rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

L’ATTIVITÀ NORMATIVA INTERNAZIONALE NEL 2016

20/07/2017
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Le principali attività svolte in ambito IEC per lo sviluppo della normativa del settore nel mondo.

Nel 2016 la famiglia IEC è costituita da 170 (60+23+87) Paesi, di cui 60 Paesi Membri a pieno titolo e 23 Paesi Associati (che hanno minori diritti di partecipazione ai lavori normativi, ricevono tutta la documentazione e non sono eleggibili negli organi statutari della IEC), nonché 87 Paesi Affiliati che aderiscono con quote di partecipazione ridotte e possono adottare le Norme IEC. Di questi, 44 hanno adottato le Norme IEC. Tutti insieme rappresentano il 98% della popolazione mondiale e producono il 96% di energia elettrica mondiale.

Nel corso dell’anno c’è stata una vivace consultazione tra Paesi Membri per individuare i punti salienti del nuovo Masterplan, che dovrebbe essere approvato a fine 2017. L’attività della IEC è continuata comunque secondo le linee guida dell’attuale Piano Strategico approvato nel 2011:

  • maggiore focalizzazione sulle nuove tecnologie, applicando l’approccio sistemico delineato dallo Standardization Management Committee (SMB) a nuove aree. Si segnala la costituzione di un nuovo Comitato di Sistema per l’utilizzo della corrente continua in bassa tensione (LVDC);
  • costituzione di nuovi Gruppi Strategici tematici in ambito SMB, tra cui quelli relativi allo “smart manufacturing” (SEG 7), alle “communication technologies” (SG 9), incluso l’uso di internet, e ai “wereable devices”, che costituiscono gli “incubatori” dei futuri Comitati-sistema;
  • incoraggiamento alla partecipazione attiva ai lavori normativi dei Paesi aderenti e verifica della rappresentatività dei vari stakeholders all’interno degli organi tecnici che si interfacciano con la IEC (Comitati Tecnici mirror);
  • pubblicazione da parte del MSB (Market Strategy Board) di due libri bianchi relativi a “IoT 2020: Smart and secure IoT platform” e “Global energy interconnection”, entrambi scaricabili dal sito IEC, che propongono le attività normative che la IEC potrebbe promuovere in questo ambito;
  • ricerca di rapporti sempre più sinergici con istituzioni internazionali e altri organi che emettono documenti tecnici di riferimento (Fora e Consortia).

L’80esimo General Meeting IEC si è svolto a Francoforte dal 10 al 14 ottobre 2016.

In tale occasione si è riunito il Council, che costituisce l’organo decisionale ufficiale della IEC, a cui partecipano tutte le delegazioni nazionali dei Paesi membri. L’attuale Presidente IEC Junji Nomura, a cui subentrerà nel 2017 James Shannon, statunitense, ha tenuto il suo discorso molto articolato sul ruolo dell’IEC e su come vede la sua evoluzione negli anni futuri; Frans Vreeswijk, Segretario Generale, ha presentato una relazione sui risultati raggiunti dall’attività IEC nel corso dell’anno, i cui punti qualificanti sono:

  • la pubblicazione di 592 fascicoli tra International Standards, Technical Specifications, Technical Reports, Guides, Publicly Available Specifications. Alla fine del 2016 la libreria dell’IEC conteneva 7.148 documenti, con il conseguente impegno di costante aggiornamento;
  • la focalizzazione sull’attività di certificazione (di prodotto e di sistema) come strumento di penetrazione di mercato e di conformità anche ad aspetti legislativi;
  • l’attenzione alle richieste dei mercati, alla rilevanza globale delle Norme IEC e al sempre più necessario approccio di sistema nella programmazione dei lavori normativi nonché alla rapidità della loro elaborazione; a fine anno si contavano 1.444 progetti attivi.

In tale occasione si sono svolte le consuete riunioni strategiche che riuniscono i Presidenti degli 83 NC che sono full-members, alle quali hanno partecipato il Presidente CEI, Eugenio Di Marino e il Direttore Generale del CEI, Roberto Bacci.

