rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Sicurezza informatica nella transizione energetica e digitale

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi

20/05/2020
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

L’importanza della protezione dei cavi

Sergio Gemme, Presidente CEI SC 23A
Mauro Gabaglio, Segretario CEI SC 23A
Andrea Nafi, Segretario Tecnico CEI SC 23A

Concetti generali

Negli impianti elettrici la protezione dei cavi assume un’importanza rilevante affinché le guaine di protezione degli stessi non si possano degradare repentinamente a causa principalmente delle condizioni ambientali e delle sollecitazioni meccaniche. Ecco perché l’utilizzo di adeguati sistemi di canalizzazione si rivela estremamente efficace per scongiurare tali inconvenienti che si potrebbero ripercuotere sulla sicurezza di tutto l’impianto elettrico anche se realizzato seguendo i corretti criteri normativi.

I sistemi di canalizzazione sono pertanto fondamentali per la corretta esecuzione degli impianti elettrici, sia nel caso in cui la loro messa in opera sia destinata agli ambienti domestici, sia agli ambienti industriali.

Come già detto, i sistemi di canalizzazione sono fondamentali per la corretta messa in posa di un impianto elettrico ed è per questo motivo che risulta fondamentale la scelta di un adeguato sistema di canalizzazione. Nello specifico occorrerà valutare l’ambiente in cui dovrà essere posizionato l’impianto elettrico valutandone quindi i possibili rischi a cui gli stessi cavi potrebbero essere esposti; rischi di natura chimica o fisica. Indispensabile è anche considerare le condizioni climatiche e ambientali che, anche solo sporadicamente, potrebbero provocare rilevanti danni all’impianto elettrico e conseguentemente mettere a repentaglio l’incolumità delle strutture e, ancor più, quella delle persone.

Unitamente agli impianti elettrici domestici, installazioni elettriche molto insidiose risultano essere quelle relative agli impianti industriali; infatti questi ambienti spesso risultano avversi in quanto non sono realizzati all’interno di muri, i cavi elettrici sono spesso posati all’esterno o più comunemente “a vista”. Fondamentale risulta pertanto valutare ogni singola installazione considerandone i rischi cui potrebbe essere esposta. Sulla base di queste considerazioni, i sistemi di canalizzazione offrono le soluzioni più svariate e appropriate per affrontare le diverse situazioni impiantistiche a protezione dei cavi messi in opera.

Nella scelta della corretta canalizzazione da utilizzare, altrettanto fondamentale risulta considerare l’aspettativa di vita dell’impianto. Nelle installazioni definitive è necessario prestare attenzione al corretto posizionamento dei cavi considerandone anche i rischi di natura chimica che nel tempo potrebbero causare un progressivo deterioramento dei cavi e dei loro isolanti; viceversa, nelle installazioni temporanee l’impianto elettrico spesso  è soggetto a maggior rischio di natura meccanica in quanto aumentano le probabilità di abrasione e di schiacciamenti accidentali.

La scelta dei sistemi di canalizzazione

Oltre che dal tipo di materiale impiegato, nella scelta corretta della tipologia di un sistema di canalizzazione da utilizzarsi è importante considerare anche quella che sarà la modalità di posa dei cavi.
Di seguito si elencano alcuni sistemi di posa più diffusi specificandone la loro esecuzione.

Posa senza fissaggi

I conduttori, non fissati, vengono direttamente interrati o posati nelle cavità delle strutture o nei cunicoli; in queste condizioni non vengono aggiunte ulteriori protezioni ed è necessario valutarne le condizioni ambientali ed i rischi meccanici.

Posa con fissaggio diretto su parete

I cavi vengono fissati aggraffandoli direttamente alle pareti senza nessun sistema di canalizzazione, non garantendo quindi alcuna protezione all’impianto. I cavi da utilizzarsi in queste applicazioni sono del tipo a doppio isolamento o isolamento rinforzato.

