rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

La normazione nel campo della superconduttività applicata

Nuovi software CEI: Flash e DiCo

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

SICUREZZA FUNZIONALE E DIRETTIVA MACCHINE

22/10/2021
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Marco Franchi, Segretario CEI CT 301/22G

Così, intorno al 1940, Isaac Asimov poneva le regole fondamentali per una cooperazione sicura e senza rischi tra i robot e gli umani. Le tre “Leggi’, partorite dalla fantasia dello scrittore, sono poste a tutela degli umani, a garantire che mai, in nessuna condizione, un essere umano possa essere danneggiato o messo in situazione di pericolo in conseguenza ad una azione o ad una mancata azione da parte di un robot. E di fatto, fin dai primordi dell’interazione reale o fantastica dell’uomo con le macchine, è sorto il non facile tema della sicurezza funzionale, cioè del possibile danno che una macchina può provocare a persone in caso di funzionamento in modo indesiderato.

Ed è fondamentale tener presente come il comportamento indesiderato di una macchina possa consistere sì nella mancata attuazione di quanto ordinato alla sua interfaccia, ma anche da una qualsiasi attuazione non comandata, allo stesso modo di una attuazione parziale o infedele. Un avvio non comandato, una inversione di moto indesiderata, una mancata decelerazione e arresto, un non corretto controllo della coppia sono tutti esempi di azioni indesiderate che, a seconda del contesto, possono trasformare ‘una macchina’ in un oggetto pericoloso o letale.

Con il termine “sicurezza funzionale” (Functional Safety) si intende quindi la valutazione di quanto si possa essere confidenti che una macchina espleti esattamente la funzione che le è ordinata dalla propria interfaccia. E, parimenti, valutare con quale confidenza la macchina riesce a segnalare una propria situazione di guasto o malfunzionamento, oppure la condizione per cui una o più funzioni possono non essere più espletate con la confidenza aspettata.

La pubblicazione della serie di Norme IEC 61508 ha appunto segnato l’introduzione di un approccio diretto e specifico alla sicurezza funzionale delle apparecchiature elettriche, elettroniche ed elettroniche programmabili (EE/EEPE); di fatto, fino a qualche anno fa si faceva invece riferimento a Norme UNI ISO, per loro natura riferibili alla macchina nel suo complesso.

La definizione sopra citata è stata introdotta con la Norma IEC 61800-5-2, proprio per identificare in modo semplice ed immediato un PDS avente almeno una funzione associata ad un livello di SIL, Safety Integrity Level, come definito nella serie di Norme di tipo ‘generico’ IEC 61508-.

Dopo di queste, sono state preparate delle Norme di prodotto capaci, nel rispetto delle linee-guida della serie di Norme ‘generiche’, di integrarle specificando i requisiti che interessano, nel dettaglio, le funzioni per le quali un PDS deve garantire un profilo di sicurezza funzionale, precisando i relativi criteri di valutazione, prova e validazione. Il CT 301/22G, che aveva già collaborato alla stesura della Norma IEC 62061 sulla sicurezza funzionale del macchinario, ha contribuito attivamente alla preparazione sia della IEC 61800-5-2, pubblicata per la prima volta nel 2007 ed ora in fase di manutenzione (Figura 1), sia alla più recente IEC 61800-5-3, relativa agli Encoder a sicurezza funzionale ed ora in fase di prima pubblicazione (Figure 2, 3). Infatti i PDS(SR) (Safety Related PDS) con una o più funzioni di sicurezza funzionale rientrano tra le apparecchiature normate dal CT 301/22G.

Figura 1 – Impianto ed elementi funzionali di un PDS

Questa attività ha permesso di stabilire senza ambiguità le possibili funzioni a sicurezza funzionale in un PDS(SR), con la determinazione del SIL e dei criteri di verifica fino alla marcatura; sono inoltre definiti i confini logici e fisici del PDS(SR), con le relative interfacce. Da notare come, valutata la tipologia costruttiva dei PDS e lo stato dell’arte della tecnologia, la Norma preveda che il massimo SIL ottenibile per una qualsiasi funzione a sicurezza funzionale in un PDS(SR) sia 3, mentre il livello SIL4 definito nella serie IEC 61508- n non sia ottenibile direttamente.