Il CEI è presente con un membro eletto nel Council Board, Valerio Battista. Il CB (Council Board) è l’organo statutario dell’IEC equivalente al Board of Directors di un’azienda; riporta direttamente al Council che gli ha delegato le responsabilità del management ordinario e le funzioni operative per l’attività IEC. È presieduto dal Presidente IEC ed è costituito da quindici membri eletti dal Consiglio.

A Francoforte si sono riuniti circa 150 Organi tecnici a cui hanno partecipato attivamente i nostri esperti CEI. In totale, tra il 1 e il 14 ottobre, 77 italiani esperti hanno partecipato a 44 riunioni di Organi tecnici. Tra gli Organi tecnici che si sono riuniti, 8 contano Presidente o Segretario italiano.

Il contributo italiano all’attività dell’IEC è completato dalla partecipazione al SMB di Cristina Timò, Direttore Tecnico del CEI, membro in carica per il secondo triennio fino a dicembre 2016, e di Ivano Visintainer, Coordinatore Attività Normative del CEI, come alternate member, che diventerà membro effettivo a partire dal 2017.

L’SMB è responsabile della strategia normativa dell’IEC, con poteri decisionali relativi alla gestione tecnica dei lavori normativi IEC, tra i quali la creazione e/o scioglimento dei Comitati Tecnici (TCs), alla determinazione degli obiettivi e al controllo del rispetto della programmazione dei lavori degli Organi tecnici e dei collegamenti con le altre organizzazioni internazionali. Esso controlla che le priorità dell’attività tecnica siano definite secondo le raccomandazioni degli Advisory Committees ed è anche responsabile della nomina di Presidenti dei Comitati Tecnici.

L’SMB, che normalmente si riunisce tre volte all’anno, è composto dal Presidente, che è anche uno dei Vice-presidenti IEC, da un Segretario, dal Segretario Generale IEC e da 15 membri eletti dal Consiglio IEC. L’Italia vi partecipa senza sottoporsi ad elezione grazie al contributo fornito all’attività normativa in termini di numero di Segreterie di Organi tecnici detenute. All’SMB riferiscono anche:

SEG (System Evaluation Group), che hanno il compito di valutare il modo più efficace in ambito IEC per trattare l’argomento normativo oggetto dell’analisi del gruppo (Comitato Tecnico, Comitato di Sistema o altra tipologia di Organo tecnico). Attualmente sono operativi:

o    SEG 6 “Non-traditional Distribution networks/Microgrids”

o    SEG 7 “Smart Manufacturing” strettamente correlato a Industria 4.0

o    SEG 8 “Communication Technologies and Architectures of Electrotechnical Systems”, comprese le comunicazioni via internet

o    SEG 9 “Smart Home/Office Building Systems”, per affrontare la tematica dell’automazione degli edifici residenziali ed in uffici;

 

Advisory Committees (AC) gruppi consultivi permanenti che attualmente sono:

o    ACEA “Advisory Committee on Environmental Aspects”

o    ACOS “Advisory Committee on Safety”

o    ACTAD “Advisory Committee on Electricity Transmission and Distribution”

o    ACEC “Advisory Committee on Electromagnetic Compatibility”

o    ACEE “Advisory Committee on Energy Efficiency”

o    ACSEC “Advisory Committee on Security”

o    ACART “Electrotechnical Applications of Robotic Technologies”.