Posa in tubi protettivi

Questo sistema di posa è il più diffuso e prevede l’utilizzo di sistemi di canalizzazione realizzati in materiale plastico o metallico completamente chiusi. La protezione dei cavi dovuta ai sistemi di canalizzazione dipende dalla loro tenuta meccanica e da quella relativa all’ingresso dei liquidi. Tramite l’utilizzo di questi sistemi di canalizzazione, l’installazione dei cavi risulta facilitata anche nei casi in cui vi siano particolari curvature. In questo processo è necessario valutare il corretto diametro dei sistemi di canalizzazione che si intendono utilizzare affinché sia sufficiente per l’inserimento dei cavi. Per questo tipo di posa possono essere utilizzati anche i cavi a singolo isolamento o cordino.

Posa in canali sottopavimento o controsoffitto

In questo sistema di posa generalmente vengono utilizzati sistemi di canalizzazione simili a quelli utilizzati per la posa in tubi protettivi.

Posa su passerelle o su mensole

Le passerelle utilizzate in questi sistemi di posa risultano aperte e realizzate in materiale plastico o metallico. Nell’impiego di tali soluzioni bisognerà prestare attenzione alla capacità di tenuta meccanica dei supporti utilizzati ma anche alla loro durata e capacità di resistenza ad agenti chimici o atmosferici.
Per quest’ultimo sistema di posa sono necessarie ulteriori considerazioni. Infatti, se le installazioni in passerelle permettono tutta una serie di vantaggi, non trascurabile è la loro caratteristica di essere praticamente “aperte”; in fase di installazione questo aspetto deve essere attentamente considerato soprattutto nel caso in cui i cavi potrebbero entrare a contatto di liquidi, sostanze corrosive o all’esposizione dei raggi ultra-violetti
causandone un più rapido deterioramento.
In queste condizioni è necessario considerare l’importanza dell’utilizzo di un sistema di canalizzazione corretto per scongiurare i suddetti pericoli nonostante le guaine di protezione dei cavi possano essere in grado di
resistere autonomamente alle condizioni ambientali, meccaniche in cui si troveranno ad operare. Non di minor importanza è il rischio d’incendio; sistemi di canalizzazione costituiti da passerelle metalliche e relativi accessori possono garantire la massima efficacia contro i rischi d’incendio che potrebbero scaturire dagli impianti elettrici.

Molteplici soluzioni

Sulla base delle caratteristiche tecniche di un impianto elettrico, i sistemi di canalizzazione offrono diverse soluzioni per la sua messa in opera.
Difatti esistono diversi tipi di canalizzazioni come di seguito riportate.

Tubi rigidi

I tubi protettivi rigidi sono disponibili in diverse dimensioni di diametro e lunghezza. I tubi rigidi, grazie anche alla loro particolare resistenza agli agenti chimici ed atmosferici, costituiscono un ottimo sistema di canalizzazione capace di rispondere a tutte le esigenze di installazione sia in ambito industriale che in terziario e civile.

Tubi flessibili e corrugati

I tubi protettivi flessibili (o corrugati), sono particolarmente indicati per impianti sotto-traccia, dentro e sotto l’intonaco, su pareti forate, pavimenti e soffitti, nei prefabbricati per edilizia ma anche come sistemi di connessione di parti in movimento nel settore industriale. Sono anch’essi disponibili in diverse dimensioni di diametro e lunghezza; hanno la peculiarità di adattarsi a svariati angoli di curvatura e/o resistere a numerose flessioni, rendendo facile ed agevole la posa dei cavi elettrici.

Sistemi di canalizzazione in plastica e metallo

Sono sistemi utili per soddisfare molteplici esigenze di progettisti e installatori di impianti elettrici nei settori dell’industria, terziario e residenziale. I sistemi di canalizzazione in plastica normalmente sono realizzati in materiale termoplastico isolante, autoestinguente e resistenti al calore ed al fuoco. I sistemi di canalizzazione in metallo normalmente sono disponibili sul mercato in lamiere profilate e pre-tranciate in acciaio passivato con procedimento Sendzimir o zincato a caldo o nella configurazione di passerelle a filo realizzate con piegatura e taglio di reti elettrosaldate.