Tra le possibili funzioni, spesso definite da un acronimo, si hanno, ad esempio: (Safe Torque Off), annullamento sicuro della coppia; SAFE SPEED, velocità di sicurezza garantita, SafeJog, avanzamento passo garantito, ecc.

Figura 2 – Esempio di architettura hardware

Ad oggi, la IEC 61800-5-2 è stata recepita come EN 61800-5-2, dotata degli Allegati ZA e ZZ; di conseguenza la conformità normativa a quanto indicato nei punti in essi citati è considerata conformità ai requisiti minimi di sicurezza secondo le Direttive UE ivi citate.

Figura 3 – Procedura di analisi statica con denominazioni variabili
(per un singolo segnale di prova)

La Direttiva Macchine e i PDS

La Direttiva 2006/42/CE è la versione attualmente in vigore della Direttiva Macchine; i suoi scopi principali sono:

• armonizzare i requisiti di sicurezza e di tutela della salute applicabili alle macchine

• garantire la libera circolazione delle macchine nel mercato europeo.

La Direttiva Macchine definisce la macchina come: “Insieme equipaggiato o destinato ad essere equipaggiato di un sistema di azionamento diverso dalla forza umana o animale diretta, composto di parti o di componenti, di cui almeno uno mobile, collegati tra loro solidamente per un’applicazione ben determinata”.

Sempre la Direttiva, riporta anche la definizione per quasi-macchina: “Insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che da soli non sono in grado di garantire un’applicazione ben determinata. Le quasi-macchine sono unicamente destinate ad essere incorporate o assemblate ad altre macchine o ad altre quasi-macchine o apparecchi per costituire una macchina.”

Poiché molti fabbricanti sono specializzati nella produzione di singoli apparati, dalle molteplici applicazioni finali, ne consegue che un gran numero di attrezzature in commercio non possono quindi essere classificate come “macchine” ma più specificatamente come “quasi-macchine”.

Il PDS (Power Drive System) è stato da tempo oggetto di accesa discussione per decidere se classificarlo come appartenente all’insieme ‘quasi-macchina’, oppure come ‘componente da incorporare nelle quasi-macchine, o ancora come appartenente senz’altro alle macchine.

È opinione prevalente che un PDS sia una quasi-macchina in quanto il PDS, per definizione, è una apparecchiatura che, connessa ad una alimentazione elettrica, genera coppia o moto ad una sua interfaccia meccanica.

Ma, solitamente, i Costruttori di BDM e CDM non sono Costruttori di motori né tantomeno di componenti per la connessione, quindi sul mercato si trovano in genere CDM (Complete Drive Module) o, a volte, BDM (Basic Drive Module) e motori forniti da Costruttori diversi e quindi da acquistare separatamente. Il CDM o BDM, a rigore, non producono moto o coppia meccanica finché non sono collegati ad un motore. Per cui, secondo il pensiero ad oggi più accreditato, diventano ‘quasi-macchine’ solo dopo l’integrazione CDM+motore+connessioni.

Gli Allegati ZA e ZZ nelle norme di prodotto per i PDS

Il CT 302/22G è sempre stato attento a produrre norme di prodotto idonee a potere ottenere anche l’armonizzazione e gli allegati ZA e ZZ per le Norme CEN.

A decorrere dal 1 di ottobre 2004 per le norme CENELEC sono previsti gli allegati ZA e ZZ, all’interno dei quali si specifica il nesso con i requisiti della rispettiva direttiva.