 

L’SMB si è strutturato in Gruppi di Lavoro ad hoc (AhG) che vengono costituiti con compiti ben precisi e hanno una durata limitata. Attualmente sono operativi:

  • AhG 67 “TC/SC Minutes Trial”, con l’obiettivo di definire delle linee guida per un test per l’elaborazione e l’approvazione di una Decision List di meeting direttamente durante una riunione plenaria di un TC o SC e semplificare la documentazione da fornire successivamente. È in corso un progetto pilota per il 2017;
  • AhG 70 “Review of Systems activities”, per analizzare le attuali deliverables dei Comitati di Sistema e proporne eventualmente di nuove;
  • AhG 72 “Horizontal Standards”, nato per rivedere e definire in modo chiaro il ruolo delle norme orizzontali, delle Guide IEC e delle Norme base, proponendo documentazione di supporto per gli esperti dei Comitati Tecnici;
  • AhG 74 “Dual referencing and profiles”, con il compito di definire delle regole per gestire le norme a doppio logo (IEC/IEEE), qualora queste prevedano la possibilità di ottemperare a requisiti normativi alternativi differenti (Dual referencing and profiles);
  • AhG 75 “Working with consortia”, con l’obiettivo di definire delle linee guida per le attività tra IEC e i Consortia.

Sempre a Francoforte si è svolto il settimo IEC Young Professionals Workshop rivolto a giovani esperti che si avvicinano al mondo della normazione. Ad esso hanno partecipato due giovani tecnici italiani, selezionati in base alle segnalazioni di Società, Enti, Associazioni e Istituzioni associate al CEI, e operanti nel settore elettrotecnico, elettronico e dell’ICT.

Ogni National Committee può infatti indicare almeno un rappresentante di giovane professionista (correlato all’entità di partecipazione ai lavori normativi IEC) che ha partecipato a sessioni di training dedicate. L’obiettivo è quello di far conoscere in maniera approfondita le varie attività normative della IEC a giovani professionisti e promuovere la futura partecipazione attiva delle nuove leve emergenti.

Il programma, appositamente dedicato a loro, della durata di tre giorni durante i General Meeting annuali, ha previsto sessioni specifiche tenute da Officer del Central Office IEC e la partecipazione parziale alle riunioni del SMB, CAB e Comitati Tecnici di loro interesse.

La Direzione del CEI è stata coinvolta, oltre che in fase di individuazione dei possibili candidati, anche in fase di mentoring/tutoring dei due tecnici italiani sia prima sia durante il Workshop.

Il CEI, membro dell’IEC fin dalla sua fondazione, contribuisce all’attività normativa dell’IEC in modo significativo. Con 13 Segreterie, 14 Presidenze di Organi Tecnici detenute, circa 520 esperti messi a disposizione dai membri del CEI, per un totale di 1520 partecipazioni a Working Groups, Maintenance Teams, Project Teams ricoprendo anche apprezzati ruoli di Convenorship, l’Italia si attesta tra i primi 5 Paesi Membri IEC che contribuiscono all’attività tecnica del settore dell’elettrotecnologia.

Il contributo degli esperti italiani, tutti di profilo altamente professionale, è stato riconosciuto anche nel corso degli anni con il conferimento degli Award che la IEC riserva agli esperti distintisi per particolari attività.

Nel 2016, tra i cinque riconoscimenti del Thomas Edison Award, riservato agli Officers, è anche presente Giovanni Cassinelli, Segretario del SC 23E “Circuit-breakers and similar equipment for household use”.

Dal 2004, l’IEC assegna anche il 1906 Award agli esperti di Organi Tecnici. Anche quest’anno 6 esperti italiani hanno ricevuto questo apprezzato riconoscimento portando a 59 il totale degli esperti italiani insigniti.

Il CEI, come Full-member della IEC, partecipa attivamente come P-member a 155 CT/SC e come O-member a 23 tra Comitati e SottoComitati IEC, per un totale di presidio di 178 Organi tecnici. La partecipazione come P-member comporta tra l’altro l’intervento alle riunioni plenarie di TC/SC.

Nel 2016, 380 delegati italiani hanno partecipato a circa 400 riunioni tecniche in Europa e fuori Europa. Con lo scopo di favorire tale partecipazione agli esperti designati dai propri Soci, il CEI ospita, appena possibile, le riunioni internazionali presso la propria sede. Solo nel 2016 il CEI ha ospitato presso la propria sede 44 riunioni per un totale di 91 giorni e la partecipazione di circa 600 delegati di cui 130 delegati italiani.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”