Questi sistemi principalmente vengono utilizzati nel settore industriale e si caratterizzano per la loro resistenza meccanica, per l’elevata resistenza al fuoco e facilità di impiego.

SottoComitato CEI SC 23A e normazione

I membri del SottoComitato CEI SC 23A “Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi”, costituito all’interno del Comitato CEI CT 23 “Apparecchiatura a bassa tensione” e mirror del CLC/TC 213 e IEC/TC 23/SC 23A, contribuiscono a formare la posizione nazionale italiana in ambito europeo e internazionale, propongono Norme su argomenti di interesse nazionale e contribuiscono alla loro preparazione nell’ambito della standardizzazione dei prodotti e sistemi elettrotecnici utilizzati nella gestione di tutti i tipi di cavi, linee dati e comunicazione, conduttori di distribuzione di energia elettrica e accessori associati.

Inoltre, segnalano e redigono Guide tecniche nazionali su argomenti in cui sia opportuno rivedere, ordinare o chiarire il quadro normativo esistente, specificano le modalità di applicazione delle norme tecniche nazionali e di quelle europee.

La partecipazione attiva ai Gruppi di lavoro europei ed internazionali è oggi la chiave di accesso al mercato globale per ciò che concerne la sicurezza dei prodotti elettrotecnici. In Tabella 1 si elencano i Gruppi di lavoro internazionali IEC ed europei CENELEC ai quali si può accedere mediante la partecipazione al SottoComitato CEI SC 23A.

Norme CEI EN pubblicate

Grazie alla partecipazione attiva dei membri del SC 23A ai lavori normativi, nella prima decade degli anni duemila è stato possibile allineare tutte le norme nazionali italiane con quelle europee CENELEC.
In Tabella 2 si elencano le norme pubblicate CEI EN di competenza del SottoComitato CEI SC 23A.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
LA SICUREZZA INFORMATICA NELLA TRANSIZIONE ENERGETICA E DIGITALE AREE A RISCHIO PER ATMOSFERE ESPLOSIVE EMC Europe 2020 diventa VIRTUALE GIUSEPPE MOLINA ALLA DIREZIONE CEI APPARECCHI DI ILLUMINAZIONE: EVOLUZIONE TECNOLOGICA E NORMATIVA CALENDARIO DEI CORSI CEI: Settembre 2020 GLI IMPIANTI DI TERRA L’ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI IL LIBRETTO D’IMPIANTO ELETTRICO SI ESTENDE ALLE PARTI COMUNI DEL CONDOMINIO SIMBOLI LETTERALI PER ELETTROTECNICA Sistemi di canalizzazione e accessori per cavi PROTEZIONE CONTRO I CONTATTI INDIRETTI IN PRESENZA DI CONVERTITORI DI POTENZA SISTEMI DI ACCUMULO DELL’ENERGIA ELETTRICA WEBINAR CEI: “Nuove idee per la costruzione, manutenzione e resilienza dei trasformatori elettrici” EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: AGGIORNAMENTI NORMATIVI WEBINAR CEI: LA NUOVA FRONTIERA DEI SEMINARI ONLINE LA CULTURA NON SI FERMA: I SEMINARI CEI IN DIRETTA STREAMING CEI SC 121A “Apparecchiature a bassa tensione” SISTEMI AUDIO-VIDEOCITOFONICI E INTERFONICI MOBILITÀ ELETTRICA STRUMENTAZIONE NUCLEARE: ASPETTI ELETTRICI ED ELETTRONICI CEI CT 45 CONGRESSO EMC EUROPE 2020: UNA VETRINA INTERNAZIONALE UNICA SULLA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA ASPETTI AMBIENTALI DI PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI EMC EUROPE PREMI CEI EDIZIONI 2019-2020 STATO DELL’ARTE E FUTURO NELLA LASER SAFETY ISOLATORI PASSANTI CONVEGNI E SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2020 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 2 QUADRI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE – Parte 1 FORMAZIONE CEI E-LEARNING CORSO CEI “MDR” CAMPAGNA SOCI 2020 In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”