rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

LVDC, ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI

ASSEGNATO IL PREMIO CEI ITS  SCHOOL PROJECT

NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA (VSS): NORME TECNICHE APPLICABILI

12/09/2018
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Gli aspetti salienti della serie di Norme EN 62676 dedicate ai sistemi di videosorveglianza.

Andrea Natale (Presidente CEI CT 79)

Franco Bua (Segretario Tecnico Referente CEI CT 79)

 

Introduzione

I sistemi di videosorveglianza (VSS), una volta conosciuti come sistemi TV a circuito chiuso (TVCC) sono impianti sempre più diffusi e sempre più importanti nel campo della gestione della sicurezza. In quanto segue saranno illustrati gli aspetti salienti di alcune Norme EN 62676, che sono le norme tecniche di riferimento per i sistemi di videosorveglianza e che affrontano 8 temi di standardizzazione, dai requisiti generali di sistema fino ai protocolli di trasmissione e ai metodi di misurazione delle performance delle telecamere che sono stati recentemente pubblicati nella IEC 62676-5.

Vale la pena di ricordare che gli impianti di allarme intrusione, controllo accessi e videosorveglianza rientrano nel campo di applicazione sia della L. 186/68 che del più recente DM 37/08; come tali sono soggetti, tra l’altro, all’obbligo di progettazione e realizzazione a regola d’arte.

In questo senso, la disponibilità di un riferimento normativo tecnico e il rispetto delle prescrizioni in esso contenute costituisce presunzione di regola dell’arte e quindi, in occasione di una eventuale contestazione, inversione dell’onere della prova.

I sistemi di videosorveglianza sono inoltre soggetti ai provvedimenti del Garante della Privacy.

 

Impianti di videosorveglianza: Norma EN 62676-1-1

Gli impianti di videosorveglianza rappresentano un’infrastruttura essenziale per controllare quanto avviene nei luoghi protetti all’insorgere di una segnalazione di allarme, costituiscono un efficace deterrente nei confronti di azioni vandaliche o criminali e sono un utile mezzo di indagine.

Scopo di un VSS è quello di acquisire le immagini di una scena, trattarle e trasmetterle ad un operatore. La Norma CEI EN 62676-1-1 definisce i 3 blocchi funzionali fondamentali dei sistemi di videosorveglianza (Figura 1) e ne definisce i requisiti minimi di prestazione.

I 3 elementi fondamentali che costituiscono un VSS sono:

  • ambiente video;
  • gestione del sistema;
  • sicurezza del sistema.

L’ambiente video è deputato all’acquisizione dell’immagine, alla sua trasmissione e trattamento, ossia alla sua visualizzazione, analisi e memorizzazione.

La funzione di gestione del sistema riguarda invece tutte quelle attività di interfacciamento con l’operatore e con altri sistemi che comprendono, ad esempio, i comandi dell’operatore o le procedure di allarme generate dal sistema.

La funzione di sicurezza del sistema, infine, è quella di sovraintendere all’integrità dei dati e del sistema, segnalare gli eventuali guasti e proteggere il VSS dalle manomissioni deliberate e accidentali. Per quanto riguarda i componenti, il VSS può essere schematizzato come composto da:

  • mezzi di ripresa;
  • mezzi di visualizzazione;
  • mezzi di videoregistrazione;
  • mezzi di trasmissione.
Figura 1 – Blocchi funzionali di un sistema di videosorveglianza così come definito dalla Norma CEI EN 62676-1-1.

Mezzi di ripresa

In un sistema di videosorveglianza possono trovare impiego diversi tipi di telecamere a seconda della necessità e del contesto:

  • fisse o motorizzate;
  • per interno o per esterno;
  • con o senza protezione antivandalica.

La scelta della telecamera più adeguata ai vari contesti operativi spetta al progettista; per una funzione di screening delle persone, ad esempio, può essere utile posizionare telecamere fisse con un’adeguata inquadratura, ristretta nella direzione del moto, mentre, per una sorveglianza complessiva di un’area pos- sono essere impiegate telecamere motorizzazione orientabili del tipo a “brandeggio” o “Speed Dome”.

La tecnologia delle telecamere ha visto l’esplosione degli apparati digitali in alta definizione (megapixel), che sfruttano la trasmissione di rete su protocollo IP. Le telecamere tradizionali con trasmissione del segnale in modalità analogica (segnale video composito) stanno praticamente scomparendo nelle nuove applicazioni, mentre esiste ancora un importante installato base da manutenere e convertire progressivamente all’IP.

