rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

110

1909-2019

In principio fu la pila

www.ceinorme.it my.ceinorme.it
rivista online di informazione del comitato elettrotecnico italiano

LE INTERVISTE AGLI OFFICERS

17/09/2019
condividi su facebook   condividi su twitter
rimpicciolisci il testo dell'articolo ingrandisci il testo dell'articolo

Le interviste agli Officers del CT 64 del CEI.

CT 64 – Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)

Carmine BATTIPAGLIA – Presidente del CT 64

È nato a Salerno nel 1967. Si è laureato in Ingegneria Elettrica Industriale all’Università di Roma La Sapienza nel 2008. Dal 2010 è Vicepresidente e Direttore Tecnico del Consorzio Imprese Salernitane. Dal 1995 al 2010 è stato Amministratore e Direttore Tecnico di S.I.RET Srl. Ha svolto e svolge tutt’ora numerose attività di consulenza, tra le quali citiamo quelle per GSE Spa relative alla incentivazione per impianti fotovoltaici e relative tariffe (dal 2013); come Site Manager dei Servizi Energetici per gli impianti tecnologici presso il Teatro La Scala di Milano (dal 2015); per CNA come docente nei corsi di certificazione delle Persone ai sensi del Regolamento Europeo 303 e per ICIM Spa come Lead Auditer per la Certificazione FGAS Imprese (dal 2015). A Livello normativo e associativo ricopre i seguenti incarichi:

  • Presidente del CEI CT 64 (dal 2013);
  • Vicepresidente Prosiel – Associazione promotrice della Sicurezza Elettrica presso ANIE Confindustria (dal 2013);
  • Membro del CEI CT 316 (Connessione alle reti elettriche di distribuzione AT, MT e BT);
  • Consigliere CEI da maggio 2019.

Alberto SIANI – Segretario del CT 64 e Coordinatore GdL 3

È nato a Salerno nel 1958. Si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica all’Università degli Studi di Napoli nel 1983. È Country Standardization Manager in Schneider Electric Spa, dove ha iniziato a lavorare nel 1989 come Tecnico Normativo, diventando nel 2000 Responsabile Tecnico e Normativo del Marketing di Prodotto e dal 2009 Responsabile Norme e Software Tecnici dell’Unità Power Business. Ha ricoperto e ricopre tutt’ora numerosi incarichi a livello normativo:

  • Segretario del CEI CT 64 (Impianti elettrici di bassa tensione) dal 2009;
  • Coordinatore del GdL 3 CT 64 “Ambienti ed applicazioni particolari”
  • Segretario del CEI CT 109 (Coordinamento isolamenti apparecchiature BT) dal 1994;
  • Presidente del CENELEC TC 17B (dal 2010) e del mirror CEI SC 17B (Apparecchiatura bassa tensione), rinominati en- trambi, dal 2014, SC 121A;
  • Presidente del CEI CT 121 (Apparecchiature e quadri BT) dal 2014;
  • Presidente della Commissione Tecnica “Apparecchi industriali bassa tensione” e della Commissione Tecnica “Quadri elettrici bassa tensione” ANIE/Energia dal 2001.

Ha ricevuto tre prestigiosi riconoscimenti in ambito normativo: il PIN Award CENELEC nel 2017, il 1906 Award IEC nel 2017 e il Premio CEI Giovanni Giorgi nel 2018.

Qual è il campo di applicazione della Norma CEI 64-8 e quali sono gli aggiornamenti conseguenti all’evoluzione impiantistica in atto?

La Norma CEI 64-8 si occupa dello studio sulle metodologie progettuali ed esecutive relative alla sicurezza e protezione degli impianti elettrici e delle persone che fruiscono degli stessi e del funzionamento dei loro componenti e della loro evoluzione tecnologica. Il campo di applicazione è piuttosto ampio e spazia dagli impianti elettrici negli edifici civili, nel residenziale, nel terziario e terziario avanzato, industria, in particolare lo studio delle Parti 8 della Norma inerenti alla evoluzione degli impianti.

Parte 8-1 “Energy efficiency”

Questa Parte fornisce prescrizioni, misure e raccomandazioni supplementari per il progetto, l’installazione e la verifica di tutti i tipi di impianti elettrici a bassa tensione, compresi la produzione locale e l’accumulo dell’energia per ottimizzare l’utilizzo efficiente globale dell’elettricità. Di questa Norma il CEI ha pubblicato la prima edizione CEI 64-8/8-1 nel corso del 2016; nel frattempo, nel mese di febbraio 2019, in sede IEC è stata pubblicata la seconda edizione, contenente importanti miglioramenti applicativi e relativi alla classificazione dell’impianto elettrico in funzione della sua efficienza energetica.

Parte 8-2 “Low voltage prosumer’s installation”Questa Parte fornisce requisiti supplementari, misure e raccomandazioni per il progetto, l’installazione e la verifica di tutti i tipi di impianti elettrici in bassa tensione, compresi i sistemi di produzione locale e di accumulo di energia. Tutto ciò per assicurare la compatibilità con le modalità attuali e future di distribuire l’energia elettrica verso gli apparecchi utilizzatori o verso la rete pubblica per mezzo di fonti locali di produzione. La prima edizione della Norma IEC 60364-8-2 è stata pubblicata nel mese di ottobre 2018 e non è stata ancora recepita e pubblicata dal CEI.

Parte 8-3 “Smart grid interface”

Questa Parte nasce come “Technical Specification” e non come Norma internazionale. Ad oggi l’obiettivo è quello, in continuità con la Parte 8-2, di fornire requisiti e raccomandazioni ad utenti e gestori/distributori di energia per impianti elettrici in bassa tensione al fine di garantire il corretto funzionamento degli impianti stessi come utenti consumatori e produttori di energia (i “prosumers” di cui nella Parte 2). Questi requisiti e raccomandazioni naturalmente tengono conto primariamente della sicurezza e del funzionamento corretto degli impianti. Il documento è nel- le fasi finali di commenti e voto, in fase di sviluppo nei WG internazionali.