Si ricorda che la Direttiva definisce i requisiti essenziali in materia di sicurezza e di salute pubblica, ai quali devono rispondere i prodotti nelle fasi di progettazione, fabbricazione e di funzionamento, prima della loro immissione sul mercato europeo; questo allo scopo di permettere e garantire la libera circolazione delle merci all’interno della UE.

A seguito dell’accordo tra CENELEC e la Commissione Europea, un allegato informativo ZZ viene inserito in tutte le nuove norme armonizzate ed elaborate in base al “Nuovo Approccio” (New Approach), nel caso specifico dei PDS con riferimento, qualora applicabile, alle Direttiva Macchine, Direttiva EMC, Direttiva Bassa Tensione, Direttiva RED, Direttiva REMC, Direttiva. Quest’ultimo allegato è inteso a chiarire quali siano i requisiti essenziali della direttiva coperti dalla norma armonizzata.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
“DICO BY CEI”: IL NUOVO SOFTWARE PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ “FLASH BY CEI”: IL SOFTWARE PER LA PROTEZIONE DALLE SCARICHE ATMOSFERICHE LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-2) LA NORMAZIONE NEL CAMPO DELLA SUPERCONDUTTIVITÀ APPLICATA (parte-1) LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI: PUBBLICATA LA NUOVA NORMA CEI 11-27 ANTEPRIMA: NORMA IEC 61800-5-1 SUI POWER DRIVE SYSTEMS “REGOLA D’ARTE”: IL NUOVO PERIODICO DEL CEI AZIONAMENTI ELETTRICI: ESORDI E SVILUPPI RECENTI DELLA NORMATIVA NOVITÀ E CORRETTA APPLICAZIONE DELLA CEI 64-8 EDIZIONE 2021 PUBBLICATA LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 64-8 PER IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI NANOTECNOLOGIE PER PRODOTTI E SISTEMI ELETTROTECNICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO”: AMBIENTI PARTICOLARI CONVENZIONE CEI – FONDAZIONE CNI 2021/2022 NUOVE CONVENZIONI CEI PER GLI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO E CNA IL CT 68/51 PER LEGHE, ACCIAI E COMPONENTI MAGNETICI NORMA CEI 64-8 “VARIANTE FUOCO” CEI CT 111 GLI OBBLIGHI DI TRACCIABILITÀ DELLE SOSTANZE NELLE APPARECCHIATURE ELETTRONICHE CONVENZIONE CEI – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA NUOVO TAVOLO DI CONFRONTO CEI “CYBERSECURITY” APPARECCHIATURE A BASSA TENSIONE ABROGATA LA NORMA CEI 20-22/2 EVOLUZIONE DEGLI IMPIANTI UTENTE PER LE COMUNICAZIONI SOCI CEI 2021: PROTAGONISTI DEL CAMBIAMENTO CEI CT 1/25 MYNORMA 2021: IL TUO PORTALE DI ACCESSO ALLE NORME PROROGATO IL “FONDO NUOVE COMPETENZE” CHE INCENTIVA LA FORMAZIONE AZIENDALE TERMINOLOGIA, GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA CEI CT 10 COSA CAMBIA NELLA NORMAZIONE DEGLI OLI ISOLANTI MINERALI NASCONO I “TAVOLI DI CONFRONTO” CEI: IL PRIMO È DEDICATO ALL’E-MOBILITY CAVI E REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) CEI CT 20 NUOVE VARIANTI ALLE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CEI 0-16 E 0-21 VISINTAINER ALLA VICE PRESIDENZA CENELEC DAL 2021 LE NORME DI QUALSIASI ENTE NORMATORE INTERNAZIONALE DISPONIBILI SUL SITO DEL CEI CEI CT 108 CEI EN 62368-1 CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2021 NUOVO LIBRO BIANCO “GLI ITALIANI E LA SICUREZZA ELETTRICA” CEI SC 59/61D CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE E DEUMIDIFICATORI È IN ARRIVO IL NUOVO MYNORMA! LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”