rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Il contributo del CEI alla radioterapia

e alla medicina nucleare

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DISTRIBUITA E STABILITÀ DELLA RETE

17/01/2019
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Nuovo Libro Bianco IEC

È stato pubblicato nel mese di ottobre 2018 il nuovo Libro Bianco IEC “Stable grid operations in a future of distributed electric power”. Sempre più spesso l’elettricità non viene prodotta dalle grandi centrali elettriche, ricorrendo invece ai pannelli solari, alle piccole turbine eoliche o ai piccoli impianti idroelettrici; fisicamente, in termini generali, la produzione si sta gradualmente avvicinando al consumo. Quando l’energia prodotta è maggiore di quella utilizzata, l’energia in eccesso rimane nella rete elettrica esistente, con negative ripercussioni sulla stabilità di funzionamento della rete. A differenza della produzione tradizionale di elettricità, questa energia aggiuntiva è spesso “invisibile” ai gestori delle reti, che non sono quindi in grado di prevederne la quantità in eccesso nella rete e di controllarne il corretto utilizzo.

Preparato dal team di progetto per la IEC Market Strategy Board (MSB), questo Libro Bianco IEC esplora i fattori alla base della produzione distribuita di energia elettrica. Esso esplora i futuri modelli di rete e le soluzioni tecnologiche che consentiranno ai gestori delle reti di garantire la stabilità della rete e di assicurare un’alimentazione elettrica più pulita, economica e affidabile. Fornisce inoltre raccomandazioni ai leader del settore, ai responsabili politici e alla comunità IEC.

Il Libro Bianco IEC si sviluppa in un’ottantina di pagine, in 8 Sezioni e 3 Allegati.

Sezioni 1 e 2

Il settore dei servizi di pubblica utilità per l’energia elettrica sta attualmente subendo la più grande trasformazione dal suo esordio avvenuto oltre un secolo fa. Spinto dai cinque fattori globali di decarbonizzazione, decentramento, deregolamentazione, democratizzazione e digitalizzazione, un insieme di fonti di energia di diverso tipo che comportano sistemi innovativi di generazione vengono collegati alla rete elettrica – apparecchiature generalmente di proprietà, gestite dagli utenti di energia elettrica e installate “a valle del contatore”.

Questi sistemi di generazione spingono i gestori delle reti a ripensare le modalità di esercizio della rete, perché, a differenza delle fonti di generazione tradizionali, queste sono spesso invisibili (visibilità limitata) e al di fuori del controllo del gestore della rete (controllo limitato), installate senza una pianificazione centrale (coordina- mento limitato) e caratterizzate da condizioni di produzione e consumo di energia difficilmente prevedibili (prevedibilità limitata).

Sezioni 3 e 4

Come tutte le innovazioni radicali, dopo un periodo caotico in cui gli attori del mercato e le tecnologie hanno cercato freneticamente un approccio ottimale alla loro integrazione, sta emergendo un nuovo equilibrio. Gli operatori delle reti stanno oggi lavorando per conciliare questo nuovo equilibrio attraverso il cambiamento delle tecniche di gestione e funzionamento. Progetti di mercato stanno consentendo una transizione da una situazione nella quale queste nuovi sistemi di produzione costituiscono un elemento problematico ad una situazione in cui gli stessi consentiranno un futuro più pulito, meno costoso e più affidabile dell’energia.

Sezioni 5 e 6

In questa sezione sono esposti in rassegna alcuni dei metodi con cui i sistemi di produzione innovativi vengono attualmente inseriti nella gestione delle reti attraverso strutture basate sia sull’affidabilità sia su considerazioni di tipo economico.

In questo contesto, il libro esamina quindi alcune delle tendenze che determinano lo sviluppo dei principali componenti del futuro modello per la realizzazione della gestione delle reti, con tecniche per incentivare la risposta sul lato della domanda e le tecnologie che possono consentire tali soluzioni.

Sezioni 7 e 8

Le soluzioni prospettate richiederanno l’utilizzo di norme internazionali, attuali e nuove; i cui vuoti e sovrapposizioni sono trattati nella Sezione 7. La Sezione 8 conclude il libro fornendo le raccomandazioni alla comunità IEC, alle industrie leader del settore e ai “policy maker”.

Le conclusioni posso essere così sintetizzate:

  • I fattori chiave della crescita di energia dal lato della domanda si prevede continueranno ad esercitare la loro influenza, che porterà ad un concomitante aumento e penetrazione dell’innovazione nel settore delle fonti di energia
  • I gestori delle reti dovranno fare maggiore affidamento sulla generazione distribuita sul lato della domanda in futuro, con ulteriori sfide che si pongono per la stabilità dell’esercizio delle reti se le modifiche necessarie non saranno implementate
    • Il successo dipenderà dal miglioramento della regolamentazione all’interno del settore della distribuzione per fornire segnali di prezzo precisi sia al mercato all’ingrosso sia alla vendita al dettaglio
  • Nuove tecnologie supportate da un’efficace normativa devono essere adottate per contribuire a ridurre l’influenza di visibilità, controllo, prevedibilità e coordinamento limitati.
  • Allegati A, B e C

In calce al Libro Bianco si trovano i seguenti utili allegati:

  • Annex A Elenco delle principali Norme IEC di riferimento
  • Annex B Attività IEC sull’aggregazione delle risorse energetiche e commercio
  • Annex C Tecnologie di rete: Capacità di superare i buchi di tensione, Rilevamento dell’isola, Inerzia virtuale, Consapevolezza della situazione.

Nelle prime pagine invece si trovano un elenco delle abbreviazioni dei termini tecnici e scientifici e un utile glossario in lingua inglese.

condividi su facebook   condividi su twitter