Altro argomento relativamente recente è la standardizzazione di “modelli” per la realizzazione di impianti elettrici con alimentazione in corrente continua, generata spesso da fonti rinnovabili (sole, vento, …) sempre più richiesta e destinata a portare energia in luoghi isolati e in Paesi del mondo dove è più difficile per la popolazione l’accesso alla “elettricità” come bene primario.

Il tema del momento si chiama infrastruttura, cioè un sistema in cui coesistono impianti di diversa natura: elettrico, domotico, telecomunicazioni. Il CT 64 dovrà coordinare la propria attività con quella di altri Comitati Tecnici. Potete fornirci il vostro parere?

Con le nuove tecnologie che si stanno affacciando, il punto fondamentale è la capacità di sommare e integrare competenze diverse, con un occhio di riguardo alla gestione dell’energia. Trasversalità è la parola-chiave che può garantire l’accesso a un nuovo modo di concepire gli impianti coniugando le competenze specifiche di ogni settore in una dimensione più ampia, che comprende anche la sfera intellettuale, culturale, perché si sta passando dalla logica di soddisfare un bisogno energetico all’idea di poter gestire quel bisogno, attraverso un sistema di dispositivi, impianti, applicazioni.

Si deve iniziare a ragionare in ottica prosumer guardando alla prossima evoluzione del cliente-utente che diventerà sempre più attivo, in grado di gestire una buona parte del suo consu- mo energetico.

È la strada richiesta dalle stesse direttive europee, che puntano a eliminare le barriere che finora hanno ostacolato lo sviluppo di alcune soluzioni tecnologiche, soprattutto nelle infrastutture condominiali.

Si andrà nella direzione di realizzare infrastrutture energetiche analizzando, valorizzando, gestendo e scambiando vettori energetici. La tendenza punterà sulla realizzazione di mix tecnologici per la gestione dei consumi delle energie:

  • riscaldamento/raffrescamento;
  • produzione di acqua calda sanitaria;
  • gestione dell’energia elettrica;
  • ventilazione meccanica controllata.

La tecnologia IoT, Internet of Things, renderebbe connesse tutte le singole tecnologie.

In un articolo pubblicato nell’ambito di questo Officers’Corner relativamente all’attività del CT 64, si mettono in evidenza le tendenze verso l’utilizzo delle nuove tecnologie, il loro impatto con la legislazione italiana vigente, nonché l’andamento economico del mercato del settore dell’impiantistica elettrica.

Il CT 64, di fronte all’evoluzione della tecnologia e delle sue trasformazioni in atto sarà sempre più impegnato a coordinare i propri Gruppi di Lavoro non solo con altri Comitati di riferimento, ma anche con Osservatori di Ricerca Universitari.

L’integrazione e lo scambio culturale è la chiave per gestire al meglio le nuove frontiere dell’evoluzione culturale in ambito energetico.

Le norme CEI sono il frutto del lavoro normativo svolto a livello internazionale IEC ed europeo CENELEC. Qual è il contributo degli esperti italiani del CT 64 in queste sedi?

Da sempre l’attività di esperti italiani nei CT e nei Gruppi di Lavoro IEC e CENELEC è stata proficua e rilevante, grazie all’elevata competenza e disponibilità dei nostri esperti a partecipare ai lavori e, in alcuni casi, a pilotarne il coordinamento e l’ottenimento dei risultati.

Esperti italiani sono presenti nei principali Project Team, Maintenance Team e Working Group dove le norme sono sviluppate e dove i progetti più rilevanti nascono e prendono forma.

In sede IEC e, in minor misura (anche se a volte qualitativamente rilevante), in sede CENELEC, è richiesta la presenza assidua e competente di esperti, per far sì che le norme pubblicate siano uno specchio fedele e condiviso del “know how” e delle abitudini progettuali e realizzative degli impianti elettrici (e di quello che c’è intorno) in Italia.

Da sottolineare, ciò nondimeno e in particolare in questi anni di crisi, la difficoltà di seguire con puntualità e tempestivamente le riunioni in sede internazionale (spesso legittimamente previste fuori dall’Europa), a causa dell’impegno in termini di tempo e risorse economiche che non sempre aziende, associazioni, organizzazioni, università e ministeri possono affrontare con facilità.

L’operazione non è sempre facile e quindi non sempre si arriva al raggiungimento dei risultati auspicati. Sarebbe opportuno ridare motivazioni e nuovi stimoli affinché gli sforzi e le risorse impegnate trovino riscontri più adeguati e soddisfacenti rispetto a quelli attuali.

Potete indicarci quali sono le tematiche attualmente in fase di sviluppo nel CT 64?

Il CT 64, in ambito IEC e CENELEC, e di conseguenza nel recepimento delle norme a livello CEI, sta sviluppando la Parte 8 della 60364 con particolare attenzione allo sviluppo degli impianti in termini di efficienza, prestazioni e migliore utilizzo delle risorse.

Fino a ieri la Norma CEI 64-8, in analogia con  le sue equivalenti in ambito internazionale, si è occupata degli aspetti di sicurezza legata alla protezione delle persone, degli ambienti e degli stessi impianti elettrici e dei loro componenti. Relativamente alla Parte 8 della Norma è esaustivo quanto è stato già risposto ad una domanda precedente.

Il TC 64 lavora permanentemente sulla manutenzione e sullo sviluppo delle Parti tradizionali della Norma IEC e su alcuni dei capitoli dedicati agli ambienti speciali.