Sia le telecamere IP (in alta definizione) che quelle tradizionali possono essere comandate ed orientate sia orizzontalmente (Pan) che verticalmente (Tilt); è possibile inoltre cambiare l’angolo di ripresa (Zoom), la regolazione della messa a fuoco (Focus) e la profondità del campo di ripresa (Iris). Il movimento delle telecamere può essere automatico, controllato dai sistemi di video analisi, oppure manuale, controllato dagli operatori.

Il progettista dovrà quindi tenere in considerazione molteplici fattori quali, ad esempio: il campo visivo necessario, i dettagli da riprodurre, i livelli di illuminazione nelle peggiori condizioni, prevalenti e intenzionali ed i livelli di luminosità massimi e minimi previsti.

Mezzi di visualizzazione

Il mezzo di visualizzazione delle immagini riprese dalle telecamere o registrate più comune è costituito da monitor di natura digitale, in quanto il segnale che devono visualizzare proviene o da apparati digitali, o precedentemente digitalizzati. Anche se molte sale operative sono ancora concepite con tecnologia ana- logica, la tendenza attuale è quella di ottimizzare gli apparati in campo codificandoli in digitale, in modo che presso la sala regia si possa avere una gestione migliore e più duttile.

Mezzi di videoregistrazione

La registrazione delle immagini avviene in modalità digitale. Negli impianti con telecamere tradizionali (analogiche), i fotogrammi vengono codificati in forma digitale per poi essere trasferiti sul videoregistratore digitale.

L’elevata quantità di dati forniti da un grande dettaglio degli apparati di ripresa costituisce un altro elemento di cui il progettista dovrà tenere conto per definire la quantità di memoria disponibile necessaria all’archiviazione delle immagini per il tempo richiesto e di tutte le altre specifiche identificate nelle norme CEI EN 62676-1-1 (Requisiti generali di sistema) e CEI EN 62676-4 (Linee guida di applicazione).

Mezzi di trasmissione

La digitalizzazione delle immagini, con l’applicazione di tecniche di compressione dell’informazione, con- sente, oltre la registrazione, di trasmetterle a distanza attraverso la rete dati. Su questo specifico aspetto è la norma EN 62676-1-2 che fornisce un supporto al progettista per il corretto utilizzo delle tecnologie di trasmissione (wireless, fibre ottiche, cavo rame, cavo dati IP, etc.).

 

Prestazione di un VSS

Anche per i sistemi di videosorveglianza, le norme definiscono dei gradi sicurezza per poter valutare il livello di sicurezza che un certo sistema può garantire. Per questo motivo la Norma EN 62676-1-1 definisce quattro gradi di sicurezza per i VSS, gradi che tengono conto del livello di rischio a sua volta funzione della probabilità di accadimento di evento e dal danno potenziale conseguente (Figura 2).

Figura 2 – Gradi di rischio e sicurezza (adattamento della Figura 4 della Norma CEI EN 62676-1-1).

In funzione del grado di sicurezza, la Norma CEI EN 62676-1-1 modula i requisiti richiesti ai vari componenti dei vari componenti funzionali del sistema. Ci sono circa 160 requisiti sia tecnici, sia generici che guidano la progettazione di un impianto di videosorveglianza in funzione dei diversi scenari di rischio.

Un esempio di questa modulazione è dato dalla Tabella 1 per la funzione di memorizzazione delle immagini; dalla lettura della tabella si ricava immediatamente come al crescere del grado di sicurezza, le prestazioni richieste al sistema aumentano sia in termini qualità che di numero di funzioni.

Tabella 1 – Funzioni richieste al sistema di memorizzazione delle immagini in funzione del grado di sicurezza del VSS (tratta da Norma CEI EN 62676-1-1)

La Norma CEI EN 62676-4, invece, fornisce le raccomandazioni e le prescrizioni per la scelta, la pianificazione, l’installazione, la messa in servizio, la manutenzione e le prove di sistemi di videosorveglianza costi- tuiti da uno o più dispositivi di acquisizione immagini, interconnessioni e dispositivi di gestione immagini destinati a essere utilizzati in applicazioni di sicurezza.

Le finalità di questa norma sono quelle di fornire un metodo per assistere gli acquirenti, gli installatori e gli utilizzatori nella definizione delle loro esigenze, di assistere i redattori di specifiche e gli utilizzatori nella determinazione degli apparati idonei, richiesti per una specifica applicazione e di fornire un metodo di valutazione obiettivo delle prestazioni di un sistema di videosorveglianza.

condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”