normativa essendo più presenti e partecipando direttamente ai lavori in sede internazionale. Questo viene oggigiorno percepito anche dalle aziende che cercano effettivamente di addossarsi costi che alla fine, nel quadro dei bilanci aziendali, possono risultare decisamente marginali.

Come pensa che l’attività normativa possa supportare il mondo dell’industria nel nostro Paese?

Per quanto riguarda il supporto al mondo dell’industria, uno degli aspetti che mi sembra fondamentale in questo momento e che potrebbe penalizzare molto le industrie di trasformatori italiane, soprattutto quelle piccole, è l’introduzione della nuova normativa europea sull’Ecodesign. L’Ecodesign è un Regolamento Europeo che si propone, nell’ambito di una maggiore efficienza energetica, una significativa riduzione delle perdite a vuoto e a carico dei trasformatori di potenza. L’Ecodesign, quando e se verrà attuata la seconda fase di introduzione del Regolamento, può comportare modifiche radicali alla modalità di costruzione dei trasformatori della distribuzione medio-bassa. Le aziende italiane di grandi dimensioni hanno capacità sia di ricerca che di investimento per poter modificare la propria maniera di realizzare i trasformatori, ma quelle piccole non sono in queste condizioni.

Poiché la seconda fase di applicazione del Regolamento Ecodesign prevede riduzioni drastiche delle perdite dei trasformatori, bisognerebbe cercare di ammorbidire questa posizione per consentire ai piccoli costruttori italiani di essere presenti sul mercato continuando ad utilizzare la tecnologia attuale per la costruzione dei nuclei magnetici. Tale tecnologia prevede attualmente la costruzione dei nuclei dei trasformatori fatta per impaccamento dei singoli lamierini piuttosto che per avvolgimento di un nastro di materiale magnetico ad altissima permeabilità.

Sembra una banalità, ma è una modifica molto radicale e profonda che richiede per lo meno un minimo di ricerca e grandi investimenti soprattutto per le aziende, anche non piccole, che si sono attrezzate a produrre trasformatori di distribuzione in maniera quasi semi-automatica.

Quali sono secondo Lei gli obiettivi prioritari che bisognerebbe dare al mondo normativo elettrico in generale e a quello del CT 14 in particolare?

Per quanto riguarda la redazione della normativa e quindi gli obiettivi che bisognerebbe dare agli estensori dei documenti normativi, penso che occorrerebbe essere estremamente chiari. Ho sempre considerato che la norma rappresenta, al di là del contratto commerciale fra costruttore e acquirente, il documento di riferimento per quanto riguarda i collaudi delle macchine in generale e dei trasformatori in particolare. In questi ultimi tempi ho notato che si tende sempre di più a redigere norme che sembrano piccoli trattati teorici su come condurre le prove, su come eseguire certe verifiche piuttosto che non delle regole, degli “statements” estremamente chiari e precisi che consentano un rapporto tra costruttore e acquirente al momento del collaudo della macchina.

Infine, quello che vorrei fare proprio per il nostro Comitato è spingere tutti i membri CEI che partecipano alle attività internazionali a considerare questo aspetto: che la norma venga scritta in modo da rappresentare un documento di interpretazione, nel rapporto tra cliente e fornitore, estremamente chiaro in modo da evitare inutili discussioni e lungaggini nel momento in cui i prodotti che vengono venduti saranno collaudati.

 

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”