Questa attività di revisione e aggiornamento si rende opportuna, ed alcune volte necessaria, per seguire gli sviluppi tecnologici di prodotti e soluzioni e per standardizzare quanto più possibile le tendenze di progettazione e di mercato compatibili con lo spirito della norma (sicurezza e funzionalità degli impianti elettrici) e con un occhio attento alle nuove esigenze ambientali ed energetiche.

In questi mesi, ad esempio, è all’esame del CT 64 il risultato dell’inchiesta pubblica della Variante 6 (progetto C.1229) contenente i testi dei seguenti documenti:

  • A Variante “Fuoco”;
  • B Nuovo Allegato ZA “Classificazione delle influenze esterne” del Capitolo 51 “Regole comuni”;
  • C Revisione della Parte 6 “Verifiche”.

Per quanto riguarda i documenti internazionali, attualmente oggetto di esame per commenti e voto, si ricorda in particolare l’evoluzione dei capitoli:

  • 41 “Protezione contro i Contatti Diretti ed Indiretti”;
  • 42 “Protezione contro gli Effetti Termici”;
  • 53 “Dispositivi di Protezione, di Sezionamento e di Comando”;
  • 551 “Gruppi Generatori di Bassa Tensione”;
  • 701 “Locali contenenti Bagni o Docce”;
  • 702 “Piscine e Fontane”;
  • 710 “Locali medici”;
  • 712 “Sistemi Fotovoltaici (PV) di Alimentazione”.

In ambito esclusivamente nazionale, nel campo delle Guide CEI che risultano strumenti utili e importanti per la corretta interpretazione e il corretto utilizzo delle norme a cui si riferiscono, il CT 64 è organizzato in Gruppi di lavoro specifici che hanno in carico lo sviluppo delle singole guide e il loro eventuale aggiornamento in relazione all’ultima edizione della norma o della parte di norma a cui si riferiscono.

Di particolare interesse, risulta la revisione in corso dei seguenti documenti:

  • CEI 0-2 “Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici;
  • CEI 0-10 “Guida alla manutenzione degli impianti elettrici”;
  • CEI 64-14 “Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori”;
  • CEI 64-53 “Guida per l’integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri particolari per edifici ad uso prevalentemente residenziale”;

CEI 64-56 “Guida per l’integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e per la predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissione dati negli edifici. Criteri particolari per locali medici”.

SC 64C PROTEZIONE CONTRO L’INCENDIO

Calogero TURTURICI – Presidente del SC 64 C

Nato ad Agrigento nel 1964, laureato 110 e lode in Ingegneria elettronica a Palermo nel 1990. È entrato nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel 1995, dove attualmente è Dirigente con incarico di Comandante della provincia di Bergamo. Dal 2002 è docente presso l’Istituto Superiore Antincendi per i funzionari del CNVFF in impianti elettrici e Direttive ATEX. Dal 2004 è il referente nell’ambito dell’Accordo CEI-VVF e in tale veste svolge attività di docenza ai corsi CEI per impianti elettrici e rischio d’incendio e attività di relatore ai convegni di formazione gratuita CEI. Dal 2011 è membro dei seguenti CT del CEI: 31, 31J, 81, 64, 64C, 99, ai quali si sono aggiunti, dal 2013, i CT 20, 89 e 216 e, dal 2014, la rappresentanza VVF presso la Commissione Superiore Tecnica del CEI. Partecipa inoltre ai Maintenance Teams dei seguenti documenti: Guida CEI 31-35, Guida CEI 31-35/A, Guida 11-35, Guida CEI 64-50, Guida CEI 82-25, Guida alla Norma CEI EN 60079-14, Guida 0-10, Guida 64-14 e Capitolo 38 della Norma CEI 64-8. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche e articoli tecnici in materia di prevenzione incedi e sicurezza impiantistica.

Giovanni CASSINELLI – Segretario CEI SC 64 C e Coordinatore del GdL 2

È nato a Tradate (VA) nel 1958. Si è laureato in Ingegneria Elettrica all’Università di Pavia nel 1983. Ha iniziato a lavorare in BTcino nel 1984 nel reparto R&D designer in domestic appliances, dal 1996 al 1999 nel ruolo di Test Laboratory Manger e dal 1999 Test Laboratory and Standardisation Department Manager. È membro attivo in numerosi Organi Tecnici, citiamo di seguito i principali incarichi:

  • Presidente del CT 23 “Apparecchiatura a bassa tensione”,
  • Segretario del SC 64C “Protezione contro i pericoli di incendio”,
  • Coordinatore del GdL 2 “Protezione contro le sovratensioni, scelta dei componenti elettrici, alimentazione dei circuiti di sicurezza, verifiche degli impianti elettrici”;

CENELEC:

  • Segretario del SC 23E “Circuit breakers and similar devices for household and similar applications”,
  • Membro del BTWG 143-1 “LVD standardization in the EU regulatory framework”;

IEC:

  • Segretario SC 23E “Circuit-breakers and similar equipment for household use”;
  • Convenor TC 23/SC 23E/WG 1 “Miniature circuit-breakers for domestic and similar purposes, and maintenance of IEC 60898 and 62019 series”;
  • Convenor TC 64/MT 36 “Maintenance of IEC 60364-5-53, Clause 531”;
  • Liaison TC 23/SC 23E con il TC 3/SC 3C “Graphical symbols for use on equipment” e con il TC 23/SC 23B “Plugs, socket-outlets and switches”.

Nel 2016 gli è stato conferito dalla IEC il Thomas Edison Award.

Ci potete illustrare l’attività del SC 64 C?

Lo scopo del SottoComitato 64C è la preparazione di norme e guide di applicazione aventi l’obiettivo di prescrizioni di sicurezza ai fini della protezione delle persone e degli impianti elettrici contro i pericoli di incendio.

A tal fine, è importante segnalare che la Presidenza del SC 64C è affidata ad un Dirigente del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, in virtù di un accordo in vigore da molti anni tra il Comitato Elettrotecnico Italiano e il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Questo accordo permette di armonizzare le prescrizioni normative del CEI con i regolamenti emanati dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Il SC 64C, autonomo nella sua attività, lavora comunque in stretto coordinamento con il CT 64 Gruppo Consultivo per lo sviluppo delle attività normative che possono essere sviluppate anche a seguito di richieste da parte di Enti o Associazioni professionali di categoria.

La norma principale di riferimento per l’attività del SC 64C è la Norma CEI 64-8; in particolare, il SC è chiamato a sviluppare le Parti di questa norma specificatamente dedicate al pericolo di incendio, tenendo conto dei documenti IEC e CENELEC.

Le Parti in argomento sono le seguenti:

  • Parte 4 – Prescrizioni per la sicurezza (Sezione 422 – Protezione contro gli incendi; Sezione 423 – Protezione contro le ustioni; Sezione 424 – Protezione contro i surriscaldamenti);
  • Parte 5 – Scelta ed installazione dei componenti elettrici(Sezione 527 – Scelta e messa in opera delle condutture avente lo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell’incendio; Capitolo 56: Alimentazione dei servizi di sicurezza;
  • Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari (Sezione 711 – Fiere, mostre e stand; Sezione 751 – Ambienti a maggior rischio in caso di incendio; Sezione 752 – Impianti elettrici nei luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento).

Quali sono le aree di maggior interesse, allo stato attuale ma anche in prospettiva futura?

Il SC 64C ha elaborato la cosiddetta “Variante Fuoco” contenuta nel Progetto C.1229 della Variante 6 della Norma CEI 64-8 con la quale si interviene sulle Parti di competenza per renderle congruenti con i criteri di sicurezza antincendi da applicare alle opere di costruzione ai fini del conseguimento del requisito di base n. 2 dell’allegato 1 del regolamento (UE) 305/2011. Attualmente il SC sta esaminando i commenti ricevuti sulla Variante durante la sua fase di Inchiesta Pubblica.

Il SC 64C fornisce, altresì, la sua collaborazione al CT 20 “Cavi elettrici” del CEI per la preparazione dei documenti normativi ai fini dell’applicazione del richiamato Regolamento 305 ai cavi elettrici: il risultato di questa collaborazione è stato, ad oggi, la pubblicazione della Norma CEI 64-8;V4.

Un altro documento normativo che sta vedendo il coinvolgimento del SC è la completa revisione della prima edizione della Norma CEI 64-20 “Impianti elettrici nelle gallerie stradali”, pubblicata nel 2015, anche ai fini dell’attuazione delle disposizioni del Regolamento TEN.

Per quanto riguarda le nuove attività, oltre all’attenzione che  sarà  dedicata  nel  seguire i lavori IEC e CENELEC di competenza, il SC 64C fornirà il proprio contributo per l’aggiornamento delle Guide del CT 64, quali le:

  • CEI 64-51: Esecuzione degli impianti elettrici nei centri commerciali;
  • CEI 64-52: Esecuzione degli impianti elettrici negli edifici scolastici;
  • CEI 64-54: Esecuzione degli impianti elettrici nei locali di pubblico spettacolo;
  • CEI 64-55: Esecuzione degli impianti elettrici nelle strutture alberghiere;
  • CEI 64-56: Esecuzione degli impianti elettrici nelle strutture ospedaliere.

SC 64E – IMPIANTI ELETTRICI IN AMBITI PREGEVOLI PER LA RILEVANZA STORICA E/O ARTISTICA

Michele MAZZARO – Presidente del SC 64E

Nato ad Acerenza (Potenza) nel 1968, laureato in Ingegneria Elettrotecnica alla “Sapienza” presso l’Università di Roma nel 1994, dove ha svolto il dottorato di ricerca in Ingegneria Elettrica. È entrato nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel1998. Dal 2018 è Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Incendi e Rischi Industriali del CNVVF. Già Dirigente del Nucleo Investigativo Antincendi della Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica dal 2014, analista per la cura delle istruttorie relative ad attività a rischio di incidente rilevante (direttive Seveso) e Ispettore per la verifica del Sistema di Gestione delle Sicurezza. Rappresentante designato del Ministero dell’Interno in ambito CEI dal 2004 e membro del Comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi e della Commissione consultiva centrale per il controllo delle armi. Ha svolto numerosi corsi e seminari su impianti elettrici e normativa di prevenzione incendi per funzionari del CNVVF e presso le Università oltre che nell’ambito dei seminari di formazione gratuita CEI, di cui è relatore fin dal 2004. È autore di testi e di numerosi articoli scientifici sui predetti temi.

Giulio DALL’OLIO – Segretario CEI SC 64C e Coordinatore del GdL 2

È nato a Medicina (B0) nel 1951. Si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica presso l’Università degli Studi di Bologna nel 1977. È Presidente del Consiglio di Amministrazione e Legale Rappresentante della Pyramis Srl, nonché Progettista Senior esperto di risparmio energetico. A livello normativo, ha ricoperto e ricopre tuttora i seguenti incarichi:

  • Segretario del CEI SC 64E “Impianti elettrici in ambiti pregevoli per rilevanza storica e/o artistica” (dal 2016);
  • Membro nel CEI SC 64C “Protezione contro i pericoli di incendio”;
  • Coordinatore del GdL CEI 0-10 “Manutenzione degli impianti elettrici”;
  • Componente del CEI CT 64-50 “Installazione degli impianti elettrici negli edifici”;
  • Esperto italiano dell’IEC MT/TC 64, IEC 60364-8- “Low voltage electrical installations Energy Efficiency”;
  • Esperto italiano del CENELEC TC 64 “Electrical installation and protection against electric shock”;
  • Esperto elettrico SBS (Small Business Standards – Europe);
  • Responsabile del Prezziario degli Impianti Elettrici e Speciali della Camera di Commercio di Bologna.

Svolge inoltre attività di consulenza e di docenza ed ha scritto numerosi testi sul risparmio energetico, mercato dell’energia elettrica e gas, sicurezza elettrica e formazione PES, PAV e CEI 11-27.

Qual è il campo di attività del SC 64E?

Lo scopo del SottoComitato 64E è quello di costituire il punto di riferimento per gli aspetti normativi riguardanti i criteri per la realizzazione o per l’adeguamento degli impianti elettrici per gli edifici pubblici o privati, monumentali o meno, pregevoli per rilevanza storica o artistica sia del punto di vista della struttura che del contenuto o di entrambe, destinati ad abitazione, al culto, a bene demaniale, oppure adibiti a musei, gallerie, mostre o esposizione di oggetti d’arte o collezioni, biblioteche, archivi storici, teatri e simili. Questi edifici risultano sottoposti a tutela ai sensi della legislazione vigente (Decreto Legislativo 42 del 22.1.2004).

Considerato lo scopo del SottoComitato, è di fondamentale importanza la partecipazione degli esperti del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT).

La Presidenza del SC 64E è affidata, come per il SC 64C, ad un Comandante del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, tenendo conto della necessaria atten- zione da porre per l’individuazione di misure progettuali che devono anche garantire la protezione contro i pericoli di incendio degli edifici sottoposti a tutela (obiettivo della prevenzione incendi noto come tutela dei beni).

Il SottoComitato segue costantemente l’attività normativa dei Technical Committees 64 del CENELEC e della IEC.

In ambito nazionale il SC 64E mantiene contatti di collaborazione con altri Comitati Tecnici del CEI, tra cui si segnalano:

  • CT 20 – Cavi per energia;
  • CT 79 – Sistemi di rilevamento e segnalazione per incendio, intrusione, furto, sabotaggio e aggressione;
  • CT 81 – Protezione contro i fulmini;
  • CT 205 – Sistemi bus per edifici;
  • CT 306 – Interconnessione di apparecchiature di telecomunicazione.

Quali sono le aree di maggior interesse, allo stato attuale ma anche in prospettiva futura?

Bisogna premettere che nell’ottobre del 1998, il CEI ha pubblicato la Norma CEI 64-15 “Impianti elettrici negli edifici pregevoli per rilevanza storica e/o artistica”; si tratta di una Norma Sperimentale, che presenta aspetti di grande modernità rispetto ad analoghe norme pubblicate nello stesso periodo e che è nata dalla necessità di realizzare e adeguare gli impianti elettrici negli edifici indicati nel titolo e soggetti a tutela ai sensi della Legge 1 giugno 1939, n. 1089.

Infatti, dato il suo carattere sperimentale e la particolarità degli edifici trattati, la norma annovera talune prescrizioni dichiarate a “sicurezza equivalente” che consentono di derogare alle indicazioni più generali della Norma CEI 64-8 ma che possono essere applicate solo in presenza di vincolo artistico.

Il SC 64E ha ereditato per competenza proprio la Norma CEI 64-15 e, considerato sia il lungo tempo trascorso dalla pubblicazione della stessa sia l’evoluzione della normativa di settore (ad esempio, sono in fase di emanazione specifiche norme di prevenzione incendi per gli edifici di pregevole valore storico ed artistico) ha preso in carico la revisione di questa norma, avendo come obiettivo l’aggiornamento dei contenuti della stessa proprio sulla base delle nuove disposizioni legislative e normative.

In particolare si terrà conto anche delle definizioni e delle disposizioni riportate dal succitato D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, “Codice dei beni culturali e del paesaggio”.

Dal punto di vista tecnologico, particolare attenzione sarà posta alle soluzioni suggerite dalla domotica e dalle tecnologie di cablaggio strutturato che potrebbero permettere progettazioni e installazioni impiantistiche tali da superare i vincoli architettonici che presentano gli edifici sottoposti a tutela.

Trattandosi, come già evidenziato, di ambienti che, in caso di incendio, possono risultare molto vulnerabili (pensiamo al recente incendio della cattedrale di Notre Dame di Parigi) risulta importante una maggiore sinergia con gli altri Comitati Tecnici e con le aziende produttrici in maniera da studiare, insieme, le soluzioni progettuali più adatte per conseguire sempre più elevati standard di sicurezza.

Scrivere una Norma che si occupi degli “Impianti elettrici in ambiti pregevoli per rilevanza storica e/o artistica” rappresenta un lavoro notevole e di grande impegno. I componenti del SC 64E si sono adoperati sin dalla costituzione del SottoComitato per ottenere il massimo dei risultati.

Occorre sottolineare che, anche in presenza di luoghi particolari e vincolati, è necessario rispettare sempre per prima cosa la sicurezza ma nel caso specifico non bisogna dimenticare l’aspetto artistico. Un impianto deve essere sicuro ma anche bello.

Spesso si vedono installazioni elettriche che rischiano di rovinare l’estetica di edifici storici che, per la maggior parte dei casi, sono “unici”, soprattutto nel nostro prezioso territorio Italiano.

Il SC 64E si prefigge l’obiettivo di incrementare il numero delle figure, delle foto, dei disegni e di esempi pratici di chiarimento. Gli esempi e le figure sono la certezza di un impulso nel rendere più facile il lavoro degli installatori e per ridurre al minimo gli errori e i possibili contenziosi. Il SC vuole fare propria, in occasione dell’anno dedicato a Leonardo da Vinci, l’affermazione dell’illustre scienziato “O scrittore con quali parole potrai eguagliare la perfezione del disegno?”. Il disegno è sicuramente più facile da comprendere.

CT 64 Gruppi di Lavoro operativi

Il Gruppo Consultivo del CT 64 ha costituito 3 Gruppi di Lavoro permanenti, ciascuno incaricato di esaminare i documenti IEC e CENELEC che vengono preparati in sede internazionale ed europea in modo da fornire il contributo del CT 64 italiano ai lavori normativi. Questi tre Gruppi possono essere chiamati ad elaborare bozze di norme, guide o altri documenti inerenti il proprio campo di applicazione. Abbiamo chiesto ai Coordinatori di questi Gruppi di Lavoro di fornirci una descrizione delle attività in cui sono impegnati in questo momento.

GdL 1 “Protezione contro i contatti diretti, indiretti e le sovracorrenti”

Matteo GAVAZZENI – Coordinatore del GdL 1

È nato a Seriate (BG) nel 1971. Si è laureato in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Milano nel 1997. Lavora in Gewiss dal 1998 dove riveste attualmente le funzioni di Standards, Quality Marks and Certifications Manager e Industrial Properties (IP) Manager in materia di prodotti e impianti BT, legislazione e norme internazionali, certificazione e proprietà intellettuale, qualità e sicurezza, gestione dei laboratori. Ricopre numerosi incarichi in ambito normativo:

  • Presidente IEC SC 23K “Electrical products for Energy Efficiency”;
  • Convenor IEC SC 121B MT8 (IEC 61439-7 Low-voltage switchgear and controlgear assemblies);
  • Presidente IEC TC 70 “Degrees of protection provided by enclosures” (2007-2016);
  • Convenor IEC TC 70 MT2 (IEC 62262 IK Degree);
  • Convenor IEC SC 23E WG2 “Automatic Reclosing devices for MCBs, RCDs and RCBOs”;
  • Presidente SC 23E “Interruttori automatici per applicazioni domestiche e similari”;
  • Presidente SC 23K “Prodotti per l”efficienza energetica elettrica”;
  • Segretario CT 70 “Involucri di protezione”;
  • Segretario CEI CT 104 “Condizioni ambientali. Classificazioni e metodi di prova”;
  • Membro CECAPI Steering Committee;
  • Convenor Gruppo Direttive Europee di ANIE;
  • Membro “Policy & Strategy Forum” e del “Certification Management Committee – CMC” IECEE dal 2014.

Il Gruppo di Lavoro 1 del CT 64 si occupa principalmente delle sezioni della Norma CEI 64-8 che definiscono i requisiti tecnici che è necessario rispettare affinché sia garantita la protezione nei confronti dei contatti elettrici e delle sovracorrenti.

Unitamente ai suddetti requisiti, oggetto delle varie sezioni che compongono la Parte 4 della Norma CEI 64-8, il Gruppo di Lavoro si occupa dei criteri da adottare per la scelta degli apparecchi destinati ad assicurare tale protezione, coperti invece dalla Parte 5 della norma stessa.

Rientrano quindi tra gli ambiti di lavoro del Gruppo di Lavoro i criteri che definisco:

  • la protezione nei confronti dei contatti diretti: isolamento parti attive, involucri e barriere, ostacoli, distanziamento dalle parti attive, protezione addizionale mediante interruttori differenziale;
  • la protezione nei confronti dei contatti indiretti: intervento automatico delle protezioni, Classe II, luoghi non conduttori, collegamento equipotenziale locale non connesso a terra, separazione elettrica;
  • la protezione combinata dei contatti diretti/indiretti: SELV, PELV, limitazione della corrente e/o della carica elettrica;
  • la protezione nei confronti delle sovracorrenti: sovraccarichi, cortocircuiti;
  • la protezione contro i guasti tra sistemi di II e III categoria e la terra;
  • la scelta degli apparecchi di comando: funzionale, emergenza, manutenzione di tipo non elettrico;
  • la scelta degli apparecchi di sezionamento;
  • la scelta degli apparecchi di protezione nei confronti dai contatti elettrici: interruttori differenziali;
  • la scelta degli apparecchi di protezione nei confronti dai sovraccarichi e dai cortocircuiti: interruttori magnetotermici, fusibili;
  • il coordinamento tra gli apparecchi: selettività, back-up;
  • la scelta degli apparecchi di protezione nei confronti dai contatti: interruttori differenziali;
  • la scelta degli apparecchi per la protezione da minima tensione;
  • la scelta degli apparecchi di controllo: IMD, RCM, apparecchi per la localizzazione del guasto;
  • Impianti di terra: di protezione, funzionale, combinato.

Recentemente il Gruppo di Lavoro 1 ha lavorato sulla preparazione di una tabella che fornisce la classificazione degli impianti elettrici nei confronti delle influenze esterne, documento inserito nella Variante 6 della Norma CEI 64-8 oggetto di recente inchiesta pubblica. Si tratta di un testo che classifica i diversi ambiti installativi definendo parametri quali: temperatura, umidità, vibrazioni, acqua, polvere, presenza di sostanze chimiche, flora, fauna, presenza di materiale combustibile, competenza degli operatori del settore.

GdL 2 “Protezione contro le sovratensioni, scelta dei componenti elettrici, alimentazione dei circuiti di sicurezza, verifiche degli impianti elettrici”

Giovanni CASSINELLI – Coordinatore del GdL 2

L’attività del Gruppo di Lavoro 2 si svolge in sintonia con quanto definito nel CT 64 Gruppo Consultivo, partendo dai documenti HD approvati in sede CENELEC.

Nel corso dell’ultimo anno, il Gruppo di Lavoro 2 ha lavorato attivamente alla preparazione delle versioni rinnovate dei documenti HD delle Parti 443 e 534 relativi alla protezione contro le sovratensioni transitorie. Il nuovo testo è stato poi pubblicato come Variante 5 alla CEI 64-8 lo scorso mese di febbraio.

Negli ultimi mesi, poi, il GdL 2 è stato impegnato a recepire il documento HD 60364-6 relativo alle verifiche degli impianti. In questo caso, il lavoro ha tenuto conto anche dei lavori del GdL 64-14 che sta preparando la guida per la verifica degli impianti.

Intensa è anche l’attività di esame dei documenti, sia IEC che CENELEC, che vengono di volta in volta analizzati e commentati in modo da dare un fattivo contributo alla discussione ed alla finalizzazione dei documenti stessi in norme.

GdL 3 “Ambienti ed applicazioni particolari”

Alberto SIANI – Coordinatore del GdL

Il GdL3 ha in carico l’esame dei documenti IEC e CENELEC dei capitoli relativi agli “Ambienti speciali (Parte 7)” ad eccezione delle Sezioni 711/740 (Fiere, mostre e stand), 751 (Ambienti a maggior rischio in caso di incendio) e 752 (Edifici aperti al pubblico) che sono di competenza del SC 64C che si occupa dell’argomento generale “Protezione contro gli Incendi”.

Di queste stesse parti della Norma, il GdL3 ha in carico la verifica e la correttezza delle versioni italiane per la pubblicazione all’interno della Norma CEI 64-8 e lo sviluppo/manutenzione di eventuali guide CEI applicative ad essa afferenti.

Inoltre, il GdL3 ha la responsabilità di seguire lo sviluppo IEC e CENELEC dei documenti della nuova Parte 8 (e delle sue sezioni), nonché della pubblicazione dei relativi documenti in italiano facenti parte della Norma CEI 64-8.


condividi su facebook   condividi su twitter
Articoli più letti
In principio fu la pila 110 ANNI DI NORMAZIONE CLASSIFICAZIONI E PROVE AMBIENTALI CITOFONIA E OLTRE: IL NUOVO PANORAMA NORMATIVO IMPIANTI BT IMPIANTI ELETTRICI DI BASSA TENSIONE IL CEI PREMIA CINQUE TESI DI LAUREA A ROMA IL SIMPOSIO “EMC EUROPE 2020” LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI SC 309A NUOVE TECNOLOGIE E MATERIALI PER DISPOSITIVI INTELLIGENTI PORTATILI NUOVA GUIDA CEI 99-6 PER SISTEMI DI MESSA A TERRA PER IMPIANTI ELETTRICI MUOVERSI CON INTELLIGENZA AGGIORNATE LE REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2018 RICCARDO LAMA NUOVO PRESIDENTE GENERALE CEI GESTIONE E CONTROLLO DELLE CARICHE ELETTROSTATICHE LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 306 LA CONNETTIVITÀ IN AMBITO RESIDENZIALE PER LA DIGITAL HOME ICDL 2019: A ROMA LA CONFERENZA INTERNAZIONALE DELL’IEEE EFFICIENZA ENERGETICA DELL’ILLUMINAZIONE EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICUREZZA DEGLI ISOLAMENTI PER BASSA TENSIONE NUOVE NORME SUL FOTOVOLTAICO NUOVA VARIANTE 5 NORMA CEI 64-8 GUIDA CEI 64-12 ALLA PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE OPERE EDILI NUOVI SERVIZI CEI BOOKMARK E NOTEPAD LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA NELLA TECNOLOGIA SOTTOCOMITATO CEI SC 210/77B COSTANTE PROGRESSO E DIFFUSIONE DELLA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ DAL VENTO LE INTERVISTE AGLI OFFICERS CEI CT 88 EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE RADIO E TV DI QUALITÀ IL CT 316: TRA NORMAZIONE TECNICA E REGOLAZIONE CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA CEI 2019 SOCI CEI 2019: PROTAGONISTI DEL FUTURO INDUSTRIA 4.0: TECNOLOGIE ABILITANTI CORSI CEI 0-14 PER LE VERIFICHE DEGLI IMPIANTI: TERRA, ATEX E FULMINI COMITATO TECNICO CEI 316 PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI DALLE SOVRATENSIONI TRASFORMATORI DI MISURA INNOVATIVI CONVEGNI DI FORMAZIONE GRATUITA 2019: LA FORMAZIONE A NORMA ARRIVA IL SERVIZIO BOOKMARK QUADRI DI AUTOMAZIONE E DISTRIBUZIONE NUOVE NORME PER L’INDUSTRIA 4.0 ITS SCHOOL PROJECT: ASSEGNATO IL PRIMO PREMIO, AL VIA IL BANDO 2019 ENERGIA ELETTRICA A PORTATA DI TUTTI E2 FORUM: MOSTRA SU MOBILITÀ VERTICALE E TECNOLOGIE INTELLIGENTI PER GLI EDIFICI AGGIORNATA LA NORMA PER GLI INTERRUTTORI MANUALI I CONCETTI DI BASE PER I SISTEMI DI ALLARME NORME TECNICHE E REGOLA DELL’ARTE PER SISTEMI DI SICUREZZA SISTEMI E COMPONENTI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER TRAZIONE IL PREMIO CEI – MIGLIOR TESI DI LAUREA 2018 PREMIERA’ PER LA PRIMA VOLTA CINQUE STUDENTI L’IMPIANTO ELETTRICO UTILIZZATORE A SERVIZIO DELL’AZIENDA 4.0 CORSO CEI INDUSTRIA 4.0 CORSO CEI CAVI CPR COMITATO TECNICO CEI CT 81 L’ATTIVITÀ TECNICO-NORMATIVA CEI NEL 2017 A SUPPORTO DELL’INDUSTRIA E DEL PAESE UNA CASA EFFICIENTE E MODERNA ASSEMBLEA GENERALE E PREMIAZIONI CEI RILEVAZIONE DEI GUASTI NEI SISTEMI ELETTRICI VENTESIMA CONFERENZA INTERNAZIONALE IEEE SUI LIQUIDI DIELETTRICI (ICDL) REGOLAMENTO CPR: TRE NUOVE VARIANTI CEI SUI CAVI SMART MANUFACTURING IL BACKGROUND TECNOLOGICO E NORMATIVO DI INDUSTRIA 4.0 I CAPITOLATI TECNICI ANIE PER LE DOTAZIONI DEGLI “IMPIANTI A LIVELLI” CONSOLIDANO L’IMPIEGO DELLE NORME CEI LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RETINICO DA RADIAZIONE LASER PROGETTAZIONE ANTINCENDIO PER GLI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE DI SUPPORTO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI L’IDROGENO COME VETTORE ENERGETICO SISTEMI DI ALLARME SONORO PER APPLICAZIONI DI EMERGENZA “PIANO IMPRESA 4.0” PUNTA SU INNOVAZIONE E COMPETENZE PROTEZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI BT CITTÀ E COMUNITÀ INTELLIGENTI E SOSTENIBILI: IL RUOLO DELLA NORMATIVA EUROPEA Confermato il ruolo del CEI quale organismo nazionale di normazione “ITS SCHOOL PROJECT”: il nuovo premio che vede gli studenti protagonisti PRODOTTI ELETTROTECNICI A PROVA DI FIAMMA DIVENTARE SOCI CEI NEL 2018: COME E PERCHÉ L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA A BORDO TRENO L’EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI MISURA DELL’ENERGIA NELL’ERA DELLA DIGITALIZZAZIONE PRIMO APPUNTAMENTO CON I SEMINARI CEI 2018 ECONOMIA CIRCOLARE PER LE IMPRESE DEL SETTORE ELETTRICO ED ELETTRONICO ESTERI NATURALI: COSA, COME E PERCHÈ IN ARRIVO I NUOVI SEMINARI DI FORMAZIONE GRATUITA 2018 LUCE SUL CRIMINE: NUOVA GUIDA CEI 34-161 ATMOSFERE ESPLOSIVE: IMPIANTI ELETTRICI SEMPRE PIÙ SICURI IMPIANTI TEMPORANEI, SICUREZZA PERMANENTE CEI: LA FORMAZIONE “A REGOLA D’ARTE” LOTTA ALLA CRIMINALITÀ: LA RISPOSTA NORMATIVA SICUREZZA ANTINCENDIO: PIÙ PREVENZIONE CON IL NUOVO CODICE DEI VIGILI DEL FUOCO COSTRUIRE LE “CITTÀ DEL FUTURO”: LE NORME CHIAVE DELL’EVOLUZIONE IL “TESORO DEGLI ITALIANI”: UN PATRIMONIO DA SALVAGUARDARE CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA DI SECONDA GENERAZIONE REGOLAMENTO PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR) SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI VARIANTE 1 ALLA GUIDA CEI 46-136 INTERVISTA A MARCO FONTANA (PRESIDENTE) E UMBERTO PARONI (SEGRETARIO) CEI/CT 20 LE NUOVE FRONTIERE DELL’ILLUMINAZIONE PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN RELAZIONE ALLE ESIGENZE UMANE Norma Italiana CEI 64-21 e utenze deboli: il videocitofono smart CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI AUTOMAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNICI NEGLI EDIFICI NORME E ATTIVITÀ DEL COMITATO TECNICO CEI 44 LA PROTEZIONE DELLE PERSONE CON LE TECNOLOGIE FOTOELETTRICHE IMPIANTI A LIVELLI VARIANTE 3 ALLA NORMA CEI 64-8 CONFERENZA SULLA DIGITALIZZAZIONE INTERNAZIONALE ARRIVA LA NEWSLETTER DEI CORSI CEI ACCORDO ACCREDIA – CEI LA RICARICA DEI VEICOLI ELETTRICI: INTEROPERABILITÀ E SICUREZZA MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER Soci CEI 2017 MISURE E UNITÀ DI MISURA NUOVA GUIDA TECNICA CEI 100-7 APPARECCHIATURA DI MANOVRA MT-AT E NORMATIVA CEI INTERVISTA A GIACOMO CORDIOLI, PRESIDENTE DEL CEI/CT 17 Primo Seminario di formazione gratuita CEI 2017 “Impianti elettrici. Prestazioni funzionali e di sicurezza” IL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0 PER IL QUADRIENNIO 2017-2020 INTERVISTA A MARIO SILINGARDI, PRESIDENTE USCENTE CEI/SC 31J MEDICALE, INDUSTRIALE, DATA CENTER COME PROGETTARE UN DATA CENTER: DISPONIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA PROSIEL ROADTOUR 2017: LA VOSTRA SICUREZZA È LA NOSTRA META RINNOVATO L’ACCORDO CHE RAFFORZA IL COMMERCIO GLOBALE E ALLARGA L’ACCESSO AI MERCATI CEI MAGAZINE: NASCE IL SITO DEDICATO IL FOTOVOLTAICO E LA NORMATIVA CEI Comitato Tecnico 82 CEI “Sistemi di conversione fotovoltaica dell’energia solare”